Pensioni ultime notizie, dal 1° gennaio cinque mesi in più di requisito

Si discute ancora molto sul tema pensioni e su quelle che sono le misure che il governo intende approvare per potere superare questa riforma Fornero. Proprio in queste settimane, l’esecutivo sta varando tutta una serie di accorgimenti per poter modificare l’aspetto attuale e rispettare il diritto di accesso alla pensione e ridare dignità agli italiani. A partire dal 1 gennaio 2019, sembra essere scattato l‘aumento di cinque mesi per l’adeguamento delle pensioni alle aspettative di vita. L’incremento rispetto al requisito previdenziale riguarderebbe tutti i principali strumenti, ma ci sarebbero comunque delle eccezioni, ovvero non verrebbe applicato alcun tipo di incremento ai cosiddetti addetti a lavori usuranti o mansioni gravose. Quindi ciò significa che a partire dal primo gennaio 2019 serviranno 5 mesi in più, sia per quanto riguarda le pensioni di vecchiaia che per quelle anticipate e quindi di conseguenza vediamo come cambia il requisito anagrafico e previdenziale per il 2019.

Leggi Anche  Barzagli, Bonucci e Chiellini piangono a C'è posta per te

Per la pensione di vecchiaia, occorrono 67 anni e non più 66 e 7 mesi come previsto fino alle 2018, per la pensione anticipata invece occorrono 43 anni e 3 mesi di contributi per gli uomini e 42 anni e 3 mesi per le donne ed anche in questo caso si parla di 5 mesi in più rispetto a quelli precedenti 42 anni e 10 mesi ovvero uno meno per le donne. L’adeguamento riguarderebbe anche altre categorie di pensionati come ad esempio i precoci che sono gli unici a poter accedere al pensionamento avendo accumulato 41 anni di contributi.

In questo caso, a partire dal primo gennaio si è alzato anche il requisito ed occorreranno 41 anni e 5 mesi. Non sembra essere chiaro al momento invece quale sarà l’impatto della misura più attesa del 2019, ovvero quota 100. In questo caso, non ci sarà alcun tipo di adeguamento e si potrà accedere alla misura pensionistica una volta compiuti 62 anni di età e maturati 38 anni di contributi. Non ci sarà alcun tipo di adeguamento con i lavori usuranti e gravosi. Questi lavoratori quindi potranno ritirarsi con l‘età per la pensione di vecchiaia, oppure requisito per quella anticipata, senza dover applicare alcun tipo di adeguamento.

Leggi Anche  Fattura elettronica e flat tax ultime notizie, due ombre sulla crescita

Per poter presentare la domanda di pensione senza applicare 15 scatti le istruzioni sono contenute nei messaggi INPS numero 4804 del 2018, mentre i dettagli riguardanti le categorie esenti sono fornite dalla circolare numero 126 del 2018. Si rimane, dunque, in attesa del decreto che arriverà al massimo, entro la fine della prossima settimana che chiarirà tutti i dubbi relativi alla riforma pensioni 2019.

1 thought on “Pensioni ultime notizie, dal 1° gennaio cinque mesi in più di requisito

  1. buongiorno, ancora oggi 10/01/2019 non so cosa fare e che fine faccio … per il restante anni che ho da Vivere sono nato nel mese di Maggio 1956 ( ho quasi 63 Anni)
    Ad oggi ho maturato 42 Anni e 10 giorni… sono un dipendente statale… si parla di quota 100 finestra Luglio ma tra domanda per andare in pensione forse Ottobre 2019 .. per cui avrei 42 Anni e 10 Mesi e.. speravo di andar via dal lavoro.. ma purtroppo 5 Mesi in più!! Sento dire che la pensione arriverà dopo 6/8 mesi dall’uscita!! e 6/8 Anni per aver la liquidazione!! E’ SPAVENTOSO!!! come vivrò??? ma si rendono conto?? se vuoi un anticipo della liquidazione ( speranza) devi restituirla con gli interessi??? i miei soldi!!?? ma sono matti!!
    E poi si parla di VITALIZZI e Benefici e tanti parlamentari che tra pensione e vitalizzi o con pochi anni di parlamento prendono una cifra ESORBITANTE!! senza aver ” lavorato” e NOI dopo tanto NULLA o per lo meno prendere una MISERIA!!
    Buona Giornata.. spero vivamente le qualcuno Intervenga e metta un po’ di Ordine..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.