Reddito di cittadinanza settembre 2019: data ricarica, pagamento e prelievi

Torniamo a parlare del reddito di cittadinanza e nello specifico della procedura per ricevere il pagamento.  Una volta presentata la domanda relativa al reddito di cittadinanza, l’Inps andrà a verificare che il beneficiario sia in possesso dei requisiti e poi una volta terminati i controlli, sarà lo stesso ente a comunicare l’esito della domanda attraverso un sms. Nel caso in cui la domanda venga accolta, il beneficiario della misura verrà informato dell’esito positivo attraverso una comunicazione ufficiale che come abbiamo visto è inviata direttamente dall’istituto.  Il beneficiario riceverà quindi un sms con l’esito della pratica e poi ancora un altro con data e luogo dove andare a ritirare la carta reddito di cittadinanza.

Questa dovrà essere ritirata presso un ufficio di Poste Italiane.  Al momento del ritiro il beneficiario dovrà portare i documenti  e verrà consegnata quindi la card contenente già l’importo spettante. Questa carta è una comune Postepay di colore giallo, dove in rilievo sono presenti dei numeri, un microchip e non vi è alcun nominativo impresso.

Reddito di cittadinanza, pagamento settembre 2019

Per  questo mese di settembre, coloro che  sono già in possesso della card, riceveranno il pagamento della ricarica carta reddito cittadinanza e pensione di cittadinanza tra il 24 e il 27 settembre 2019.  Nel caso in cui invece si è stata presentata una nuova domanda di reddito cittadinanza e pensione di cittadinanza nel mese di settembre, l’elaborazione e le relative disposizioni di pagamento saranno inviate il 15 ottobre a forte che poi un’era la distribuzione delle card con la somma da accreditata.

Reddito di cittadinanza, domanda e requisiti

Ricordiamo che il reddito di cittadinanza è un aiuto universale contro la povertà ed è rivolto perlopiù a disoccupati e inoccupati e anche tutti coloro che hanno un reddito basso. Per poter ottenere il beneficio bisognerà presentare la domanda utilizzando i modelli domanda reddito cittadinanza aggiornati e pubblicati direttamente dall’INPS.  Coloro che non riescono a farlo autonomamente on-line, si potranno rivolgere a CAF convenzionati oppure direttamente presentare la domanda tramite Poste Italiane.

Una volta che la domanda sarà inviata, l’Inps effettuerà le verifiche su quelli che sono i requisiti in possesso del beneficiario e poi comunicherà l’esito. L’importo massimo erogato sarà di €780  e proprio grazie a questa carta si potranno tracciare e vincolare questi soldi destinati all’acquisto di determinati beni e consumi.  È previsto anche un limite ai prelievi in contanti che si possono effettuare con la carta e sono pari al €100 al mese per i single e €210 per le famiglie più numerose.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.