Scontrino elettronico 2019: è ufficiale l’esonero per taxisti, agricoltori e tabaccai

Entro il prossimo primo luglio scatterà l’obbligo di trasmissione telematica dei corrispettivi. Il testo del provvedimento è stato pubblicato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze soltanto lo scorso 16 maggio 2019. In questo provvedimento, che tra l’altro è stato particolarmente atteso, rientrano tutte le operazioni per cui non scatta l’obbligo in questa prima fase e nello specifico rientrano le cessioni di giornali, tabacchi, prodotti agricoli e tutte quelle effettuate sui mezzi di trasporto in viaggi internazionali. Quindi è adesso ufficiale l’esonero dall’obbligo di scontrino elettronico per queste categorie di lavoratori e quindi Agricoltori, tabaccai, taxisti e mezzi di trasporto pubblico e tutto ciò è stato sancito dal decreto del MEF e sta per essere pubblicato proprio in Gazzetta Ufficiale con firma del Ministro Tria.

Il testo del provvedimento va di indicare le attività commerciali che sono esonerate dall’obbligo di memorizzare elettronicamente e trasmettere quindi per via telematica gli incassi giornalieri che è stato previsto quindi dalla legge di finanza, ma si tratterà di un esonero però temporaneo e che in alcuni casi potrebbe essere valida soltanto fino alla fine del 2019.

Scontrino elettronico, gli esoneri

Il decreto inoltre a stabilire anche tutti quei soggetti esonerati che andranno ad effettuare operazioni marginali ovvero quelle attività che non vanno a superare il 1% del volume di affari complessivo che è stato realizzato nel 2018, nonché le cessioni e le prestazioni effettuate sui mezzi di trasporti in viaggi internazionali come ad esempio le navi da crociera. Nel testo si legge che non rientrano “le prestazioni di trasporto pubblico collettivo di persone e di veicoli e bagagli al seguito, con qualunque mezzo esercitato, per le quali i biglietti di trasporto, compresi quelli emessi da biglietterie automatiche, assolvono la funzione di certificazione fiscale”, in aggiunta alle “operazioni collegate e connesse, nonché le operazioni marginali, effettuate in relazione a quelle indicate nei due punti precedenti o rispetto a quelle per le quali è obbligatoria l’emissione della fattura”.L‘introduzione dello scontrino elettronico va quindi ad aggiungersi alla fattura elettronica e con questo si va a completare il progetto di digitalizzazione delle certificazioni fiscali.

I soggetti obbligati

Sono invece obbligati a trasmettere telematicamente e giornalmente I corrispettivi dal primo luglio 2019 gli operatori IVA e che hanno avuto nell’anno precedente al 2019 un volume di complessivo d’affari che deve essere superiore a €400000. Sono inoltre obbligati anche gli altri soggetti passivi IVA, soltanto però a partire dal prossimo 1 gennaio 2020. A partire poi dal primo gennaio 2020 scatterà l’obbligo di certificazione telematica a tutti i soggetti che esercitano attività di Commercio al minuto ed assimilate sarà anche accompagnato dalla lotteria degli scontrini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *