Tu sì que vales, Maria De Filippi: la battuta contro Matto Salvini in prima serata. Cosa è successo

Scatenata Maria De Filippi durante l’ultima puntata di Tu sì que vales: al termine dell’esibizione di un concorrente della scuderia Scotti, si è lasciata andare a una battuta sul leader della Lega e sulle politiche legate all’immigrazione. Così, poco dopo la De Filippi è salita su un canotto disposto al centro del palco poco dopo la fine della performance. Nel frattempo, l’amica Sabrina Ferilli, divertita, l’ha invitata pensare al momento in cui avrebbe riguardato la scena da casa: “Ti riguarderai e vedrai che uscita hai fatto con quel canotto”.

E la De Filippi non ha resistito: “Pensa Salvini”. Ha concluso l’attrice romana, da sempre attenta ai temi politici: “Ti blocca, manco ti fa arrivare”. Insomma Maria de Filippi è stata l’indiscussa protagonista della terza puntata di Tu sì que vales. Suo un altro dei momenti clou della puntata, avvenuto durante l’esibizione di un uomo che ha finto di essere capace di leggere la mano.

“Mi serve una ragazza vergine ma deve avere una certificazione” ha chiesto l’uomo provocando la rabbia della conduttrice che ha preteso che lasciasse lo studio: “Dopo questa lei per me può anche uscire”. Lasciato lo studio per protesta, è tornata a sedersi al suo posto solo quando Pietro aveva lasciato il palco.

Della De Filippi l’ultima battuta: “Si è certificato come cogl*** ed è uscito”. La terza puntata di Tu sì que vales, oltre che da una serie di momenti spot che hanno fatto il pieno di commenti sui social, è stata impreziosita dall’arrivo sul palco di due ospiti speciali: Emma Marrone e Alberto Urso. La cantante salentina è arrivata in studio per presentare Fortuna, il suo ultimo album.

Dopo lo stop legato alla necessità di curarsi, Emma è tornata a cantante a pieno ritmo e a conquistare un palco dietro l’altro con la sua incontenibile energia. Non c’è niente da fare, dove c’è Maria De Filippi c’è televisione e share. Grande donna, grande intrattenitrice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *