GFVip, Fausto Leali a rischio squalifica: parole razziste contro Enock

Pubblicato il: 21 Settembre 2020 alle 8:03

Il Grande Fratello Vip è partito solo sa una settimana ma già non mancano le polemiche. Dopo l’addio lampo di Flavia Vento, questa volte nell’occhio del ciclone sono finite alcune frasi shock di Fausto Leali.

Il cantate qualche giorno fa, già era stato richiamato dalla redazione e dallo stesso Alfonso Signorini per delle parole delle su Mussolini.In questo caso però potrebbe rischiare la squalifica…

Fausto Leali a rischio squalifica

Dopo le frasi su Mussolini, Fausto Leali è nuovamente al centro delle polemiche. Questa volta il bersaglio è stato Enock, fratello di Mario Balotelli. Durante una conversazione con gli altri amici in casa, infatti, il cantante si è rivolto all’ex calciatore chiamandolo “Negro” spiegando “Nero è un colore, negro è la razza”.

Immediata la risposta di Enock: “Da casa ci guardano, non deve passare questa cosa. Ho capito cosa vuoi dire ma è una parola che non deve essere detta altrimenti la gente pensa che è normale dirlo“. Il cantante non ha chiesto scusa ma si è semplicemente giustificato: “Ma dai smettila, nero è un colore, n**o una razza“; aggiungendo in seguito: “Allora devo cambiare anche il titolo della mia canzone Angeli Negri perché è dispregiativo? Esiste da 80 anni!” Immediata la risposta di Patrizia De Blanck: “Ora ti fanno la stessa cosa che ti hanno fatto per Mussolini, sono cazzi tuoi”.

“Entro al Grande Fratello Vip perchè mi pagano e ne ho bisogno”

L’entrata di Fausto Leali al Grande Fratello Vip aveva fatto parlare già dal prima dell’ingresso. In un’intervista al Quotidiano,  il cantante ha dichiarato che sarebbe entrato in casa per soldi perchè non aveva nessun intenzione di fare beneficenza:  “Ho accettato perché l’invito mi è stato fatto in modo garbato, da persone che stimo e con cui ho collaborato in tv. Dopodiché mi sono fatto due conti: a causa del Covid i concerti riprenderanno nel 2021. Non ho impegni prima di allora e il Gf Vip non è certo come andare in miniera…”.

Naturalmente il cachet non è certo l’unica ragione, il mio lavoro è cantare ma le vendite dei dischi non sono così remunerative come in passato: non si vendono più milioni di copie…”.

Dentro la casa la convivenza forzata si sa può portare ad amicizie nuove, litigi, incomprensioni e invidie.Tutti sentimenti che Fausto Leali ha messo in conto e per ora le cose sembrano procedere benino. “Per fortuna non sono nemmeno un tipo litigioso di carattere. Certo, sarò lontano da casa e dai miei affetti ma mi è già capitato in passato…”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *