Johnny Depp l’ex moglie Amber Heard: ”Avevo paura che mi avrebbe uccisa”

Pubblicato il: 23 Luglio 2020 alle 6:28

Se esistesse l’Oscar per la più feroce e incredibile guerra al massacro reciproco, in lizza per la vittoria ci sarebbero Johnny Depp e la ex moglie Amber Heard, che definire “ai ferri corti” è un eufemismo. Marito e moglie nel 2015, separati malamente meno di due anni dopo, ora si sono rivisti in tribunale, davanti all’Alta corte di giustizia di Londra, dove hanno dato il via a un’incredibile battaglia per demolire le rispettive reputazioni.

Durante il processo, iniziato il 7 luglio, in cui è imputato il Sun, accusato di aver diffamato l’attore con un articolo del 2018 nel quale lo definiva un «picchiatore di mogli”, in difesa del quotidiano britannico è stata chiamata a testimoniare proprio l’ex di Depp, l’attrice Amber Heard.

Fin da subito, davanti agli occhi attoniti di giudici e avvocati, tra i due è partita una rissa verbale senza esclusione di colpi, e che colpi! Amber, vestita di nero con sciarpa rossa quasi intimidatoria a coprire il volto in ottemperanza alle norme anti covid, si è presentata con la nuova fidanzata – la regista Bianca Butti – la sorella Whitney e l’avvocato Jennifer Robinson, la stessa che difende il fondatore di WikiLeaks, Julian Assange. Senza peli sulla lingua ha sentenziato quanto la loro relazione fosse «malata, piena di violenze fisiche e psicologiche, ripicche e cattiverie e costellata di litigi» esasperati, a suo dire, dall’abuso di alcol e droghe a cui era dedito l’ex marito.

Per dimostrare quanto lui fosse spesso «fuori controllo», ha sfoderato un arsenale di fotografie: in una Depp è riverso a terra, in apparenza strafatto di droga e di whisky, nell’altra si vedono quattro strisce di cocaina pronte per essere sniffate: «la sua prima colazione», ha detto lei. Ci sarebbe anche un video, girato di nascosto dalla Heard, in cui Depp, in preda alla rabbia e ubriaco già di prima mattina, spacca violentemente un mobiletto. Lui si è difeso: «È stato un matrimonio incredibilmente infelice.

È una donna dalla personalità borderline, narcisista. La vera violenta è lei, non io!». E ha raccontato di quando, accecata dal furore durante una lite, lo ha aggredito con una bottiglia di vodka fino a tranciargli quasi un dito e della sua abitudine aggressiva di lanciargli addosso «lattine, candele accese e bottiglie», mentre lo colpiva con calci a ripetizione.

In un altro episodio, avvenuto peraltro prima delle nozze, lui stava cercando di disintossicarsi dalla droga, «ma lei, pur vedendomi soffrire e piangere come un bambino, non mi voleva dare i farmaci per alleviare il dolore della disintossicazione. È stata una delle cose più crudeli che mi abbia mai fatto», ha dichiarato Depp. Lo avrebbe anche costretto, durante un viaggio, a dormire rinchiuso nel bagno dell’aereo perché arrabbiata.

Lei ha sostenuto invece di essere stata picchiata quando lo prese in giro per il tatuaggio dedicato a una celebre ex del Pirata dei Caraibi, l’attrice Winona Ryder, e anche dopo una furibonda lite in cui lui la aveva accusata di averlo tradito con l’attore James Franco, gridando di volerla «bruciare come una strega». Fuoco e fiamme, insomma. E una certa passione per fiammiferi e affini, secondo Amber, Depp l’avrebbe dimostrata più volte. Ad esempio quando, in preda alla gelosia, avrebbe staccato dalla parete un quadro dipinto dall’ex marito di lei per dargli fuoco e l’avrebbe schiaffeggiata perché cercava di farlo desistere.

Accuse che lui nega, rilanciando con “bordate” pesanti: «Era il suo compleanno e io sono arrivato in ritardo alla festa. Lei, per ripicca, ha defecato nel nostro letto nuziale. Quando mi ha visto, ha detto che era stato il suo cane», lo yorkshire terrier Pistol che Depp avrebbe urlato di «voler arrostire nel microonde» e che, in un’altra occasione, avrebbe appeso fuori dal finestrino dell’auto in corsa. I legali del Sun sostengono di avere prove della furia di Deep scatenata in ben 14 episodi di violenza domestica, tutti documentati, avvenuti tra il 2013 e il 2016 e denunciati dalla Heard.

L’attore, dal canto suo, ha ammesso sì di aver fatto uso di droghe per molti anni, «tutte quelle che esistono», e di essere stato un bevitore, ma ha negato di aver mai picchiato la moglie: «Non sono un violento con le donne. Non sono un mostro». Ed è pronto a giocarsi l’asso nella manica: due figure femminili che l’hanno molto amato sono pronte a sostenere la sua verità in aula. Si tratta della già citata Winona Ryder, che con Depp è stata fidanzata dall’89 al ’93 – per lei era il primo uomo – e l’ex compagna Vanessa Paradis, attrice e madre dei suoi figli Lily-Rose, 21 anni, e Jack, 18, con cui Depp ha vissuto un’intensa storia d’amore dal ’98 al 2012.1 due sono tuttora legati al punto che, durante il lockdown, il divo ha trascorso la quarantena nella casa acquistata insieme in Costa Azzurra, delle quale non si è mai voluto disfare.

Secondo lui, la Fleard avrebbe fin dall’inizio attuato un piano diabolico per danneggiarlo. «Quando l’ho conosciuta sembrava davvero interessata, diceva di aver visto tutti i miei film. Mi ha fatto credere di essere innamorata, ma sposarmi è stata solo la mossa furba per la sua carriera. In seguito ha ammesso perfino che non li aveva mai visti, i miei film». Siamo certi che la trama del processo si arricchirà di nuovi colpi di scena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *