Press "Enter" to skip to content

La Cina si era illusa: nuovi casi di contagio creano paura al mondo

La pandemia del Coronavirus sta mettendo in ginocchio il mondo, anche la Cina che sembrava avesse trovato il modo di sconfiggere il Codiv19 nonostante avesse trovato il tempo per piangere anche le sue vittime. Adesso che il virus ritorna in alcune città che fino a qualche giorno fa avevano avuto modo di annunciare al mondo l’assenza di nuovi casi di contagio.

Gli esperti dalla Cina all’Italia

Nel momento in cui si è cominciato a parare di Coronavirus in Cina, un po’ tutti noi, non credevamo che nel breve tempo ci saremmo trovati faccia a faccia con quello che è un virus che ha piegato letteralmente la nazione cinese. L’economia si è fermata, le persone sono rimaste chiuse in casa e si è cominciata a sentire l’esigenza di razionare le mascherine e i disinfettati per la popolazione al fine che nessuno di loro restasse senza una scorta giornaliera.

Quello che è successo in Cina è stata una guerra silenziosa, combattuta in silenzio e rigore come i cinesi hanno insegnato negli anni essendo basi portanti della loro cultura. Oggi, che il Coronavirus sta piegando l’Italia, 9 dei loro medici migliori si trovano nella nostra nazione per fornire tutto il supporto necessario.

La Cina si era illusa

Sono giorni davvero difficili quelli che il mondo sta vivendo sotto pandemia. Tutti chiedono di stare chiusi in casa e il fatto che la Cina avesse quasi vinto la sua battaglia personale ci aveva illuso che tutto stesse pian piano tornado alla normalità, e che la nazione stesse pian piano tornando alla normalità. Purtroppo, così non è stato e in Cina si cominciano a registrare dei nuovi casi di contagio da Coronavirus.

Non è ben chiaro se si tratta di un effetto ‘ricaduta’ che gli esperti avevano previsto, ma ecco che la Cina, comunque sia, torna a mettere in atto tutte le dovute precauzioni necessarie per la tutela di tutto.

Aggiornamento della pandemia

Nonostante il crescente numero dei pazienti guariti da Codiv-19, ecco che la paura in Cina torna a essere una compagnia quotidiana. Nella città di Wuhan, primo focolaio del Coronavirus, sono stati registrati dei nuovi casi mentre la guerra in corsia continua a prescindere da tutto e da tutti senza sosta.

La ricomparsa del Coronavirus potrebbe essere da considerare comunque un effetto collaterale, mentre la domanda che la maggior parte degli italiani si pongono è la seguente: quando cominceremo a vedere una luce di speranza in fondo al tunnel?