Il Festival di Sanremo è finito ormai da alcuni giorni, ma pare che si continui ovviamente a parlare delle canzoni ma ci sarebbe un argomento ancora più interessante e scoppiettante al centro del gossip. Stiamo parlando di quanto accaduto tra Morgan e Bugo, della lite che ha portato alla squalifica il duo canoro e all’esclusione delle brano intitolato Sincero. Per chi ancora non lo sapesse, ecco quanto accaduto nel corso della semifinale andata in onda venerdì 7 febbraio.

Morgan e Bugo esclusi da Sanremo, continua la diatriba

Nel corso di questa puntata Morgan insieme al suo amico d’avventura Bugo, sono saliti sul palco per cantare il brano in gara ma ad un certo punto sarebbe andata in scena una versione riveduta e corretta da Morgan, con la quale l’artista attaccava il suo amico e collega. Quest’ultimo completamente sotto choc per quanto stesse accadendo ha abbandonato il palco lasciando tutti senza parole, compreso il conduttore Amadeus. Entrambi subito dopo hanno dato una loro versione l’una completamente differente dall’altra su quanto accaduto e per cercare di far luce su questa vicenda.

Bugo avrebbe sostenuto che Morgan avesse esagerato abbastanza, mentre l’artista durante una puntata di Live non è la D’Urso, andata in onda la scorsa domenica 9 febbraio, avrebbe dichiarato di essere stato perseguitato ed emarginato e anche preso in giro. Poi nel corso dell’intervista rilasciata nel salotto di Barbara D’Urso, Morgan avrebbe fatto più volte il nome del manager di Bugo, ovvero Valerio Soave, il quale secondo il suo punto di vista, avrebbe fatto di tutto per fare ritirare Morgan e gli avrebbe dirittura messo le mani addosso.

Valerio Soave diffida Morgan e dice la sua

Queste dichiarazioni di Morgan gli sono costate una diffida arrivata proprio durante la sua partecipazione a Live non è la d’Urso. Ad ogni modo il manager nelle ore successive ho deciso di dire la sua e lo ha fatto in collegamento a Storie italiane su Rai 1. Soave avrebbe riferito di non aver mai voluto il ritiro di Morgan dato che comunque avrebbe significato l’esclusione del suo stesso assistito e poi ha smentito il fatto che Morgan abbia partecipato gratuitamente al festival visto che avrebbe chiesto Ben €55000. Sulle accuse mosse da Morgan riguardo l’aggressione, Soave dice: “Lui provoca, ma non è mai successo niente di ciò che dice. La verità è che Morgan è in pericolo, stategli vicino, perché le sue parole sono frutto di manie di persecuzione. Va aiutato, non assecondato”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here