MotoGP di Francia 2020 a Le Mans, come vedere Diretta Live Tv Streaming Gratis Sky o Dazn (ore 13:00)

Pubblicato il: 11 Ottobre 2020 alle 11:04

MotoGp di Francia 2020,qui di seguito tutte le informazioni sul nono gran premio del Mondiale di MotoGP 2020 in programma sul circuito di Le Mans. Dopo la pausa seguita al GP della Catalogna, adesso i piloti saranno impegnati nel GP di Francia che si disputerà sul circuito Bugatti di Le Mans. Il francese Fabio Quartano dopo aver vinto a Barcellona adesso tenterà la vittoria anche nel GP di casa, allungando così in classifica su Joan Mir, Andrea Dovizioso e Maverick Vinales. Dal 9 all’11 ottobre quindi in diretta ed in differita, ma anche in streaming si potrà assistere alle prove libere, alle qualifiche e anche alla data sul tracciato francese. Vediamo però qui di seguito la programmazione e dove come poter assistere allo spettacolo.

MotoGP di Francia 2020 a Le Mans di MotoGP, gli orari

Vediamo quindi quella che sarà la programmazione di questo nono appuntamento con il mondiale 2020 della MotoGP. Questo ha preso ufficialmente il via nella giornata di ieri venerdì 9 ottobre alle ore 9:55 e si concluderà domani domenica 11 ottobre.

Ecco la programmazione:

Sabato 10 ottobre

FP3: 9:55 – 10:40
FP4: 13:30 -14:00
Qualifiche Q1: 14:10 – 14:25
Qualifiche Q2: 14:35 – 14:50

Domenica 11 ottobre

Gran Premio: 13:00

GP Le Mans, dove e come vederlo

Come già abbiamo avuto modo di vedere, sembra che si potrà assistere al campionato di MotoGP sia in diretta TV che in streaming. Il weekend di gara, infatti verranno trasmessi sia su Sky che su dazn. Per quanto riguarda le prove libere, le qualifiche e la gara queste saranno trasmesse su Sky Sport MotoGP HD sul canale 208 del decoder satellitare. Si potrà anche assistere allo spettacolo su Sky Sport Uno canale 201. Per chi volesse, invece è possibile guardare il MotoGP anche in streaming attraverso l’applicazione Sky Go E su Now TV per gli abbonati. Sempre in streaming si potrà che assistere al MotoGP su dazn. Le qualifiche saranno visibili in differita, ma anche in chiaro su tv8.

Ecco la programmazione completa

Prove Libere

FP1 venerdì 9 ottobre ore 9:55 in diretta su Sky Sport MotoGP e DAZN
FP2 venerdì 9 ottobre ore 14:10, in diretta su Sky Sport MotoGP e DAZN
FP3 sabato 10 ottobre ore 9:55, in diretta su Sky Sport MotoGP e DAZN
FP4 sabato 10 ottobre ore 13:30, in diretta su Sky Sport MotoGP e DAZN

Qualifiche

Q1 sabato 10 ottobre ore 14:10, in diretta su Sky Sport MotoGP e DAZN; differita in chiaro su TV8 dalle 15:45
Q2 sabato 10 ottobre ore 14:35 in diretta su Sky Sport MotoGP e DAZN; differita in chiaro su TV8 dalle 15:45

Gara

Gran Premio, domenica 11 ottobre ore 13:00, diretta su Sky Sport MotoGP, Sky Sport Uno e DAZN; differita in chiaro su TV8 dalle 16:00

Ci sarebbe una gara da correre, complicata dalla peggiore qualifica a Le Mans in top class (10° come nel 2000: «Sonodeluso, ho il passo per il podio ma parto molto indietro»), ma di Valentino Rossi interessano anche e soprattutto le mosse da manager. Un altro motivo che potrebbe fargli rimpiangere aver iniziato troppo presto a pensare al dopo… Sul banco, da settimane, c’è la questione della promozione in MotoGP del fratello Luca Marini e del passaggio in top dass della sua VR46. Entrambe le questioni s incrociano con l’Avintia (ora chiamata Team Esponsorama) che non vuole (può) rinnovare nel 2022 il contratto con la Doma per il suo slot in MotoGP e che quindi, in perfetto stile da calciomercato, prima di cedere il posto a “parametro zero” prova a monetizzare.

«Chi vuole salire sulla moto, paghi o porti uno sponsor. Se Rossi vuole far salire suo fratello nel 2021, che paghi lui proprio come è accaduto con Rabat, Abraham o Simeon – afferma il proprietario Raul Romero Nel 2021 sarò ancora presente, mentre nel 2022 non rinnoveremo con Dorila  sono tre piloti per due moto e non è stato ancora deciso nulla. Bastianini ha firmato con Ducati, ma io noi Quello che devo fare al momento è aspettare e vedere come andranno le cose. Ma l’equazione è semplice».

Valentino non è certo uno che si fa spaventare. Anzi. Così prima la butta sul ridere. «Per prima cosa, spererei di non pagare io! Delle due, facciamo pagare la VR46 o i nostri sponsor!». Quindi spiega la questione, per altro negando di aver già acquistato i diritti ex Avintia, come si dice in Spagna. «Stiamo pensando a tutto -ammette Vale Sarebbe bello far correre Luca in Moto-GPconla Ducati, soprattutto se la Ducati ha un interesse particolare su di lui e non pensa ad averlo solo un per un anno Per quando riguarda VR46, nel 2021 non avrà un team in MotoGP, questo è sicuro, Non ce la facciamo Potremo parlarne per il 2022, ma è ancora tutto aperto». Sul piatto c’è anche la possibile chiusura del team di Moto3, anche perché se Marini va in MotoGR Celestino Vietti salirebbe in Moto2 con Marco Bezzeccht «Ci piacerebbe non chiudere la squadra di Moto3, ma bisognerà vedere quanti soldi riusciremo a trovare, perché non è facile per nessuno».

Classifica interlocutoria e indefinita. Come il cielo grigio e lattiginoso che insiste su Le Mans. La prima giornata del GP di Francia della MotoGP, su una pista ricca di insidie e al cospetto della prima pioggia della stagione – variabile che potrebbe essere molto frequente in questo autunno che ingolfa il calendario europeo – fa emergere vecchi lupi di mare, quale è Jack Miller, il migliore del venerdì, ma anche annaspare marinai rinomati come Andrea Dovizioso, solo 19° con innocua caduta. «Ero troppo veloce per il grip che c’era e sono scivolato, ma questi non sono valori veritieri – dice Dovi, che ha avuto problemi con l’antimpennamento – Il vero weekend inizia sabato e dovrebbe essere asciutto.

Con la pioggia abbiamo confermato il nostro valore, sul secco dipenderà dal freddo, pare 9 gradi, e può essere dura per tutti». Il cielo, oltremodo imprevedibile nella Sarthe a ottobre, non dà certezze, ma dovrebbe proporre qualifiche asciutte e una gara incerta. Che sarebbe una manna per Miller. Jack vola Se infatti con il bagnato del mattino è emerso il boccaglio di Bradley Smith, ottimo con l’Aprilia, issatosi davanti a quattro Ducati, nell’ordine Zarco, Petrucci, Miller e Dovizioso, a conferma dell’indole anfibia della Desmosedici, al pomeriggio, su pista asciugatasi, ha brillato uno dei primi tre specialisti delle condizioni miste: proprio Jack Miller. L’australiano della Ducati Pramac ha impressionato per feeling su quell’asfalto infido su cui ha costruito molte delle sue migliori prestazioni: «Era importante girare sul bagnato dopo tanto tempo: la pista non si asciuga mai del tutto, ma nel pomeriggio mi sono adattato bene.

Vediamo, ora è previsto un meteo migliore». Big indietro Maverick Viñales pare aver iniziato bene («Di solito fatichiamo su asfalto misto, ma la Yamaha è andata bene pure sul bagnato») edè2° davanti a Takaaki Nakagami, l’ottimo Danilo Petrucci(«Mitrovo meglio, riuscire ad andar forte dà morale») e Cal Crutchlow, altri due amanti del clima umido, mentre i big della classifica sono indietro. Il leader iridato Fabio Quartararo, pressato dalle aspettative della gara di casa, è prudente e  11° («Non aveva senso prendere rischi»), mentre Joan Mir, 9° solo grazie alla cancellazione di tre tempi, ha badato a fare esperienza con una Suzuki sofferente di reumatismi: «Nulla di positivo nella mia giornata; manca un buon bilanciamento, ma mi è servito girare sul bagnato».

Vale l’australiano Con un buon Franco Morbidelli, 7° alle spalle di Alex Marquez, in crescita con la Hrc (tre Honda nei dieci), Valentino Rossi è fuori da una top-10 che include pure Pol Espargaro 8° e Johann Zarco 10°. Il pesarese della Yamaha è 12° dopo che gli è stato cancellato il 5° tempo per bandiere gialle, ma positivo: «Condizioni difficili, che non mi piacciono – ha detto – ma nelle Libere2 ho avuto un buon passo ed è importante. Correre qui a ottobre non è il massimo, sembra di essere a Phillip Island: fa freddo ed è pericoloso perché non riesci a scaldare le gomme slick. Sono date particolari per il Covid, ma se penso che a luglio eravamo al caldo di Jerez il tempismo non mi pare buono…». La pallina La partita si gioca qui, fra il barometro e la roulette, con l’asciutto e molto freddo, la previsione per le qualifiche di oggi,eprobabili condizioni miste, secco-umido, per la gara. La pallina è lanciata e ha iniziato a girare. Con il cielo nelle vesti del croupier.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *