Intrattenimento

Non è l’Arena, Fabrizio Corona un fiume in piena “Alle feste di Genovese c’era pure Cracco”

Fabrizio Corona in qualche modo finisce sempre al centro delle polemiche e sotto i riflettori. La scorsa domenica, 22 novembre, seppur in collegamento da casa sua, l’ex re dei Paparazzi è stato ospite di Non è l’Arena, il programma condotto da Massimo Giletti e sembra che si sia lasciato andare a delle dichiarazioni piuttosto forti e abbia svelato anche qualcosa di inedito.

Fabrizio Corona un fiume in piena sul caso Genovese

Nello specifico, Fabrizio Corona avrebbe rilasciato qualche dichiarazione sul caso Genovese, confessando di sapere chi quest’ultimo frequentava e chi era solito invitare durante le feste da lui organizzate. In seguito all’intervista, che sicuramente è stata molto forte, Selvaggia Lucarelli si sarebbe scagliata contro Giletti e contro Corona ma chi è andato proprio su tute le furie è stato lo chef Cracco che pare sia stato citato dallo stesso Corona e indicato come uno degli ospiti che era solito frequentare le feste dell’imprenditore di Facile.it.

Leggi Anche  Fabrizio Corona lascia il carcere e torna ai domiciliari: i giudici "La salute prima di tutto",

Confessioni shock a Non è l’Arena

“Il reato più grave che si è consumato all’interno della casa affittata da Genovese, da codice penale, non è la violenza sessuale ma lo spaccio di droga, che assorbe tutti gli altri reati. C’erano piatti con le droghe, di qualunque tipo, offerte e consumate nello stesso luogo. Si tratta del primo episodio di violenza così pesante in Italia ed in Europa. Ripreso dalle telecamere in tutto e per tutto. Si tratta di feste organizzate solo e unicamente per questo”. Queste le dichiarazioni di Fabrizio Corona che come possiamo immaginare hanno destabilizzato e dato adito a polemiche infinite sui social e non solo.

Leggi Anche  Fabrizio Corona lascia il carcere e torna ai domiciliari: i giudici "La salute prima di tutto",

“Drogarsi, approfittare di ragazze che si recano a questi party per la grandezza economica delle persone e quindi non per il puro divertimento. A Milano, che è diversa da Roma, ci sono varie categorie sociali benestanti. Genovese era diventato ricco, non era nato ricco. A Milano ci sono gruppi di giovanissimi che fanno le stesse cose di Genovese, che organizzano feste e chiamano ragazze attirate dal facile uso cocaina. A queste cene era pure presente Carlo Cracco. La tua etica morale ti permette di andare a delle feste e vedere ragazzine strafatte, cocaina che gira, gente che si prostituisce, una massa di subumani che non ha valori e pensa solo a sballarsi“. Queste ancora le dichiarazioni dell’ex re dei Paparazzi che ha parlato come un fiume in piena.

Leggi Anche  Fabrizio Corona lascia il carcere e torna ai domiciliari: i giudici "La salute prima di tutto",

L’intervento di Selvaggia Lucarelli

Giletti, piuttosto sconcertato da queste dichiarazioni, sarebbe subito intervenuto dicendo di dissociarsi da queste affermazioni molto forti. E’ intervenuta poi anche la temibile Selvaggia Lucarelli, la quale sembra abbia dichiarato: “Spero che Cracco si difenda in ogni sede possibile perché che un professionista e una persona seria e PERBENE venga accusata da un pluripregiudicato ai domiciliari e in tv a Non è l’arena di connivenza con un sistema di feste a base di droga e stupri, è una cosa gravissima. Complimenti a Giletti.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *