Pagamento pensioni e rendite: ecco come verrà regolarizzato il calendario

Pubblicato il: 26 Maggio 2020 alle 9:47

Sono giorni davvero difficili quelli che stanno attraversando gli italiani per via della pandemia da Coronavirus. Le ripercussioni di quanto accaduto non si registrano solo negli ospedali ma anche nella vita di ognuno di noi. Oggi ecco che si torna a parlare di pensioni, le quali sono stare erogate in anticipo.

Emergenza pandemia Codiv-19

Come abbiamo avuto modo di raccontare in diverse occasioni, sono stati mesi davvero difficili quelli che si sono vissuti in ogni parte del mondo per via del Codiv-19. Il contagio del virus si è diffuso con un’estrema rapidità per la quale si è reso un necessario lockdown: il mondo, dunque, è stato messo letteralmente sottochiave.

Uno dei paesi più colpiti è stato proprio il nostro, ovvero l’Italia che ha fermato gran parte delle attività e lasciando così che si uscisse solo per le mere emergenze di salute e per l’approvvigionamento di viveri nei supermercati. Quanto detto ha fatto in modo che diverse persone rimanessero senza stipendi, in attesa della cassa integrazione e che per molti nuclei familiari l’unica fonte di reddito, da spartire anche tra più persone, fosse la pensione di uno dei membri della famiglia, tenendo in considerazione che spesso questa non è stata sufficiente.

Anticipato il pagamento delle pensioni di giugno

Nel mese di marzo 2020, la squadra di Governo di Giuseppe Conte al fine di aiutare gli italiani ha stabilito che pensione, rendite e indennità venissero erogate con un anticipo di quattro giorni sul calendario, al fine di permettere a coloro che sono beneficiari di tali conti di poter usufruire del denaro necessario al mantenimento.

Dato quello che sta succedendo attualmente nella fase due della pandemia del Coronavirus, ecco che il Governo decide di attuare la stessa identica manovra anticipando così di quattro giorni anche le pensioni di giugno a maggio.

Quando verranno canalizzate le pensioni?

Questa è la domanda che viene posta dagli utenti che hanno le pensioni canalizzate sul conto corrente, dato che la riscossione alle Poste è gestita già da un calendario realizzato in ordine alfabetico. La stessa cosa però non avviene per coloro che sono intestatari di un conto bancario, dato che anche in questo caso la riscossione delle pensioni è stata scaglionata, ma in modo diverso.

Per quanto riguarda invece la canalizzazione della pensione, dunque, è importante sapere che queste avverranno nel secondo modo a seconda della composizione dell’IBAN:

  • la lettera del paese d’origine: ITALIA è siglata con IT;
  • a seguire il codice CIN, ABI, CAB e infine il numero di conto corrente.

Controcopertina.com grazie alla nostra Redazione seria e puntuale siamo stati selezionati dal servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre ultime notizie seguici tramite GNEWS andando su questa pagina e cliccando il tasto segui. Oppure iscriviti sul nostro Gruppo Facebook dedicato alle pensioni cliccando qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *