Press "Enter" to skip to content

Pensione badanti requisiti, come accedere con 5 anni di contributi

Gli accessi ai fondi di pensione per gli italiani non sono affatto così semplici, ogni caso è stato regolato a seconda dei requisiti che si devono ottenere nel corso della loro carriera e non solo. Oggi, non a caso, abbiamo deciso di parlare dei requisiti di pensione che spettano a colf e badanti.

Requisiti di pensione

A tenere banco nuovamente nel mondo delle notizie troviamo i requisiti per accedere alla pensione. Come abbiamo avuto ampiamente modo di illustrare in articoli precedenti, ricordiamo che l’accesso alla pensione di vecchia sono i seguenti:

  • Compimento dei 67 anni per il richiedente
  • Devono essere stati versati almeno 20 anni di contributi
  • Per le donne almeno 41 anni e 10 mesi di contributi e il compimento dei 68 anni di età.

La pensione di vecchiaia contributiva, invece, bisogna richiedere soltanto 5 anni di contributi che permettono all’accesso al fondo ma solo al compimento del settantunesimo anno di età. Quanto detto è una premessa necessaria che deve esser fatta prima di parlare di pensioni per colf e badanti. Dato il lavoro altalenante, e anche molto spesso in nero, che viene fatto da queste figure professionali, la domanda di riferimento è la seguente: quali sono i requisiti a loro richiesti?

Pensioni colf e badanti

Dunque, alle persone che ricoprono l’incarico di colf e badanti nel momento in cui si vuole accedere alla pensione si deve prestare attenzione alla situazione contributiva. A coloro che sono in possesso di cinque anni di contributi non viene chiesto l’ammontare minimo dell’assegno nel momento in cui viene presentata la richiesta di pensionamento ma solo la certezza che i contributi siano stati versati che si collocano nel sistema contributivo solo nei seguenti casi:

  • quando siano stati versati tutti dopo il 1 gennaio 1996 (non deve, quindi, essere presente neanche un contributo versato prima di tale data
  • o in caso vi siano contributi versati prima del 1996 esercitando il computo nella gestione separata.

Quanti contributi servono?

Infine, ricordiamo anche per l’esercizio della professione si deve essere iscritti nella gestione di riferimento con i seguenti requisiti, ovvero: almeno 5 anni di contributi versati nel periodo che va dopo il 31 gennaio del 1995 e non solo, tra i requisiti troviamo anche il versamento minimo d 15 anni di contributi che devono essere affiancati. Ultima cosa, ma non meno importante: con la pensione di vecchiaia contributiva non si può accedere al diritto all’integrazione del trattamento minimo, anche se si è in possesso dei requisiti necessari per accedere alla pensione minima.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.