Reddito di emergenza 2020, cos’è e come richiederlo?

Pubblicato il: 23 Maggio 2020 alle 9:58

Il Coronavirus a messo in ginocchio molti italiani. Sono state davvero tante le persone che hanno raccontato di essere in piena difficoltà, tra coloro che hanno perso il lavoro e coloro che sono stati fermati dalle aziende per il periodo della fase 1. Oggi ecco che si torna a parlare di reddito di emergenza 2020 previsto dal Decreto di Rilancio. Ecco di cosa si tratta e chi può ottenerlo.

Cos’è il reddito di emergenza?

Nel momento in cui si parla di reddito di emergenza, la cosa fondamentale da precisare è che si tratta di un contributo economico che viene dato alle famiglie colpite dalla pandemia del Codiv-19, inserito nel Decreto Rilancio.

Non a caso, nell’articolo 82 della legge è possibile leggere: “Destinato ai nuclei familiari in condizioni di necessità economica in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, identificati secondo determinate caratteristiche. Le domande per il Rem sono presentate entro il termine di giugno 2020 e il beneficio è erogato in due quote, ciascuna pari all’ammontare di 400 euro”.

Il tutto, comunque sia, deve essere presentato secondo modalità, tempri di prescrizione e casi di esclusione che sono previsti dalla richiesta per ottenere il reddito di emergenza.

A chi spetta il reddito di emergenza?

Questa è la domanda successiva che viene posta da tutti coloro che sono interessati a ottenere il sussidio economico del reddito di emergenza, il quale è stato introdotto dal nuovo decreto-legge.

A ogni modo, questo sussidio aspetta ai nuclei familiari che hanno la residenza nel paese e un reddito familiare per il mese di aprile che non deve superare l’importo che potrebbe essere erogato al singolo nucleo familiare, oltre che un patrimonio immobiliare inferiore a 10000 euro e un Isee inferiore, comunque, a 15.000 euro.

A quanto ammonta il reddito di emergenza, e dove richiederlo

Ricordiamo che le modalità di espletamento per la richiesta del reddito di emergenza devono essere fatte insieme ai CAF o con l’Inps e i patronati.

A ogni modo, c’è da sapere che secondo l’articolo 82 sopracitato l’ammontare dell’assegno mensile è “di base 400 euro, che possono arrivare ad 800 euro a seconda della scala di equivalenza ISEE applicata in base al numero di componenti del proprio nucleo familiare. Se uno dei componenti del nucleo familiare è in condizione di grave disabilità o non autosufficienza, l’importo complessivo del REM può arrivare ad 840 euro. L’importo finale verrà erogato in due quote, ciascuna dell’importo minimo di 400 euro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *