Ylenia Carrisi, possibile svolta sull’indagine: “in un video si vede che…”

Non c’è pace per Al Bano e Romina Power. Sono trascorsi ormai 27 anni da quando la loro primogenita Ylenia Carrisi è scomparsa. Un dolore atroce che nel tempo ha portato anche l’allontanamento definitivo alla coppia. Infatti, sembra essere proprio questo il motivo principale della loro rottura. Ad oggi nessuno sa cosa sia successo ad Ylenia ma tante sono le supposizioni sul caso. In primis, ci sarebbe la volontà di sparire e di vivere una vita lontana dal caos mediatico (cosa che la Carrisi ha sempre odiato). Poi nel tempo si è parlato anche della presenza di un killer ma anche di un suicidio.

Da qualche tempo, sul tragico evento, se ne è occupata la trasmissione spagnola Salvame, in onda sul canale TeleCinco. Il programma si sta occupando di questo caso giudiziario che, negli anni ’90, tenne banco in tutto il mondo e pare sia stata data una svolta.

ylenia carrisi

Possibile svolta sul caso Ylenia Carrisi

ll programma spagnolo, che si è occupato di recente del caso Ylenia Carrisi, parte dall’indagine giornalistica iniziata nel lontano 2005 da Lydia Lozano. Quest’ultima sostenne al tempo di essere stata contattata da una fonte che avrebbe incontrato Ylenia in quegli anni. Lozano spiegò che, tale fonte, le avesse rivelato che la ragazza era viva e viveva insieme a suo marito a Santo Domingo, senza però mai mostrare delle prove di questo.

Durante tutto questo tempo, Al Bano e Romina Power hanno avuto diverse opinioni sull’accaduto.  La cantante è convinta che sua figlia sia ancora in vita o quantomeno che non si è suicidata. Albano, invece, già nel 2005 accettò la ricostruzione dei fatti, rivelando che Ylenia faceva uso di stupefacenti, i quali, quella notte, la portarono alla morte.

Le rivelazioni e lo scontro nella tv spagnola

ll conduttore della trasmissione spagnola, Jorge Javier Vazquez ha rivelato il nome del misterioso testimone oculare della Lozano. In studio è arrivato Toni Torrubiano, fotografo che collaborò allora con Lydia nell’indagine su Ylenia Carrisi. Lui ha consegnato alla produzione tutta la documentazione, compreso la fonte. Ma a questo punto è accaduto un colpo di scena: il testimone ha lasciato lo studio in lacrime, sostenendo che: “Non è lui. Ho parlato con mille persone”.

Si tratta di Ricardo Zucchi. Ha raccontato il conduttore Vazquez. “L’italiano Ricardo Zucchi assicura di aver visto Ylenia Carrisi in più di 20 occasioni a Santo Domingo. Secondo quanto dice, la prima volta che ebbe l’occasione di vedere senza alcun tipo di dubbio Ylenia fu nel 1995. Ylenia è sull’isola con Alexander Suero Alvares, dominicano e suo marito. Si tratta di un soggetto di 45 anni, nero, attraente e senza alcun lavoro conosciuto”.

Nella stessa trasmissione però Ricardo è stato riconosciuto come fonte poco attendibile. Infatit, l’uomo già tempo fa si aggirava attorno ai Carrisi e più volte si è contraddetto. A questo punto, inevitabilmente, il conduttore Vazquez ha chiesto a tutti gli ospiti: “Che Lozano abbia montato tutto per pubblicità?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *