Alex Zanardi è tornato a casa, come sta? Tutta la sua storia fino al fatale incidente

Alex Zanardi è tornato a casa». A farlo sapere è la moglie del campione, Daniela Manni. La notizia è stata comunicata questa mattina dal palco dell’Auditorium, durante la cerimonia dei Collari d’Oro del Coni.

Alex Zanardi lotta per la sua vita in un ospedale di Siena dopo aver subito un terribile incidente mentre guidava la sua handbike. Zanardi è un esempio di auto-miglioramento e amore per lo sport, un pilota di Formula 1, campione di Champ Car e ciclismo adattato che non è riuscito nemmeno a fermare un incidente in cui ha perso entrambe le gambe nel 2001.

Il destino di Alessandro “Alex” Zanardi voleva che la sua storia fosse segnata da un incidente. Verificatosi nel 2001 sul circuito del Lausitzring (Germania),ha provocato l’amputazione di entrambe le gambe. Ha cambiato la sua vita per sempre, e secondo lui, non in peggio. Questo bolognese ha rifiutato di perdere la motivazione e l’amore per il mondo dello sport in generale e per il mondo del motore in particolare. È tornato sui circuiti più forte che mai, ha terminato la gara dove si è verificato il suo tragico incidente, è tornato sul podio ed è diventato persino campione paraolimpico. Ora torna a lottare per la sua vita dopo un incidente in una mostra di handbike.

Biografia di Alex Zanardi

Alessandro Zanardi è nato il 23 ottobre 1966 a Bologna, capoluogo dell’Emilia-Romagna, epicentro della “Motor Valley” italiana. Circondati dalle fabbriche dove si plasmano i sogni di Ferrari o Lamborghini, è molto difficile non sviluppare una fervida passione per la velocità. All’età di 14 anni gli è stato dato il suo primo kart, dopo averne costruito uno lui stesso, e da allora non ha voluto smettere di gareggiare.

Sui circuiti di karting ha iniziato a essere conosciuto come “parigino” per la sua guida fine e precisa. Ben presto fece emergere il suo talento sui circuiti, il tutto pur avendo materiale discreto e avendo suo padre – idraulico di professione – come meccanico e assistente. Ciò non gli ha impedito di salire di grado per i suoi buoni risultati e persino di attirare il sostegno dei suoi primi sponsor.

Nel karting è riuscito a vincere il titolo italiano del 1985, come pilota semi-ufficiale della Parrilla, uno dei più rinomati costruttori di kart, per il quale gareggiava anche Ayrton Senna. Nel 1987 vince nuovamente il campionato italiano e vince anche il titolo europeo nella classe 135cc.

Zanardi karting
Zanardi durante un allenamento in karting
Motorsport Images

Un nuovo talento era emerso, e nonostante le sue umili risorse economiche, nel 1988 è salito in Formula 3,con l’appoggio del padre del suo buon amico Max Papis, anche lui pilota. Nella F3 italiana ha avuto qualche difficoltà a brillare, a volte a causa della macchina con cui correva e a volte a causa della sua mancanza di adattamento. Fu solo nel 1990 che ottenne la sua prima vittoria, una stagione in cui fece anche il salto in Formula 3000,una sorta di Formula 2 attuale, dove nonostante il debutto e che la sua squadra fosse anche nuova, ottenne due vittorie e fu secondo classificato.

Grazie a questo, è stato scelto come miglior pilota dell’anno nei premi “Caschi d’Oro” della rivista Autosprint e ha ricevuto l’opportunità di guidare una Formula 1 per la prima volta nella sua vita, dal team Footwork Arrows.

Debutto in Formula 1 con Jordan nel 1991

Zanardi Jordan F1
Zanardi, nel

team Jordan

Motorsport Images

Zanardi ha fatto il suo debutto in Formula 1 con il team Jordan nel 1991. La squadra del peculiare irlandese Eddie Jordan era alla ricerca di un sostituto per Michael Schumacher, che a sua volta aveva sostituito Bertrand Gachot, e che aveva firmato un contratto con il team Benetton. Zanardi ha corso con Jordan nelle ultime tre gare della stagione e si è comportato bene nonostante la sua mancanza di esperienza, ottenendo due noni posti e aggiungendo un abbandono. Guardando avanti alla stagione successiva, Zanardi ha tenuto colloqui per rimanere nella squadra, ma la sua mancanza di supporto finanziario gli ha impedito di farlo. Negoziò anche con altre strutture, ma ancora una volta la mancanza di risorse lo lasciò senza un posto.

Per il 1992 l’italiano firmò per la Benetton come collaudatore, compito che svolse fino a quando non apparve l’opportunità di gareggiare di nuovo, con i colori dell’umile team Minardi, dove sostituì Christian Fittipaldi per diverse gare, anche se non andò bene: non si qualificò in due gare e partì nella terza in cui si iscriveva. Dopo questo breve viaggio in Minardi, torna alla Benetton, ma mesi dopo, già nel 1993, si presenta una grande opportunità nella sua carriera: la Lotus.

Zanardi al GP di Monaco 1993
Zanardi al GP di Monaco Motorsport 1993
Images

Anche se la mitica squadra non doveva lottare per vittorie e titoli, Zanardi avrebbe avuto una buona occasione per mostrare il suo talento con più tempo rispetto alle sue squadre precedenti, dove alternava il lavoro di tester a quello di starter e correva solo quando non c’era nessuno a mettere più soldi di lui sul tavolo… anche se questa circostanza non impiegò molto tempo per essere ripetuta di nuovo.

Nel suo primo anno alla Lotus, Zanardi ottenne un sesto posto come miglior risultato al Gran Premio del Brasile. Oltre a ciò, la sua stagione è stata segnata da abbandoni e problemi di affidabilità. Il suo compagno di squadra, Johnny Herbert, ha ottenuto risultati migliori, tra cui tre quarti posti e un quinto, che lo hanno portato al nono posto in Coppa del Mondo. A tutto questo bisogna aggiungere che Zanardi ha saltato cinque gare a causa di un forte incidente a Spa, che ha causato una commozione cerebrale, anche se non ha subito gravi lesioni. Il suo sostituto, Pedro Lamy,non è riuscito a segnare in nessuna gara.

Lamy iniziò anche la stagione 1994 e prese parte alle prime quattro gare senza buoni risultati. Un incidente del portoghese a Silverstone permise a Zanardi di riconquistare il suo posto per dieci gare quell’anno, anche se non ottenne buoni risultati. Ha gareggiato con la seconda vettura, affidabile e senza evoluzione, poiché gli unici miglioramenti della squadra – molto ‘toccati’ economicamente -, sono stati montati sulla vettura di Herbert, che è stato il primo pilota. Nonostante questo, anche il britannico non ha segnato un solo punto.

Due volte campione in America e un’ultima possibilità in Formula 1

Zanardi Champ Car
Immagini Motorsport

Dopo un anno 1995 fuori dalla Formula 1 e con pochissima attività, Zanardi decise di fare le valigie e tentare la fortuna in America. Come pilota del team Ganassi, nel suo primo anno in Champ Car ha ottenuto tre vittorie, è arrivato terzo nella stagione ed è stato scelto come miglior rookie. Nel 1997 ha soddisfatto le aspettative ed è stato proclamato campione, superando Gil de Ferran. Nel 1998 ha ripetuto l’impresa, questa volta davanti a Jimmy Vasser, che ha battuto di oltre 100 punti.

Da Campione della Champ Car, Zanardi ha voluto riprendere il sogno di riuscire in Formula 1, un compito complicato in cui non ci è riuscito. Per il 1999 firma per il team Williams, che pur non essendo al meglio (rispetto ai titoli conquistati nel 1996 e nel 1997), potrebbe permettergli di lottare per alcuni buoni risultati.

Zanardi alla Williams F1
Immagini Motorsport

Ma no. Niente potrebbe essere più lontano dalla verità. Zanardi ha faticato ad adattarsi alla vettura dopo tre stagioni in America e non è riuscito a tenere il passo con il suo compagno di squadra, Ralf Schumacher, che ha avuto una stagione magnifica: ha ottenuto tre podi, ha segnato in 11 gare su 16 e ha concluso sesto nel Campionato del Mondo. Il miglior piazzamento di Zanardi è stato il settimo posto dell’Italia, ma non ha segnato un solo punto per tutto l’anno. Alla fine della stagione ha rescisso il suo contratto con la squadra – che inizialmente era di tre anni – e si è preso un anno sabbatico.

Il tragico incidente del Lausitzring

Zanardi è tornato alle competizioni nel 2001, e lo ha fatto in America, nel CART americano. Ha firmato per il team Mo-Nunn,di proprietà del suo ex ingegnere in questo campionato, chiave per raggiungere i suoi due titoli nel 1997 e nel 1998. La mancanza di esperienza della formazione e alcuni problemi di adattamento di Zanardi fecero sì che i risultati tardassero ad arrivare, ma a poco a poco apparivano. A Toronto l’italiano era quarto e a Motegi settimo.

Il Lausitzring, in Germania, è stata la quindicesima gara della stagione di questa CART World Series. È stato un weekend atipico fin dall’inizio, poiché la sessione di qualifica non poteva essere disputata a causa della pioggia e la griglia di partenza è stata decisa dalle posizioni in campionato. Nonostante sia partito ventiduesimo, Alex è riuscito a scalare diverse posizioni e ha guidato ad un buon ritmo. Tuttavia, a tredici giri dalla fine ha perso il controllo del suo veicolo, probabilmente a causa della presenza di acqua, è uscito in una scappatoia ed è inciampato.

La prima macchina che gli è passata accanto, ad alta velocità, è stata quella di Patrick Carpentier, che è riuscito ad evitare l’impatto. Non lo ha fatto però il canadese Alex Tagliani, che ha colpito duramente contro la parte anteriore centrale della vettura di Zanardi, dove sono alloggiate le gambe del pilota.

Lo schianto fu fatale per gli arti inferiori del pilota, che aveva perso le gambe irrimediabilmente dal colpo, e la sua vita era in serio pericolo, poiché poteva morire dissanguato. Il medico della CART Steve Olvey ha tappato le arterie femorali per fermare l’emorragia e il pilota è stato trasportato in elicottero all’ospedale di Berlino. Zanardi, che ha anche ricevuto un’estrema unzione, è stato in coma farmacologico per diversi giorni. Dopo sei settimane in ospedale e fino a quindici interventi, Zanardi è riuscito a lasciare l’ospedale per iniziare la sua riabilitazione.

Alex Zanardi e sua moglie
Alex Zanardi e sua moglie, Daniela
Motorsport Images

Appena un mese dopo l’incidente, Zanardi ha rilasciato la sua prima intervista a una televisione italiana. Gli hanno chiesto se avesse riacquistato la sua serenità e Alex gli ha spiegato come si sentiva, chiarendo che stava iniziando una nuova vita e che in nessun modo avrebbe continuato a rimpiangere quello che era successo.

“Ho perso la mia serenità. All’inizio ci sono stati momenti in cui non avevo nulla, perché ero in coma per una settimana, ma poi quando mi sono svegliato ero consapevole di essere ancora vivo e di aver di nuovo superato la morte per l’ennesima volta. Quella sensazione ha sopraffatto tutte le sensazioni”, ha detto.

“Dal fine settimana dell’incidente ricordo alcune cose. Ricordo un bell’hotel, un bel castello… ma non ricordo nulla dell’incidente, nemmeno il circuito”, ha spiegato.

La prima persona che ha visto quando si è svegliato è stata sua moglie, Daniela,e due amici, che hanno gridato il suo nome quando ha iniziato ad aprire gli occhi. È stata lei, Daniela, a spiegare cosa è successo. Come ha reagito? “All’epoca ero così felice di essere vivo… Non è stato molto buono, ma ora le cose sono cambiate molto. Ora è frustrante aspettare perché ho recuperato fisicamente le forze”.

Zanardi iniziò un lungo processo di recupero e riabilitazione. Ha tirato fuori un sorriso durante questo, coraggio e forza per tornare su un’auto da corsa e competere. Con protesi speciali ha camminato di nuovo e ha recuperato il sorriso che, in realtà, non aveva mai perso. Nel 2003 ha anche completato i restanti 13 giri al Lausitzring per finire la gara, con una macchina adattata e un circuito pieno di folla. Il video è tremendamente emozionante e secondo i calcoli di alcuni, ha girato così velocemente che avrebbe potuto partire quinto in gara.

Il ritorno alle corse e alle medaglie d’oro paraolimpiche

Zanardi è tornato a gareggiare ad alto livello. Nel 2003 ha completato due gare del Campionato Europeo Turismo al Circuito di Monza,ottenendo un settimo posto come miglior risultato al volante di una BMW 320i adattata, con acceleratore e freno al volante. Tra il 2004 e il 2008 ha gareggiato con BMW nel World Touring Car Championship: ha ottenuto quattro vittorie meritorie ed è diventato decimo nella classifica generale.

Nel 2014 ha preso parte ad alcune gare GT e nel 2018 ha sorpreso il mondo nel DTM,nelle gare notturne di Misano, dove ha ottenuto un fantastico quinto posto sotto la pioggia, dimostrando di non aver perso velocità. Nel 2019 ha gareggiato anche nella 24 Ore di Daytona con BMW.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.