Anne McLaren, chi è la genetista britannica nel Doodle di Google di oggi

Quando l’embrione è fuori dal corpo della donna, la genetica ci dice che il padre e la madre hanno gli stessi diritti. Quando l’embrione è all’interno del corpo, la fisiologia ci dice che il diritto delle donne è fondamentale.

Non ho mai pensato a noi come scienziate, solo come scienziate. Successivamente, le donne sono più consapevoli di essere scienziate e iniziano a preoccuparsi dei modelli di ruolo, un nuovo concetto per me, e si sentono isolate se non hanno altre donne intorno.

Sono sicura che sarei stata una madre migliore se non fossi stata una scienziata, e sono sicura che sarei stata una scienziata migliore se non fossi stata una madre.

[Per scrivere in modo chiaro e accurato] leggi molto quando sei giovane. Non scienza, anche se la fantascienza va bene. Prova a scrivere mentre parli.

Anne McLaren

L’ International Journal of Developmental Biology , edito dall’UPV / EHU e diretto dal professor Juan Aréchaga , ha pubblicato nel 1998 una recensione firmata da Anne McLaren su uno dei temi centrali della sua ricerca, le cellule germinali e il loro trapianto. Nel 2001, la rivista ha pubblicato un numero monografico in omaggio ad Anne McLaren , con testi sul suo lavoro e sulla direzione e il trattamento dei suoi studenti e colleghi di laboratorio. E, nel 2008, pochi mesi dopo la sua morte, la rivista ha incluso un necrologio significativo nella sua memoria . È quindi una scienziata strettamente imparentata con l’UPV / EHU, in particolare attraverso ilGiornale internazionale di biologia dello sviluppo . E vale la pena raccontare la storia di Anne McLaren.

Nel pomeriggio del 7 luglio 2007, in un incidente sull’autostrada M11, a nord di Londra, sono morti due prestigiosi scienziati inglesi, il professor Donald Michie , 83 anni, esperto di intelligenza artificiale, e Anne McLaren , 80 anni, rinomata ricercatrice in genetica e sviluppo embrionale. Quella notte stavano viaggiando da Cambridge a Londra. Si erano conosciuti quasi sei decenni prima, come studenti a Oxford. Si sono sposati nel 1952, hanno avuto tre figli e hanno divorziato nel 1959, anche se hanno sempre mantenuto una grande amicizia.

Donald Michie ha lavorato durante la seconda guerra mondiale a Bletchley Park e ha contribuito a decifrare i codici segreti tedeschi. Nel dopoguerra, a Oxford, si dedica alla ricerca genetica e incontra il nostro protagonista.

Anne McLaren era nata a Londra nel 1927, figlia di Sir Henry McLaren , barone di Aberconway, noto industriale e parlamentare liberale, e Christabel MacNaughten. Durante la seconda guerra mondiale la famiglia si trasferì nella loro residenza a Bodnant, nel Galles. A sette anni fu presentato al casting del film Things to Come ( The Afterlife ), girato nel 1936, diretto da William Cameron Menzies e basato su un popolare libro di HG Wells. Recito nel film come La Niña , una ragazza del futuro, sorridente e molto interessata al passato e al futuro dell’umanità, e ora appare nel cast del film nei database del cinema. A proposito, su IMDb c’è una breve biografia di Anne McLaren e la citano solo come attrice e non viene detto nulla sulla sua carriera scientifica.

Ha studiato zoologia a Oxford e si è laureato con studi sugli acari della Drosophila , sotto la direzione di JBS Haldane .

È andato al London University College per la sua laurea post-laurea nel gruppo di Peter Medawar , futuro vincitore del Premio Nobel. Nel 1952 ha terminato il dottorato.

Continua a Londra con gli studi sullo sviluppo embrionale nei topi e nel 1958 pubblica un breve articolo su Nature , firmato con John Biggers, di sole due pagine, che segna l’inizio di una linea di ricerca che, vent’anni dopo, porterà a fecondazione in vitro e alla nascita di Louise Brown .

Ora, nel 2018, abbiamo festeggiato il 40 ° compleanno di questa donna, la prima bambina in vitro. È nato il 25 luglio 1978 all’Oldham General Hospital, in Inghilterra, e ha due figli, nati nel 2006 e nel 2013, e concepiti naturalmente.

Successivamente e con le conseguenze future che ha avuto, l’articolo della McLaren e Biggers è stato descritto come ” uno dei più significativi nella storia della biologia e della medicina riproduttiva” .

Anne McLaren (1959). Fotografia di John Biggers .

Nella loro ricerca, Anne McLaren e John Biggers hanno testato la fecondazione in vitro e il trapianto di embrioni di ventuno ore in femmine di topi. Una settimana dopo l’impianto degli embrioni, hanno continuato il loro normale sviluppo nell’utero delle madri adottive.

Anni dopo, Biggers disse che, dopo la pubblicazione dell’articolo, Anthony Smith, corrispondente scientifico per il London Daily Telegraph , lo commentò sul suo giornale con un testo intitolato “Brave New Mice” , in esplicito riferimento a Brave New World , o Brave New World in English, il famoso romanzo di Aldous Huxley in cui descrive le nascite in vitro. Poco dopo, Biggers ha ricevuto una nota da un importante scienziato dell’Università di Cambridge che lo rimproverava per aver permesso al suo lavoro di raggiungere la stampa popolare. Biggers aggiunge nel suo racconto che, chiaramente, i tempi sono cambiati.

Dopo il divorzio nel 1959, Anne McLaren si trasferì all’Animal Genetics Institute di Edimburgo. Ha viaggiato con i suoi tre figli, Susan, Jonathan e Caroline, nati nel 1955, 1957 e 1959, e li ha cresciuti continuando la sua ricerca. Conoscevano il laboratorio della madre quasi quanto la loro casa. Per questo motivo, è diventata una pioniera nelle richieste di fondi da parte dell’amministrazione per prendersi cura dei figli delle madri lavoratrici.

Nel 1974 lasciò il centro di Edimburgo e si trasferì a Londra per dirigere la neonata Mammal Development Unit del Medical Research Council. Sia ad Edimburgo che a Londra era ammirata per il suo trattamento, le sue capacità di ricerca e, anche, per il suo rapporto con gli studenti e, anni dopo, molti di loro sarebbero stati i leader dei propri gruppi di ricerca in tutto il mondo. Ha insegnato loro che un vero scienziato deve essere una combinazione di visione e cautela, di entusiasmo e una rigorosa ricerca di prove.

Quando si ritirò dalla London Mammal Development Unit nel 1991, Anne McLaren andò a Cambridge al Wellcome / CRC Institute .

Dal 1975 è stata membro della Royal Society ma, dal 1992 al 1996, è stata vicepresidente ed è stata la prima donna eletta nel consiglio negli oltre trecento anni di storia della società.

Nel corso della sua vita professionale, Anne McLaren ha ricoperto incarichi relativi alla riproduzione umana, alla genetica e alla bioetica. Ad esempio, ha partecipato alla Commissione Warnock, ufficialmente conosciuta come Ricerca sulla fecondazione umana e l’embriologia. Ha consigliato il governo e il parlamento britannici negli anni ’80 sulla legislazione per la fecondazione in vitro. Questa Commissione è stata istituita pochi anni dopo la nascita di Louise Brown, la prima ragazza in vitro, e le polemiche che ha suscitato.

Negli anni Ottanta e Novanta aumenta la sua presenza pubblica per spiegare la sua ricerca sulla biologia dello sviluppo e il suo interesse sociale. Ha sempre presentato una scienza la cui pratica, e lo sentiva intensamente, era soprattutto “divertente”. E doveva essere spiegato al pubblico con semplicità e rigore.

Anne McLaren. Cellule staminali cellulari .

Ha sempre sostenuto la discussione onesta su questioni scientifiche e il loro rapporto con la società. Ha sostenuto che le questioni di importanza sociale e scientifica dovrebbero raggiungere il pubblico per farle conoscere e, inoltre, convincere il pubblico a fidarsi della scienza. Ha trasmesso, ogni volta che ne aveva l’opportunità, il suo profondo impegno per la scienza come base della società. La scienza non potrebbe progredire contro l’opinione pubblica e gli scienziati devono impegnarsi e rispondere alle sensibilità culturali che alla fine attivano la loro ricerca.

Ha difeso lo status morale dell’embrione e la condotta etica che dovrebbe basare la sua manipolazione. Con la sua inventiva e il suo atteggiamento, ha accresciuto la dimensione etica della ricerca scientifica e presto è diventato una figura familiare e rispettata nella bioetica come disciplina in crescita . Anche se, è curioso, si è descritta come ignorante in etica. Presto si rese conto che l’applicazione dell’etica nella scienza necessitava di supporto legale e di un’autorità per garantire la fiducia del pubblico nell’uso delle sue conclusioni. Ha promosso e sostenuto politiche, essenziali per i ricercatori, che guidano i loro obiettivi e supportano la pratica della scienza.

In sintesi, Anne McLaren ha fornito contributi pionieristici a due degli aspetti più importanti della genetica riproduttiva: la fecondazione e lo sviluppo embrionale nei mammiferi e le implicazioni etiche della ricerca sugli embrioni.

Profondamente liberale e progressista, è stata membro del Partito Comunista della Gran Bretagna ed è stata segretaria della sezione di Oxford. Ha avuto problemi a ottenere un visto per recarsi negli Stati Uniti nel bel mezzo della guerra fredda. Era anche un’attivista per i gruppi Pugwash composti da scienziati che si occupano di questioni scientifiche di interesse internazionale e, soprattutto, di armi nucleari.

Infine, vale la pena ricordare che in omaggio e in onore della sua memoria, l’ Anne McLaren Memorial Fund per donne scienziato è rimasto all’Università di Cambridge .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *