Bianca Gascoigne ecco cosa gli facevano da piccola

84

La figlia adottiva del calciatore inglese Paul Gascoigne, famoso per i suoi eccessi, è una delle rivelazioni di “Ballando con le Stelle”. «All’Inizio avevo paura, nessuno mi conosce qui in Italia e non parlo bene la lingua…», ha confessato. «Con papà condividiamo un pizzico di follia e abbiamo la tendenza a non prendere la vita troppo seriamente». «Vorrei avere dei bambini. Ma purtroppo sono sola, aspetto l’uomo dei miei sogni. In passato ho avuto esperienze sfortunate, ma ora ho un buon presentimento». «A scuola ero bullizzata, pensavo di essere brutta. Poi, a 18 anni, ho rifatto il seno»

Visibilmente felice di esserci. Che fosse charleston, samba o tango, Bianca Gascoigne, 35 anni, ha comunicato, volteggiando in coppia con Simone Di Pasquale, sempre la stessa contagiosa euforia. Modella e influencer celebre in Inghilterra, tra isole, reality e teleshow vari, la figlia di Paul, il leggendario “Gazza” della Lazio e della Nazionale inglese, è entrata nel gioco dei ballanti in punta di piedi, tra qualche scetticismo, ed è diventata in poche settimane una delle più grandi rivelazioni, insieme alla sempreverde Valeria Fabrizi.

Il suo stile tra l’esuberante e lo straripante, l’ultima confessione pubblica sul suo deformante rapporto allo specchio con la sua immagine («Soffro di dismorfofobia, mi vedo brutta») le hanno fatto guadagnare la simpatia degli italiani e l’atteggiamento protettivo di colleghi e rivali. Prima di tutto: perché ti chiamano tutti Bubbly B.? «Un nomignolo che mi ha dato la mia amica del cuore. Mi calza a pennello.

Sono un tipo spumeggiante, cerco sempre di essere positiva. So bene che la vita non è una passeggiata di salute e mi viene naturale cercare di trasmettere gioia e risate». Sembri una donna felice dentro la cornice di Ballando. Come ti ha convinto Milly a partecipare? «Non ha avuto bisogno di dovermi convincere. Quando mi ha chiamata sono rimasta scioccata e onorata. Come un sogno. Ero così felice, quando mi ha chiamata, che mi è venuto da piangere».

Il tuo primo pensiero? «Che sarebbe stata un’esperienza straordinaria: imparare a ballare nuovi stili di danza, indossare quei magnifici vestiti di scena, l’esperienza in Italia in generale. Non vedevo l’ora di iniziare, ero veramente entusiasta». Il tuo rapporto con il ballo? Naturale o costruito? «Naturalissimo. Sono sempre stata una performer già da bambina. Mi piace ballare fuori con gli amici, in casa, da sola o insieme a mia madre.

Amo abbandonarmi, lasciarmi guidare dal mio istinto per il ritmo. Mi piace anche cantare. La musica è la mia via di fuga dalla vita quotidiana. Per me è come la meditazione». Cosa dobbiamo aspettarci? «Voglio provare a convincere la produzione, Simone e Milly a fare una coreografia hip-hop o di Street dance. Mi piacerebbe davvero tanto. Sarebbe divertente e porterebbe qualcosa di diverso all’interno del programma».

Feeling immediato con Simone Di Pasquale, il tuo partner? «Con Simone abbiamo un grande feeling. All’inizio ero molto spaventata per via della lingua, fortunatamente Simone parla un inglese perfetto. Mi spiega tutto con grande pazienza. Non ce l’avrei fatta senza di lui». Hai cominciato alla grande. «Temevo di uscire per prima dato che nessuno mi conosce in Italia e non parlo la lingua. Non riesco ancora a credere di essere arrivata fin qui.

Sapere che gli italiani mi considerano una bella persona mi rende felice». L’artista in gara che ti ha più impressionato? «Sicuramente, Valeria Fabrizi. Non riesco proprio a crederci che abbia 85 anni! È un’ispirazione per me, così glamour, affascinante e in forma. Quando la vedo esibirsi mi viene solo da dire: wow! La vedo come un’icona». Sei una bella persona, ma vorrai vincere, come tutti. Chi sono i tuoi favoriti? «Be’, perché no? Non stiamo andando male Simone e io. Arrivare in finale per me sarebbe il sogno che si aggiunge al sogno. Stiamo lavorando tutti duramente, ma se devo pensare a una rivale, dico Sabrina Salerno.

Sta andando alla grande. Anche Alvise Rigo e Valeria sono bravissimi e candidati alla vittoria». Simone a parte, con chi hai legato di più a Ballando? «Ho legato con tutti, ma con Federico Lauri è nato un rapporto meraviglioso. Lui è veramente un tipo spassoso. Stiamo sempre insieme appena possiamo in Auditorium». Non sarebbe la prima amicizia che nasce a Ballando e diventa altro. «Sono stata alla sua festa di compleanno e mi sono divertita tantissimo. In generale, cerco di non uscire la sera e di non bere. Voglio stare concentrata anima e corpo sulla mia esperienza a Ballando. Mi sono imposta uno stile di vita sano e di stare bene con il mio corpo». Tua madre è venuta in studio a fare il tifo per te. «Mi ha riferito che un sacco di gente le si è avvicinata per farle i complimenti su di me, come donna e ballerina. Non potrei chiedere di più».




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.