Capire se un’orchidea sta male: ecco cosa devi fare

La loro bellezza è, a priori, il motivo principale per cui queste piante hanno una legione di seguaci. Ma non è l’unico motivo. Inoltre, le orchidee sono piante con un punto stravagante e persino enigmatico che si aggiunge al personaggio mitico che le circonda. Tuttavia, lungi da questo, c’è un fatto che dobbiamo monitorare da vicino. O meglio, sappi. Perché sapere quali sono le malattie dell’orchidea è essenziale per il suo corretto sviluppo.

Come la stragrande maggioranza delle piante, le malattie dell’orchidea hanno manifestazioni molto specifiche nella pianta . Alcuni che sono così specifici per questa specie di piante che tendono a fuorviare coloro che sono nuovi alla coltivazione di queste piante da appartamento . Facciamo qualcosa di chiaro. Sì, in qualsiasi altra pianta è più che consigliabile affrontare qualsiasi manifestazione di malattia, nel caso delle orchidee ancora di più. Nonostante tutto, sono piante delicate che possono o possono richiedere tempo per riprendersi da qualsiasi disturbo o addirittura morire.

Quindi vediamo quali sono le malattie dell’orchidea di cui dovremmo essere a conoscenza. E, cosa più importante, come fermarli o curarli in modo da poter continuare ad avere una pianta forte e sana.

MALATTIE DELLE ORCHIDEE PIÙ COMUNI

Uno degli aspetti più singolari quando si tratta di malattie delle orchidee è che possono essere derivate da come le coltiviamo. La cura delle orchidee comporta un ambiente umido necessario affinché queste meravigliose piante vadano avanti. Tuttavia, è proprio l’umidità che causa un buon numero di malattie che le affliggono. La chiave è in equilibrio. Per dare alla nostra pianta ciò di cui ha bisogno, ma sempre con cautela per evitare danni collaterali.

E per questo è importante iscriversi. Nonostante siano tropicali, le orchidee non hanno bisogno di temperature elevate . Inoltre: esporle, sommate all’umidità di cui necessitano, è il terreno fertile ideale per le malattie delle orchidee. Un aspetto a cui bisogna aggiungere la cattiva aerazione delle radici o, addirittura, una cattiva pratica nell’irrigazione . E ci sono poche cose importanti nella coltivazione di questa bellissima pianta come conoscere il pericolo di un’irrigazione eccessiva nelle orchidee .

Ma oltre a sapere a cosa dovremmo stare attenti, niente come conoscere le malattie delle orchidee per fermarle il prima possibile. E non solo per la salute della pianta ma anche per evitare che si ammali di nuovo .

1. Radici marce, una delle più comuni malattie delle orchidee

Radici marce, una delle malattie dell'orchidea più comuni
Radici sane e idratate di un’orchidea

Partiamo da quella che è forse la principale causa di morte per queste piante . La putrefazione delle radici è una delle malattie più comuni delle orchidee che è anche in gran parte nostra responsabilità. Di solito appare quando non annaffiamo correttamente. E non ci riferiamo solo alla quantità di acqua, per annaffiarli come una pentola convenzionale o anche per lasciare loro un piatto basso con acqua. Ci riferiamo anche a un dettaglio importante: quando annaffiare.

Substrato di orchidea Verdecora
Un substrato che favorisca l’aerazione è fondamentale per evitare le malattie delle orchidee. Conosci le caratteristiche del nostro

Le radici marce sono ancora radici colpite da funghi. Si manifestano in un modo visivamente facile da identificare. La loro caratteristica principale è che acquisiscono una tonalità marrone e perdono la loro consistenza . Se li rileviamo nel nostro impianto, è importante intervenire il prima possibile. Per prevenirne la diffusione dovremo:

  • Rimuovere le radici marce con le forbici precedentemente disinfettate e completamente sterili
  • Se la diffusione dei funghi è importante, applica un fungicida alle radici
  • Trapiantare in un nuovo substrato e vaso e con un’adeguata aerazione
  • Smetti momentaneamente di annaffiare finché le radici non perdono umidità

2. Funghi, l’eterno nemico delle orchidee

Funghi fogliari, un'altra delle malattie delle orchidee più comuni
Manifestazione di funghi sulle foglie

Ed è logico! Come abbiamo visto a proposito delle radici, le orchidee vivono e prosperano in un ambiente di umidità controllata. Uno che è anche soggetto a funghi. Sebbene si manifestino sulle radici in condizioni come quelle sopra descritte, possono anche apparire sulle foglie dell’orchidea .

Curiosamente, quando compaiono sono per gli stessi motivi sopra indicati: temperature elevate, acqua in eccesso o scarsa aerazione delle radici. Quando compaiono nelle foglie o nei fiori, lo fanno in modi diversi che sono facili da riconoscere. Di solito appaiono come macchie nere più grandi o più piccole che punteggiano la foglia o lasciano un segno compatto. A volte, anche, la foglia cambia colore iniziando a ingiallire fino a quando non acquisisce un colore marrone o addirittura nero.

A seconda del tipo di fungo, la diffusione attraverso la pianta può essere importante. Pertanto, l’ideale è:

  • Tratta la pianta con un fungicida specifico per orchidee. Inoltre, non fa male iniziare ad applicarlo preventivamente dalla primavera per evitare la sua comparsa.
  • Controllare il drenaggio della pentola per confermare che sta drenando l’acqua correttamente

3. Batteri, un’altra delle malattie dell’orchidea più facili da identificare

Un altro dei visitatori scomodi di queste meravigliose piante. E, ancora, il suo aspetto è dovuto a un unico motivo: un grado di umidità più elevato rispetto al conto. La sua caratteristica principale è come si manifesta sulle foglie. Le macchie create dai batteri hanno un aspetto acquoso nel loro stato iniziale. Successivamente, possono ingiallire la foglia attorno a questo punto di partenza facile da identificare. Se la nostra orchidea ha foglie che, direttamente, nascono gialle dovremo prendere precauzioni estreme. Ciò è dovuto al fatto che l’acqua si è accumulata nel collo della pianta e che la crescita batterica ha raggiunto anche le radici.

Cannella in polvere biologica
Avere la cannella in polvere a portata di mano può aiutarci a risolvere un buon numero di malattie delle orchidee. Prendi questo biologico nel nostro negozio Verdecora

Non proveremo a minimizzarlo. Un’infezione batterica può uccidere la pianta . Il progresso è generalmente rapido, fino a quando l’intera pianta non è colonizzata. E, curiosamente, i rimedi chimici di solito non danno un effetto molto buono. Come fermare, quindi, un attacco batterico alla nostra pianta? Incredibile ma vero: con la cannella . La cannella è antibatterica, antimicotica e persino insetticida. E, inoltre, è completamente naturale. Un punto importante nel caso delle orchidee, che non tollerano troppo bene le sostanze chimiche.

4. Virus, la peggiore delle malattie delle orchidee che possiamo affrontare

Virus, la malattia dell'orchidea più difficile da combattere
Esempio di una foglia infettata da un virus

Brutte notizie . Se la nostra pianta è colpita da un virus, è probabile che non possiamo fare molto per essa se non provarci. Sebbene sia vero che sono difficili da identificare, c’è una massima che li definisce. Ed è che le loro macchie sulle foglie di solito rispondono a uno schema che si ripete.

La presenza di virus in un’orchidea è dovuta a molteplici fattori esterni . Da quando è stato un insetto o un parassita ad averlo depositato sulle sue foglie, a quello quando lo manipoliamo lo abbiamo trasmesso. Ad oggi, sono stati identificati più di 30 virus che colpiscono le orchidee senza sapere molto bene come affrontarle. L’unica cosa che possiamo fare è:

  • Taglia le foglie colpite in cui è presente il pattern della malattia. Idealmente, cauterizzare il taglio della foglia con cannella in polvere
  • Allontana la nostra pianta dal resto, per mantenerla il più isolata possibile
  • Nel caso in cui il pattern virale ricompaia, non avremo altra scelta che sacrificare la nostra pianta bruciandola

COME PREVENIRE LE MALATTIE DELLE ORCHIDEE

Come evitare problemi di coltivazione nell'orchidea

Come sempre quando parliamo di malattie delle piante, c’è una massima: prevenire è meglio che curare . Qualcosa che vale anche per le malattie delle orchidee e che vale la pena sapere. E, come abbiamo visto, buona parte dei problemi derivati ​​dalla loro coltivazione sono sempre una conseguenza della mano che li coltiva. Niente quindi come conoscere alcuni consigli che ci permetteranno di evitare di dover affrontare disturbi che possono addirittura compromettere la tua vita.

Non stiamo parlando di niente di straordinario. Perché, al di là dei miti, avere un’orchidea sana non è affatto complicato. Basta semplicemente sapere di cosa hai bisogno e quali precauzioni prendere per il tuo benessere.

1. Impara come e quando innaffiare, fondamentale per evitare le malattie delle orchidee

Le orchidee non richiedono acqua come le altre. In generale, la maggior parte dei tipi di orchidee richiede un’irrigazione per immersione a intervalli di tempo. In molti di loro, il miglior indicatore di quando irrigare di nuovo sono le loro radici. Una radice verde è una radice ben idratata che, per il momento, non necessita di più acqua.

Come fai a sapere quando è il momento ideale? Nella maggior parte di essi, quando le radici acquisiscono una tonalità argentea.

2. Trapiantare rigorosamente e correttamente

Sebbene le orchidee siano piante che portano cambiamenti regolari , il trapianto è uno dei compiti fondamentali per il loro benessere. Dovremo scegliere il momento correttamente, e sempre alla fine della sua fioritura per non interromperlo.

Ma tanto importante quanto la scelta di un buon substrato o il momento giusto è garantire che il luogo di impianto sia libero da qualsiasi elemento esterno. Questo è essenziale se ricicliamo vecchi vasi di orchidee o anche piante malate. Se non li disinfettiamo a fondo , possiamo trasmettere la malattia alle piante sane.

Suggerimenti per prevenire i disturbi dell'orchidea

3. Fertilizzare per rafforzare la tua pianta

Chiave. Una pianta ben nutrita ha sempre una maggiore resistenza a qualsiasi minaccia. Pertanto, è importante conoscere i diversi tipi di fertilizzante per orchidee e sapere quando è il momento ideale per somministrarlo.

4. Mantieni un’igiene rigorosa quando maneggi le tue piante

Non fa male maneggiare le tue piante con le mani pulite o anche con i guanti . E non solo quando si tratta di piante malate, che in quel caso è fondamentale. Intendiamo anche farlo regolarmente per garantire una pulizia assoluta.

È altrettanto importante che qualsiasi strumento di giardinaggio che utilizziamo per maneggiarli sia stato preventivamente disinfettato.

E sì: le malattie dell’orchidea sono dovute, in larga misura, alla mano umana. Quindi niente come conoscerli per evitare di rovinare il godimento di queste incredibili piante.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *