Calcio

Verona – Milan Streaming dove vedere Gratis Diretta Live Tv No Rojadirecta

Il match Verona Milan è disponibile in streaming diretta in italiano, senza cercare fonti illegali, su Sky e Mediaset Premium che offrono ai propri clienti sistemi innovativi su dispositivi come tablet, smartphone, pc e notebook, smarttv le app Sky Go e Premium Play.

Un altro metodo è il nuovo prodotto di proprietà di Sky Now TV che offre la possibilità di vedere in streaming live la Serie A, Serie B e Premier League tramite tablet Android, iPad, console PlayStation e Xbox, Smart TV e computer portatili a un costo mensile di 19,90 Euro senza obbligo di rinnovo.

In alternativa TIM offre aggiornamenti in diretta a tutti, clienti e non, con i momenti salienti, i gol, la sintesi di Lazio Palermo grazie all’applicazione per smartphone e tablet Android, iPhone e iPad al prezzo di 9,99 Euro per un anno.

Esistono altri mezzi per avere aggiornamenti live sulla partita come Twitter e le dirette live di molti utenti, Radio Rai1 per la telecronaca o tramite le nostre notizie.

Si ruota anche in difesa, ma per fortuna del Milan, a dettare le scelte davanti a Donnarumma è l’abbondanza. E la condizione dei centrali rossoneri, perché con To- 2 mori, Romagnoli e Kjaer Pioli è ha in mano un tris di lusso dal c quale poter calare la coppia migliore partita dopo partita. È successo tra Roma e Udinese e ricapiterà anche tra oggi e giovedì. Al Bentegodi dovrebbe toccare a Tomori e Romagnoli, mentre a Manchester si rivedrà Kjaer. E così, la staffetta che tanto aveva fatto discutere una settimana fa all’Olimpico – il capi- I tano in panchina e l’inglese in 2 campo – si rimodellerà nella c coppia che dovrà murare gli af- è fondi del Verona. Non sarà la prima volta, perché Tomori ha già affiancato Romagnoli in 4 delle 5 partite giocate in rossonero, e insieme hanno mostrato una buona intesa. Il punto, semmai, è riuscire a trovare l’equilibrio anche tra una gara l’altra, compito che spetta a Pioli: un turnover che coinvolge il capitano è un affare da trattare sempre con i guanti. «Alessio ha accettato la mia scelta – ha spiegato ieri il tecnico -. Certo, non era soddisfatto ma ha dimostrato professionalità e si è fatto trovare pronto con l’Udinese». Quanto a prontezza, Tomori non è secondo a nessuno: dal debutto di emergenza nel derby di Coppa (con un paio di allenamenti sulle gambe, dentro per Kjaer k.o.) alla bella prestazione di Roma, il 23enne arrivato a gennaio dal Chelsea in prestito con diritto di riscatto si è imposto in tempi record, tanto che lasciarlo fuori oggi è diventato quasi impossibile, e che la società sta seriamente pensando di riscattarlo. La cifra fissata dai Blues è importante, 28 milioni, ma lo sono anche le qualità del ragazzo, e il concetto ormai è chiaro a tutti. Con o senza turnover, guai a lasciarsi scappare uno così.

Un’altra occasione per Rafa. Il Milan domani pomeriggio a Verona dovrà fare ancora una volta a meno dei suoi centravanti di ruolo, ovvero Ibrahimovic e Mandzukic. Dunque, Stefano Pioli dovrà affidarsi ancora una volta a Rafael Leao, deludente mercoledì contro l’Udinese. Va detto che tutto il Milan non ha convinto nell’infrasettimanale, soprattutto i quattro giocatori schierati dal tecnico nel reparto offensivo: due, Castillejo e Brahim Diaz, sono stati sostituiti, mentre Leao e Rebic sono rimasti in campo fino alla fine, cambiando anche posizione (Leao ha chiuso da trequartista, Rebic da punta) e “confezionando” il rigore che ha portato al pareggio di Kessie (cross del croato e lieve spinta del portoghese a Stryger Larsen, autore dello sciocco fallo di mano). Domani Pioli cambierà alcuni interpreti, rilancerà Saelemaekers a destra e probabilmente Krunic da trequartista, considerando l’indisponibilità di Calhanoglu (per lui nuovi esami lunedì). Rimangono i ruoli di ala e punta e lì Pioli dovrà puntare ancora su Rebic e Leao, a meno che non decida di schierare a sorpresa Hauge. Rebic dà il meglio di sé sulla fascia e quindi è presumibile che la pesante sostituzione di Ibra tocchi ancora a Leao. Il portoghese con i friulani, oltre a giocare male – 23 palloni giocati, 10 persi, 2 conclusioni deboli in porta e 3 duelli vinti su 13 -, ha nuovamente mostrato quel suo lato indolente, approcciando nel modo peggiore la partita, con mollezza e sufficienza. Pioli però non ha alternative, ora si aspetta una prestazione differente e gol: Leao non segna dal 9 gennaio (contro il Torino), poi 11 gare a secco. A proposito di formazione, in difesa tornerà Tomori con Kjaer favorito su Romagnoli per completare la coppia, mentre Tonali sarà al centro con Kessie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *