News

Dramma al fiume, bimbo di 3 anni cade mentre dà cibo alle anatre e muore annegato davanti alla madre

Si stava divertendo a dare da mangiare alle anatre nel torrente vicino casa quando improvvisamente è scivolato cadendo in acqua davanti agli occhi terrorizzati della madre che lo accompagnava, così è morto a soli 3 anni il piccolo Dylan Milsom, un bimbo britannico di Newbury, cittadina della contea del Berkshire, in Inghilterra. Il dramma si è consumato dieci giorni fa al termine di una giornata che mamma e figlio avevano deciso di trascorrere all’aperto. La tranquilla passeggiata si è trasformata in pochi attimi in tragedia mentre bimbo e madre davano da mangiare ad anatre e cigni. Il bimbo forse si è sporto troppo, è scivolato ed è caduto in acqua non riuscendo più riemergere.

Sua madre, la 36enne Shelley Nardini, è subito saltata nell’acqua fredda per cercare di salvare Dylan ma purtroppo non è stata in grado di raggiungerlo e il bimbo è morto annegato. Entrambi sono stati trascinati via dalla forte corrente nel fiume.

Quando i primi soccorritori son riusciti a raggiungerli, il piccolo era stato trascinato via per oltre un chilometro e mezzo più a valle dove infine i vigili del fuoco  sono riusciti a tiralo fuori dall’acqua. Madre e figlio sono stati entrambi portati d’urgenza in ospedale ma purtroppo per Dylan ogni sforzo si è rivelato vano e i piccolo è stato dichiarato morto solo poche ore dopo l’arrivo in ospedale. Quando è stato estratto dal fiume era esanime, le sue condizioni erano disperate  e non ha mai ripreso conoscenza. La 36enne invece è stata curata per ipotermia e successivamente dimessa: non ha subito conseguenze fisiche ma le ferite dell’animo difficilmente potranno rimarginarsi. La famiglia nelle scorse ore ha voluto dare un ultimo saluto al piccolo attraverso i social: “Quel sorriso brillerà per sempre nei nostri cuori”.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *