Federica Mangiapelo: perchè la giovane è stata uccisa, parlano i genitori

Ricorderete sicuramente quel caso di cronaca che ha visto protagonista purtroppo la giovane Federica Mangiapelo. Quest’ultima è stata ritrovata senza vita sul lago di Bracciano il primo novembre 2012. Ad essere accusato della morte della giovane è stato il suo fidanzato Marco Di Muro più grande di lei di 5 anni. Ma come è morta la giovane donna?

Federica Mangiapelo, perchè è stata uccisa?

«Non so il perché di questo omicidio. Forse perché Federica era una buona e credeva di poter portare Marco Di Muro sulla buona strada, ma non ci è riuscita». Queste le parole scritte dalla madre Rosella Salvadori commentando poi la condanna a 18 anni di reclusione per l’ex fidanzato della figlia. La donna ha rilasciato un’intervista a Segreti e delitti. «La cosa che più mi ha fatto più male è il fatto che lui non abbia mai alzato lo sguardo per chiederci scusa. Pensavo di essere da sola in Tribunale, pensavo che almeno oggi…». Questo ancora quanto aggiunto dalla donna. Alle parole della donna si sono unite poi quelle del marito ovvero il padre di Federica.

Le parole del padre di Federica

“Siamo in parte soddisfatti perché era quello che ci aspettavamo e sapevamo dall’inizio. È stata una giornata faticosa e lunga, ma il giudice è stato in gamba. Se dovessi parlare come un padre, diciotto anni mi sembrano anche pochi. Chiaramente diciotto anni sono più che sufficienti, considerato l’andamento precedente del processo: si era messo male ed era quasi archiviato, l’abbiamo fatto riaprire con la nostra tenacia perché non abbiamo mai creduto a quello che ci dicevano. Federica non stava male, ma è semplicemente uscita una sera per divertirsi ed è stata uccisa».


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *