Greta Beccaglia chi è la giornalista molestata in diretta tv

68

Greta Beccaglia è e bella giornalista che, nel 2021, ha subito terribili molestie sotto e giovane mentre era su A Tutto Gol. In seguito al flusso di messaggi di odio che ha, la giornalista ha cambiato il suo account Twitter ed è riuscito a trovare la tranquillità in meno di 48 ore. Scopriamo cosa c’è da sapere sulla giovanissima giornalista e sulla sua vita privata.

Greta Beccaglia è una giornalista di Firenze. Il suo compleanno è sconosciuto, ma è il 3 novembre 1994. Ha iniziato la sua carriera artistica nel 2010 lavorando come ospite della trasmissione Platinum Calcio su Italia 7. Nel 2017 ha iniziato a lavorare per l’emittente Toscana Tv dove ha condotto Giorgio Michelleti al programma A tutto Gol.

La giovane giornalista Greta Battaglia si è sempre occupata della trasmissione di informazioni e immagini fin da bambina. Ha edito in televisione con il padre nel programma “Partita del giorno”, e nel 2002 ha dedicato con successo “Blue Banana”, dedicato alla moda e alla bellezza su Telemontecarlo. Oltre a questo, la giovane giornalista è vicepresidente dell’Associazione Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato. Ha partecipato ad alcuni concorsi di bellezza, ha vinto la fascia di Natura e Bellezza a Miss Mondo e Miss Cinema.

Greta Battaglia: il caso delle molestie in tv: “Non avrei mai pensato che una cosa del genere potesse accadere a me”, ha detto la giornalista in un’intervista. “Ora mi chiedo se vale la pena fare il mio lavoro”.

Lei stessa ha commentato l’episodio al Corriere della Sera senza nascondere i suoi sentimenti a tal proposito: “Mi sono sentita oltraggiata, violata. Mi ha sconvolto lo sguardo di quei tifosi, erano feroci. Uno di loro prima si è sputato sulla mano e poi mi ha dato uno schiaffo sul sedere, forte, violento. Tutti vedevano, ma nessuno faceva o diceva niente. Quello che ho subito non deve capitare più a nessuno”, ha affermato. Attraverso i social si sono espresse in sua solidarietà anche Chiara Ferragni, Andrea Delogu e altre famose donne del mondo dello spettacolo.

L’ATTACCANTE DELSASSUOLO SBAGLIA SUI SOCIAL SCAMACCA, CHE GAFFE!

Ma perché? Perché usare quel termine volgare – «Stuprato» – che evoca violenza e dolore? Dovrà spiegare Gianluca Scamacca, attaccante del Sassuolo nel giro della Nazionale, per quale ragione, sotto il post del compagno Davide Frattesi dopo il successo di domenica a San Siro contro il Milan, ha scritto così.

E dire che poche ore prima una giornalista era stata molestata fuori da uno stadio mentre faceva il suo lavoro e lui era sceso in campo insieme agli altri giocatori con il volto segnato di rosso per sensibilizzare sul dramma della violenza sulle donne. Non basta aver cancellato subito lo sguaiato commento, in molti pretendono un provvedimento dal Sassuolo e scuse pubbliche da Scamacca, innanzitutto alle donne che hanno vissuto sulla loro pelle cosa significhi quell’orrenda parola.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.