Gossip e Tv

Katia Ricciarelli, fu Pippo Baudo a chiederle di abortire “Poi fui punita, non ho avuto figli”

Katia Ricciarelli è stata sposata per diverto tempo con Pippo Baudo, il noto presentato italiano, il più famoso di tutti i tempi. Il loro è stato un grande amore, finito però dopo diversi anni. Katia nel corso degli anni, ha rilasciato un’intervista molto interessante, parlando a 360° della sua vita privata, della sua relazione con Pippo ed anche della mancata maternità. La cantante non ha avuto figli, ma sembra che una volta fosse rimasta incinta ma Pippo le avrebbe chiesto di abortire. La cantante si è raccontata a Belve, il programma di Francesca Fagnani in onda su Canale Nove di Discovery Italia.

Leggi Anche  Katia Ricciarelli chi è il soprano? Età, carriera, marito, fidanzato, Pippo Baudo e vita privata

Katia Ricciarelli, la storia dell’aborto

Nel corso dell’intervista, ad un certo punto la conduttrice la avrebbe chiesto “Cosa le è mancato di più nella vita?”. A quel punto la Ricciarelli avrebbe risposto alla domanda dicendo “Dovrei dirti il figlio, ma poi ho capito una cosa: se non è venuto doveva essere così, quindi questo accanimento che c’è a volta non va bene perchè i rapporti si rovinano”. Forse è proprio questo quello che è accaduto alla sua storia con Pippo Baudo. Fu proprio l’ex marito a chiederle di abortire.” Perché evidentemente pensava che fosse troppo presto, eravamo appena fidanzatini, di nascosto, ma va bene così. Poi sono stata punita, evidentemente, è giusto così. Una cosa che non rimprovero a nessuno dei due, anche questo fa parte del destino”.

Leggi Anche  Io e Te, momento di forte imbarazzo per Katia Ricciarelli: Pierluigi Diaco senza parole

Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News
Leggi Anche  "Ho abortito per fare carriera", dichiarazione shock dell'attrice sul palco dei Golden Globe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *