Marvin Hagler, chi era: età, vita privata, carriera, moglie e figli

Il mondo della boxe ha perso uno degli uomini che hanno scritto alcune delle pagine d’oro della disciplina nel corso della storia: Marvin Hagler , mitico campione mondiale dei pesi medi, è morto all’età di 66 anni , come confermato dalla sua famiglia.

“Mi dispiace fare un annuncio molto triste. Oggi purtroppo il mio amorevole marito Marvin è morto inaspettatamente nella sua casa qui nel New Hampshire . La nostra famiglia ti chiede di rispettare la nostra privacy in questo momento difficile. Con affetto Kay G. Hagler ”, ha scritto la moglie nelle reti ufficiali dell’ex atleta.

Il primo round di Marvin Hagler vs. Thomas Hearns nel 1985, un pezzo rimasto nella storia della boxe

Il meraviglioso Marvin Hagler ha iniziato la sua carriera di pugile professionista nel 1973 e si è ritirato nel 1987 dopo essere caduto sotto Sugar Ray Leonard , ottenendo la sua corona mondiale dei pesi medi dal World Boxing Council (WBC). Tuttavia, una delle scene più importanti della sua vita sopra il ring si è verificata il 15 aprile 1985, con un indimenticabile primo round contro Thomas Hearns al Caesars Palace di Las Vegas.

“Vedere Marvin Hagler e Thomas Hearns sul ring è stato già un miracolo perché affrontare questi due campioni del mondo ha richiesto la gestione più intricata e difficile del promotore Bob Arum. Sembra che gli sia costato molto di più che combattere la lotta tra Ali e Foreman nello Zaire. Quello che è successo al primo turno sarà indelebile; era come se un fulmine si fosse spaccato toccando la tela bollente, elettrizzando lo spazio e la pelle delle persone ”, lo definì in Infobae lo specialista Ernesto Cherquis Bialo .

I numeri dell’americano da pugile in affitto lo hanno visto abbandonare la competizione con 62 vittorie di cui 52 per KO , 3 sconfitte e 2 senza definizione. L’elenco delle partite era pieno di nomi stellari come Roberto Mano de Piedra Durán o il già citato Hearns e Sugar Ray. Ha anche avuto una partita memorabile contro l’ argentino Juan Martillo Roldán nel 1984 .

Il posto di sua moglie per denunciare la morte di Hagler

La sua prima apparizione per il titolo mondiale avvenne nel 1979 contro l’italiano Vito Antuofermo , che finì in parità anche se molti commentatori ritenevano che il nordamericano avesse meritato la vittoria. L’anno successivo è tornato per rischiare e non ha fallito: ha eliminato al terzo turno al britannico Alan Minter alla Wembley Arena di Londra e ha vinto cintura dei pesi medi della World Boxing Association (WBA) e WBC.

Ha regnato nella divisione per 6 anni e 12 combattimenti: ha battuto due volte il venezuelano Fulgencio Obelmejias , l’italiano Antuofermo e anche i già citati Hearns, Durán e Roldán, tra gli altri. Il 6 aprile 1987 , Sugar Ray Leonard gli strappò la corona del Nevada con una sentenza divisa e segnò il ritiro di Marvin.

La sua indelebile carriera nel pugilato gli ha permesso di entrare nella World Boxing Hall of Fame nel 1993 , oltre ad essere stato nominato pugile dell’anno dalla prestigiosa rivista The Ring nel 1983 e 1985 . Al di là dei numeri riconosciuti della sua carriera a livello professionale, ha anche firmato una tappa eccezionale come dilettante che si è conclusa con 55 presentazioni trionfali e solo 1 sconfitta prima di iniziare la sua proficua carriera.

Padre di cinque figli, fuori dal ring si è divertito anche come attore: ha interpretato Jake nei film italiani Indio e Indio 2 tra il 1989 e il 1991 . Nel 1996 è stato anche sul grande schermo per interpretare il ruolo di Mike nel film Virtual Weapon . Trascorse i suoi ultimi anni di vita tra la sua casa a Milano e la sua casa nel New Hampshire, dove alla fine morì.

“ Sono devastato dalla notizia che Marvin Hagler è morto! Era, all’epoca, il migliore ”, ha ricordato nei suoi social l’illustre presentatore Michael Buffer . “ Marvin Hagler è stato uno dei migliori atleti che Top Rank abbia mai promosso . Era un uomo d’onore e un uomo di parola, e si è esibito sul ring con una determinazione senza pari. Era un vero atleta e un vero uomo. Mi mancherà moltissimo “, ha firmato su Twitter il famoso promotore Bob Arum .

“Riposa in pace, mio ​​caro Marvin Hagler, sei stato fantastico su e giù per il ring. Che Dio ti benedica” , ha firmato il messicano Julio César Chávez sul suo profilo . Triste di apprendere della morte di Marvin Hagler. Uno dei migliori che sia mai salito sul ring! “Ha aggiunto Oscar De La Hoya .

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *