Perché dovresti comprare frutta e verdura brutta

I motivi per approfittarne sono molteplici, poiché l’enorme quantità di frutta e verdura che viene scartata per il loro aspetto è una delle principali fonti di spreco alimentare.

Basta andare a fare la spesa in un qualsiasi supermercato, fruttivendolo o fruttivendolo per verificare che i prodotti esposti sugli scaffali per l’acquisto siano sempre impeccabili : frutti dalla buccia liscia e lucida, senza macchie o deformazioni, verdure squisite, senza macchie o imperfezioni apparenti. .. e spesso accuratamente avvolto in inutili imballaggi di plastica, anche singoli imballaggi per ogni frutto o verdura . Cerca di ricordare ora che hai visto la frutta su un albero, o le verdure in un frutteto … che l’uniformità non si verifica in natura!

La dittatura della bellezza è così implacabile che ce ne lasciamo trasportare anche al supermercato? Sembra che con il cibo succeda la stessa cosa che con le persone : ciò che non è bello fuori non merita la nostra fiducia. Ci siamo abituati a preferire quei prodotti che ci vengono presentati privi di macchie o urti, perché ci danno molta più fiducia e crediamo siano superiori e anche più sani.

L’industria lo sa e ha anche contribuito a rafforzare queste sensazioni, manifestamente sbagliate o, perlomeno, imprecise.

Perché frutta o verdura con piccole imperfezioni non dovrebbero essere buone? Perché non dovrebbero servire frutta o verdura con alcune macchie sulla pelle o con la pelle spenta, senza una forma standardizzata o semplicemente deforme?

Torniamo all’immagine del giardino , di un campo. Il frutto viene raccolto, quindi gli esemplari che saranno destinati alla vendita al grossista vengono separati e quelli scartati per presentare anomalie esterne, deformazioni, perché troppo piccoli o troppo grandi.

La critica? I rigorosi canoni d’immagine che ci si aspetta da ogni tipologia di prodotto. Potrebbero non aderire semplicemente perché sono cresciuti in questo modo o perché una grandinata li ha leggermente danneggiati.

La conseguenza: tonnellate e tonnellate di frutta e verdura che non sono ritenute adatte alla vendita e che, nel migliore dei casi, vengono utilizzate per la produzione di succhi o, al massimo, per compost, se vengono semplicemente scartate e sono persi.

Acquistare frutta e verdura brutta: il consumo più responsabile

Dobbiamo ammettere che il settore si basa su dati forniti da studi e indagini sulle abitudini di consumo dei potenziali clienti e su questi stabilisce la propria strategia. Secondo uno studio della FAO, riprodotto da Tronstad, in un recente sondaggio in cui è stato chiesto all’acquirente la sua nozione di qualità per quanto riguarda frutta e verdura, attraverso 16 variabili, questi sono stati i risultati:

  • Il punteggio più alto, l’aspetto : il concetto a cui è stata data la massima importanza, nel 97% dei casi, era l’aspetto e le condizioni esterne del prodotto.
  • Contano anche il gusto e il prezzo: poi il sapore e la freschezza o il livello di maturità, e al quinto posto il prezzo.
  • Ecologia e nutrizione, un po ‘indietro: quella priva di pesticidi e pesticidi occupava la sesta posizione tra le preferenze dei consumatori intervistati, e il valore nutritivo, la settima.
  • Il packaging, l’ultimo: da parte sua, il packaging e il marchio sono stati relegati rispettivamente al penultimo e all’ultimo posto.

È chiaro che per la maggioranza delle persone l’aspetto fisico del frutto o della verdura gioca un ruolo prioritario nella scelta. La nostra responsabilità in quanto consumatori è, quindi, un tassello fondamentale per cercare di fermare questa tendenza allo spreco alimentare.

Ogni acquisto che facciamo ha un grande impatto ecologico e sociale , ecco perché le nostre scelte contano. E acquisiscono grande forza quando aggiungiamo l’azione individuale a quella di altri consumatori.

È importante, quindi, essere ben informati, cambiare il nostro modo di pensare quando si sceglie la frutta e non lasciarsi ingannare dalle apparenze.

Un frutto più bello e raffinato non deve essere migliore di un altro che non è tanto meglio. E acquistando un frutto deformato o con più macchie, dai sostegno a un settore, l’agricoltura, che ne ha urgente bisogno, e al quale questi scarti generano molte perdite e disordini.

Altri suggerimenti per combattere lo spreco alimentare

In qualità di acquirente e consumatore abituale di frutta e verdura, puoi fare molto per ridurre gli sprechi, sostenendo in ultima analisi gli agricoltori e contribuendo a ridurre il consumo di energia. Quindi, in primo luogo, come abbiamo detto, non fatevi influenzare dalle apparenze e acquistate frutta o verdura “brutte” o deformate, se avete la garanzia che non siano in cattive condizioni. Non i margini di entrata. Più:

  • Non accumulare molto prodotto , per evitare che diventi cattivo in casa. Per fare questo, ad esempio, non comprare più frutta se hai già il frigorifero o la dispensa piena o sicuramente finirà per marcire in casa.
  • Evita di acquistare frutta troppo verde e decidi anche per quella già un po ‘matura di non marcire al supermercato e di doverla buttare via.
  • Dai la priorità alla frutta e alla verdura di stagione ed evita il più possibile la frutta che arriva da lontano.
  • Se puoi scegliere, dai la priorità anche al prodotto di prossimità .
  • Scoprilo bene e acquista frutta o verdura da aziende che si dedicano al recupero degli scarti . Potete scoprirne alcune in questo altro articolo sulle iniziative per sfruttare la frutta e la verdura brutta .
  • Stabilisci un contatto, per fornirti frutta e verdura, con gli agricoltori della tua zona o con gli orti collettivi .

Le cifre dello spreco alimentare

Il problema va ben oltre una semplice e stravagante questione estetica. Recuperando i dati offerti dalla FAO o anche dall’OCU sulla Spagna, abbiamo queste cifre su cui riflettere:

  • Un terzo della produzione di cibo destinato al consumo umano va perso o sprecato lungo la catena alimentare, il che equivarrebbe a circa 1,3 miliardi di tonnellate di cibo all’anno , che sarebbero del tutto sufficienti per sfamare circa 3 miliardi di persone.
  • Solo nei paesi industrializzati, ogni anno vengono sprecati circa 670 milioni di tonnellate di cibo.
  • Per quanto riguarda la Spagna , fino a 7,5 milioni di tonnellate di cibo finiscono nella spazzatura di casa, in un ristorante o negli stessi supermercati.
  • Solo frutta e verdura corrispondono a circa il 45% del totale che si produce e cioè che frutta e verdura sono, insieme al pane, i prodotti più sprecati .
  • Secondo i dati dell’Ucu, l’ 80% del cibo sprecato è nelle case stesse , dopo essere stato acquistato, che equivale a circa 1.300 milioni di chili all’anno, o che è lo stesso, a circa 25,5 milioni a settimana.
  • Produciamo fino al 60% di cibo in più del necessario , ma d’altra parte la fame nel mondo è ancora presente e colpisce milioni di persone.
  • Per anelli della catena alimentare, i rifiuti attribuibili alle famiglie raggiungono il 42% del totale, mentre la produzione è attribuita al 38%, i ristoranti il ​​14% e la distribuzione solo il 5%.
  • E nel frattempo, c’è il vergognoso e intollerabile paradosso che circa 820 milioni di persone nel mondo soffrono la fame.
  • Un dato in più, altrettanto eloquente: 50 milioni di tonnellate di frutta vengono scartate ogni anno in Europa prima di raggiungere i punti vendita, perché considerate brutte, deformate o imperfette, ovvero perché non rispondono ai criteri di qualità di supermercati.
  • Ma se in Europa i rigetti avvengono principalmente nelle case, in altre parti del mondo, come l’Africa, dove non esistono sistemi di trasporto, refrigerazione e stoccaggio così efficienti, queste perdite si verificano principalmente prima di raggiungere il consumatore.

Un enorme impatto ambientale

Lo spreco alimentare ha un costo elevato nell’uso dell’acqua, dei terreni agricoli, del lavoro in agricoltura e delle risorse energetiche . Ecco alcuni altri fatti:

  • Il cibo che viene rifiutato in qualsiasi modo è destinato solo a contaminare. Si calcola, ad esempio, che solo nell’Unione Europea gli 88 milioni di tonnellate di cibo sprecate ogni anno siano responsabili di 170 milioni di tonnellate di CO2, l’8% delle emissioni annue totali . È stato detto più volte che se lo spreco alimentare fosse un paese, occuperebbe la terza posizione nella classifica dei produttori di gas serra.
  • L’estensione delle colture che queste colture comprenderebbero è equivalente all’intera superficie agricola del continente africano.
  • Secondo la FAO, in termini di cosiddetta impronta idrica delle acque superficiali e sotterranee, legata allo spreco alimentare, essa raggiunge i 250 km3, che equivarrebbero a tre volte il volume dell’acqua del Lago di Ginevra .
  • Uno studio del Politecnico di Madrid, raccolto sulla Rivista Tecnica dell’Ambiente , indica che il 4% dell’acquisto rifiutato, circa 26 kg per persona all’anno, significa sprecare 119 litri di acqua per persona all’anno . Alziamo la cifra al numero di abitanti e la cifra diventa mostruosa.

E un’ultima nota: lo spreco alimentare comporta anche un’enorme perdita di nutrienti essenziali per la salute della popolazione mondiale.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *