Intrattenimento

Pino Daniele la figlia pubblica una straziante lettera “Non sono….”

Pino Daniele la figlia scrive una lettera straziante. Stiamo parlando di uno dei più grandi artisti nella musica italiana che ormai ci ha lasciati da qualche anno. La sua morte è stata un duro colpo per tutti quanti e Pino Daniele sicuramente ha lasciato un vuoto incolmabile non soltanto nella vita dei familiari, ma anche dei suoi fan. A risentire parecchio della scomparsa di Pino è stata sicuramente la figlia Sara, la quale continua a dedicargli delle parole molto commoventi e strazianti.

Pino Daniele la figlia lo ricorda a 5 anni esatti dalla sua morte

Pino Daniele in realtà si chiamava Giuseppe Daniele ed è stato un grande cantautore ma anche compositore e musicista napoletano. È nato proprio a Napoli e secondo quelli che sono i racconti dei suoi amici più stretti, pare che da giovane non vivesse in una situazione economica agiata. Da bambino per via di questa situazione precaria non sarebbe riuscito neanche ad acquistare l’annuale foto scolastica. La sua infanzia è stata soprattutto per questo motivo molto complicata. Ad inizio anni ’70 Pino ha iniziato a muovere i suoi primi passi nel mondo della musica, esordendo in un gruppo chiamato New Yet, fondata da un suo amico molto caro, nonché compagno di classe.

L’esordio nel mondo della musica e il successo

Il suo talento venne notato nel giro di pochi mesi e pian piano il suo nome ad iniziato ad essere sempre più presente nel mondo della musica. Ovviamente la sua fama iniziò a crescere soltanto qualche anno dopo, ovvero con l’arrivo degli anni 80. Era il 27 giugno 1980 quando Pino ha aperto il concerto di Bob Marley a San Siro davanti a circa 80000 persone. La sua carriera da quel momento ha avuto una svolta, diventando negli anni un’icona della musica italiana. Purtroppo Pino è venuto a mancare il 4 gennaio 2015 e la sua morte è stata un duro colpo soprattutto per la figlia Sara.

Il post straziante della figlia Sara

A 5 anni esatti dalla scomparsa di Pino, la figlia ha voluto ricordarlo scrivendo un post straziante e commovente sul suo profilo Instagram. “A distanza di sei anni mi domando se quando hai scritto “Sara” avevi già previsto tutto, pensando ‘senti io gliela scrivo così nel dubbio l’ascolta e sa che: 1. Può anche smettere di piangere 2. non andrò mai da nessuna parte, sarò sempre lì con lei’ —un pò come questa foto dove mi prendevi in braccio, anche se adesso il tuo peso sulle spalle ce l’ho io, ma lo porto volentieri e con fierezza.

Sai, questo 4 Gennaio lo vivo in modo malinconico, pensa che ieri sera ho fatto come le anziane e mi sono messa a rimuginare sui miei ricordi passati, con l’unica differenza che mi sono venuti in mente episodi di vita dove non c’eri fisicamente ma pensavo “caspita, ho risposto uguale a papà” oppure “bene, ho fatto una danielata (si noi le gaffes le chiamavamo così)”. Ho realizzato che noi figli siamo l’estensione dei nostri genitori e dei loro insegnamenti, non sono perfetta ed ho ancora tantissime cose da imparare, ma se guardo il mio percorso dai 18 anni alla donna che sono oggi, credo che un pò saresti fiero.
Grazie Papà, per tutto.
Ti aspetto in riva al mare come al solito!
Sara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *