Raffaella Carrà, il patrimonio della Regina della tv: a chi e cosa lascia in eredità l’artista

Lutto nel mondo della televisione e nel mondo dello spettacolo per l’ improvvisa scomparsa di Raffaella Carrà una vera e propria icona della TV. Era riuscita tanti anni fa, grazie al suo talento ma soprattutto alla sua ironia, simpatia ed inconfondibile risata a conquistare il cuore di migliaia di fan non soltanto italiani, perché Raffaella era conosciuta davvero in tutto il mondo.

Raffaella Carrà è morta, l’annuncio di Japino

A dare la triste notizia è stato l’ex compagno di tutta una vita ovvero Sergio Japino. Pare che la notizia si sia diffusa esattamente intorno alle ore 16:25 di ieri lunedì 5 luglio 2021. Sergio ha pubblicato un post piuttosto commovente che ha lasciato tutti senza parole. “Raffaella ci ha lasciati. È andata in un mondo migliore, dove la sua umanità, la sua inconfondibile risata e il suo straordinario talento risplenderanno per sempre”. Questo quanto annunciato da Japino. Nessuno si aspettava effettivamente la morte di Raffaella Carrà, anche perché non era stata mai diffusa la notizia relativa alla sua malattia. Ebbene sì, Raffaella Carrà era piuttosto malata da alcuni mesi, ma aveva preferito non rivelare la sua malattia che a dire di Sergio Japino è stata piuttosto devastante.

La malattia tenuta nascosta fino alla fine

In realtà Raffaella Carrà è stata da sempre molto riservata sulla sua vita privata e di conseguenza lo è stata fino alla fine. Ha avuto due relazioni in molto importanti ovvero quella con Gianni Boncompagni che per lei è stato il grande amore della sua vita e poi ancora una storia molto importante con Sergio Japino. Nonostante la grande voglia di maternità, Raffaella non è diventata mamma. Non ha avuto figli suoi, ma è stata mamma di circa 150.000 bambini adottati a distanza.

Il mistero dell’eredità

Adesso sembra che una volta diffusa la notizia della sua morte in tanti abbiano riflettuto sull’eredità della regina della televisione e pensato a chi andrà visto che Raffaella non ha avuto figli. Ovviamente non è facile dire con certezza a quanto possa ammontare l’eredità di Raffaella Carrà, ma una cosa è certa ovvero che l’artista ha lasciato tutti noi una grande eredità in termini di musica. Il suo ultimo messaggio pubblicato su Twitter risale a poco tempo fa su Twitter. “Grazie a tutti! Mi avete sommersa di auguri, il vostro affetto mi commuove, vi abbraccio e vi auguro un’estate con ritorno alla normalità ”.

78 anni fa è nata a Bologna la cantante, attrice e presentatrice Raffaella Carrà, icona della folla in America Latina; ma a causa di una malattia, è morto ieri. Le cause esatte della sua morte non sono ancora state rese note. Il mondo ha ricevuto questa triste notizia da uno degli artisti che, tra gli anni ’50 e ’70, ha rivoluzionato la televisione europea, diventando da allora un simbolo in alcuni paesi soprattutto di lingua spagnola.

Leggi Anche  Sergio Japino: chi è l'ultimo compagno di Raffaella Carrà, età, carriera, storia d'amore

Italia, Spagna e America Latina hanno perso una delle loro grandi icone dello spettacolo, dal momento che l’italiano ha attraversato tutti i confini con la sua carriera artistica. “Raffaella ci ha lasciati. È andato in un mondo migliore, dove la sua umanità, le sue risate inconfondibili e il suo straordinario talento brilleranno per sempre”, ha detto il coreografo Sergio Japino, che è stato suo compagno per diversi anni, il suo “specchio in cui guardarsi”.

L’artista, che coreografò a pieno raggio “esplode, esplode, esplodo!”, è morta dopo una malattia che “da tempo aveva attaccato il suo corpo spesso, ma pieno di energia”, secondo le dichiarazioni di Japino.

Attirò folle ed era amica di molte figure dello show business e della politica internazionale, tra cui l’ex calciatore argentino Diego Armando Maradona, Madonna, Raffaello, Laura Pausini, Miguel Bosé. Il suo grande senso dell’umorismo, del carisma e dell’umiltà ha conquistato il cuore di milioni di persone grazie alle sue varie apparizioni in televisione. Ha recitato in programmi molto vari:spazi musicali in cui ha deliziato con i suoi più grandi successi, gala di Natale e persino altri programmi di natura più personale, come Sálvame o Salsa rosa. È stato il suo tempo sul piccolo schermo che ha permesso alla cantante di creare grandi amicizie con volti noti.

L’artista è sempre stata ricordata per successi musicali come Caliente, caliente o Hay que venir al sur, ma anche peril suo talento poliedrica che l’ha portata sia come attrice che presentatrice di più programmi televisivi su RAI in Italia o RTVE in Spagna.

Leggi Anche  Raffaella Carrà: perchè non ha avuto dei figli, ecco la verità

Nata a Bologna nel 1943 con il nome di Raffaella Maria Roberta Pelloni, il suo nome d’scena è stato suggerito dal regista e televisivo Dante Guardamagna,che ha pensato che sarebbe stata una buona idea prendere il cognome del pittore italiano Carlo Carrà. Il cognome legato all’arte sembrava essere di buon auspicio e Raffaella conquistò così la folla dentro e fuori l’Europa.

Le sue origini artistiche risalgono a giovanissimo, con un piccolo ruolo nel film Tormento del passato,di Mario Bonnard. All’età di dieci anni si trasferì a Roma con la madre, dove venne a imparare la danza classica. Anni dopo studiò cinematografia, che la guidò in Spagna a fare teatro, dove a sua volta partecipò al Festival di Prosa Latina.

Icona della libertà

Raffaella è stata cresciuta da una donna separata, che ha detto di averla educata in un ambiente di completa libertà. Tra gli anni ’50 e ’70 ha suscitato scalpore sulla televisione italiana per le sue mosse di danza e i suoi costumi, mentre cantava in uno spettacolo di varietà per tutta la famiglia mostrando il suo ombelico, qualcosa di folle per l’epoca. Il Vaticano l’ha censurata per il suo stile in una coreografia sensuale della canzone Tuca tuca.

In un’intervista al quotidiano El País nel 2019, Carrà ha ammesso che essere se stessa le è costata alcune battaglie in passato, ma che tutto è stato spontaneo: “Non è niente di imposto, è tutto naturale. (…) Non stava solo mostrando il mio corpo, ma facendo capire che il corpo di una donna è sempre attaccato alla sua testa. La sensualità non è in contrasto con l’intelligenza, la simpatia, l’ironia.

Il successo nel suo paese la portò in Spagna, dove conquistò anche il pubblico locale con il programma La hora de Raffaella, trasmesso tra il 1975 e il 1976, dopo la dittatura franchista. Questo è stato seguito da altre importanti produzioni nel paese. Nel 1986 dirige il programma di intrattenimento Domenica in, una rivoluzione del piccolo schermo; e nel 1989 firma con Canale 5,del gruppo audiovisivo della famiglia Berlusconi, in cui dirige Il principe Azzurro senza molta accoglienza.

Leggi Anche  Raffaella Carrà: ecco svelato a chi andrà il suo patrimonio, ma a quanto ammonta l'eredità?

Più tardi, la vita la portò a Hollywood. Anche se ha ottenuto apparizioni importanti, come un ruolo nel film Colonnello Von Ryan,insieme a Frank Sinatra, ha preferito tornare in Europa, da dove ha catapultato il suo stile in America Latina.

Tuttavia, è stata pioniera nei programmi di mezzogiorno con concorsi telefonici, interviste e canzoni, una modella che è stata successivamente replicata in paesi della regione, come l’Argentina, con lo spettacolo di Susana Giménez.

Era un’icona gay, ammirata e amata in tutta la comunità LGBTIQ. Raffaella ha infatti ricevuto il World Pride Award nel 2017.

Nel 2020, in un’intervista ai media italiani, ha riconosciuto che quell’anno è stato particolarmente difficile per lei e che temeva la pandemia di COVID-19. Nonostante ciò, mantenne il suo umorismo caratteristico.

Sergio Japino ha aggiunto che nascondere il suo stato di salute, senza specificare una malattia, è stata una sua volontà, come “l’ennesimo gesto d’amore verso il suo pubblico e verso coloro che hanno condiviso l’affetto, affinché il suo calvario personale non disturbi la sua memoria luminosa”.

Carrà non ha gradito mettersi in mostra e si è mostrato in pubblico solo in rigidi impegni di lavoro. Infatti – e dopo 30 anni in coppia con Japino – si è appreso che non erano più insieme perché si è dichiarata “ritirata dall’amore”. Tuttavia, fu lui ad accompagnarla fino alla fine e fu uno dei grandi amori della sua vita.

Il suo successo nel mondo di lingua spagnola iniziò nel 1975 con la sua apparizione nel programma televisivo spagnolo ¡Señoras y señores!,che servì da trampolino di lancio per lanciare una raccolta delle sue migliori canzoni cantate in spagnolo.

La sua consacrazione fu anche in alcuni paesi dell’America Latina, come Cile, Perù, Argentina, Messico. Nel festival cileno Viña del Mar, ad esempio, Carrà rivoluzionò quel palcoscenico durante la dittatura di Augusto Pinochet con una memorabile interpretazione nell’edizione del 1982, con la quale abbagliava la giuria e fu incoronata regina del concorso. Raffaella non ha lasciato figli. Il suo primo marito, Gianni Boncompagni, fu l’autore di molti dei suoi testi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *