Schianto fatale in galleria, 18enne muore a pochi giorni dal compleanno. Una famiglia distrutta dal dolore

Udine, tragedia in strada. Sono ancora in corso di accertamento le cause che hanno condotto al violento impatto avvenuto nella galleria tra Braulins e Bordano. L’incidente è stato letale per il giovane ragazzo che tra non molto tempo avrebbe compiuto 19 anni, in sella alla moto insieme all’amico di 22 anni. Il primo di origine marocchina, il secondo di San Daniele.

I due amici viaggiavano in sella alla moto, una Kawasaki Haevy. Alla guida Cristian Borgobello, di 22 anni, che al momento versa in condizioni molto gravi, trasportato d’urgenza presso l’ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine. Nulla da fare invece per il giovane 19enne di origini marocchine, Hamza Achaq, deceduto a causa dei gravi traumi riportati.

Stabile e fuori pericolo di vita, il conducente alla guida della Daihatsu Terios, Nerino Picco, 67enne di Bordano. Sul posto sono tempestivamente sopraggiunte le squadre dei Vigili del Fuoco del Distaccamento di Gemona del Friuli, mentre rimangono ancora in fase di accertamento le cause dell’incidente. I rilievi sono effettuati dai Carabinieri della Stazione di Gemona del Friuli e di Buja. 

Sul posto, si apprende su Udine Today, anche i dipendenti dalla Compagnia di Tolmezzo guidata dal capitano Diego Tanzi oltre al personale sanitario, ovvero l’elisoccorso, un’auto medica, due ambulanze, Secondo i primi rilievi la moto ad alta velocità sarebbe sbandata andata a scontrarsi con l’automobile. 

Dopo il violento impatto, il giovane di 19 anni è stato prontamente rianimato dal medico del 118 che nonostante numerosi tentativi non ha potuto far altro che constatare il decesso di Hamza. L’amico, dapprima stabilizzato e poi trasportato in ospedale, è ricoverato in rianimazione e lotta tra la vita e la morte. Si rimane in attesa di ulteriori aggiornamenti.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *