Sergio Japino chi è l’ex compagno di Raffaella Carrà? Età, carriera, vita privata, malattia e figli

Raffaella Carrà si è spenta purtroppo oggi all’età di 78 anni ed a darne l’annuncio è stato proprio il suo compagno di tutta una vita ovvero Sergio Japino. Lei aveva un fratello di nome Renzo, che purtroppo è venuto a mancare all’età di 56 anni. Ad ogni modo, in tutti questi anni ha stretto un forte legame con i suoi nipoti ovvero figli del fratello, Matteo e Federica provando per loro un affetto quasi materno. Nonostante comunque abbia avuto diverse relazioni non è mai convolata a nozze e si è da sempre saputo che ha avuto una grande storia d’amore con il ballerino regista e scenografo Sergio Japino. Ma cosa conosciamo di lui e della tua vita privata? Chi è Sergio?

Sergio Japino, chi è

Di lui sappiamo che è nato il 17 settembre del 1952 e che è un noto coreografo, regista e autore televisivo, coreografo ed autore televisivo. Ha iniziato a lavorare come ballerino tanti anni fa e la sua formazione la si deve a Gino Landi. È stato poi negli anni Ottanta che ha iniziato a muovere i suoi primi passi come coreografo in alcune trasmissioni molto importanti come Fantastico 3 e poi Pronto Raffaella. In uno di questi programmi ha avuto modo di conoscere proprio la grande Raffaella Carrà, iniziando a collaborare per la riuscita di tanti altri programmi televisivi.

La storia con Raffaella Carrà

I due hanno condiviso quindi un periodo molto lungo insieme e la loro relazione è stata piuttosto chiacchierata e anche molto intensa e passionale. Nel corso di un’intervista rilasciata un po’ di tempo fa proprio dallo stesso Sergio a tv sorrisi e canzoni pare che l’uomo avesse detto “Raffaella e io siamo legati nell’anima“. Parole che sicuramente hanno fatto bene intendere quanto fosse speciale il loro rapporto. I due non hanno mai avuto figli mentre Sergio è padre di una donna di nome Jessica.

L’annuncio della morte di Raffaella Carrà

Come abbiamo già avuto modo di anticipare ad annunciare la morte di Raffaella è stato proprio Sergio Japino il quale ha pubblicato un post molto commovente. “Raffaella ci ha lasciati. E’ andata in un mondo migliore, dove la sua umanità, la sua inconfondibile risata e il suo straordinario talento risplenderanno per sempre“. Queste le parole scelte da Sergio per annunciare la dipartita della grande artista.

Leggi Anche  Raffaella Carrà: ecco svelato a chi andrà il suo patrimonio, ma a quanto ammonta l'eredità?

L’iconica cantante, attrice e presentatrice italiana Raffaella Carrà è morta lunedì all’età di 78 anni. “Raffaella ci ha lasciati. È andato in un mondo migliore, dove la sua umanità, le sue risate inconfondibili e il suo straordinario talento rimarranno per sempre”, ha scritto in un comunicato Sergio Japino, che è stato suo compagno per molti anni.

Carrà, che ha goduto di grande popolarità in America Latina e Spagna negli anni ’70 e ’80, aveva combattuto una malattia per qualche tempo.

“Per qualche tempo, la malattia aveva attaccato il suo corpo, così piccolo ma così pieno di energia traboccante”, ha scritto Japino, che ha evidenziato “la sua forza inarrestabile, che l’ha imposta in cima al sistema stellare mondiale, e una volontà di ferro che non l’ha mai abbandonata fino alla fine, assicurandosi che nessuna delle sue profonde sofferenze trapelò”.

Nel corso della sua carriera, Carrà, che non ebbe figli, divenne nota per canzoni popolari come “Hay que venir al sur”, Fiesta”, Caliente, caliente” o“Enel amor todo es empezar”, così come per la sua presenza carismatica in programmi televisivi italiani e spagnoli.

La sua parola preferita è sempre stata libertà,ma da quando la pandemia di coronavirus si è stabilita nella vita di tutti Raffaella Carrà (Bologna, 1943) usa di più la parola rispetto. Lo dice in una conversazione telefonica con El País dalla sua casa di Roma, dove si è tenuto all’inizio della quarantena e da dove guarda con anticipazione tutto ciò che accade all’estero. “Sono un po ‘strapazzato e ho paura, come è normale. Questa pandemia è molto ostinata”, dice l’uomo che ha viaggiato in quasi tutti i paesi del mondo, rompendo stampi con una vigna e un guardaroba pieno di paillettes e glitter e con il suo ombelico nell’aria in anni di censura.

Ora esce a malapena di casa tranne che per l’essenziale. La fama in questo momento non è un buon compagno perché, dice, non è il momento per loro di fermarti per strada per chiederti una foto. Quella vicinanza con l’altra è ciò che l’ha portata a decidere di rimandare il suo ritorno in A raccontare comincia tu, il programma televisivo pubblico italiano, RAI, ispirato al format spagnolo di Bertín Osborne, Mi casa es la tuya, in cui la diva intervista personaggi del mondo della cultura, dello spettacolo o dello sport. “Se devo sedermi a due metri dal mio intervistato e non posso toccarlo o abbracciarlo, parte dell’essenza è persa. E devi rispettare le regole”, dice, consapevole della situazione. Il paese transalpino, obiettivo iniziale della pandemia in Europa, è stato il più colpito nei mesi di marzo e aprile e, sebbene avesse sconvolto l’assalto della seconda ondata meglio dei suoi vicini, sta già colpendo duramente gli italiani. Per lei, il rispetto delle regole di base — maschera, lavaggio delle mani e distanza di sicurezza — è il minimo che i cittadini dovrebbero fare. “Ora dicono che devi fare sesso con la distanza, come lo spieghi ai giovani? Lasciate che me lo spieghino!” ride chi cantava che nel sud è dove l’amore è fatto meglio.

Leggi Anche  Raffaella Carrà: chi sono gli eredi, a quanto ammonta l'eredità della conduttrice

La cantante, attrice e presentatrice rimane ignifuga come sempre. Il film musicale Explota explota di Nacho Álvarez l’ha portata ai giorni nostri e sebbene sia felice di questo tipo di omaggio sul grande schermo, in cui fa un cameo, ammette di non essere stata più punto dal gusanillo dell’interpretazione. Il suo sogno era quello di essere una ballerina coreografa, ma il suo insegnante ha irritato quella fantasia considerando che le sue caviglie erano troppo sottili. Fece il suo debutto cinematografico all’età di nove anni e sebbene la televisione fosse la sua più grande vetrina, ci riprovò in alcuni film della sua nativa Italia e fece il salto a Hollywood. Ma quel mondo non era per lei. “Quando il lavoro termina alle cinque del pomeriggio, tutti escono a festeggiare. E non prendo droghe né bevo”, ammette l’uomo che ha rotto un contratto con Fox per tornare a casa con la madre. “Lì tutti ti dicono ‘Ti amo’ subito. Amare qualcuno devi prima conoscerli, vero?”, aggiunge a proposito di quell’ipocrisia installata nella mecca del cinema.

Questa artista poliedrica diventata simbolo di libertà negli anni Sessanta e Settanta dice che essere se stessa non è mai stata difficile perché “non è nulla di imposto, è tutto naturale”, anche se ammette che le è costata qualche battaglia in passato. “Non stava solo mostrando il mio corpo, ma facendo capire che il corpo di una donna è sempre attaccato alla sua testa. La sensualità non è in contrasto con l’intelligenza, la simpatia, l’ironia…”, spiega a proposito di quegli anni in cui anche il Vaticano stesso censurava il suo stile nella sua storica coreografia alla RAI del Tuca Tuca. Celebra che il femminismo si è finalmente insediato nella società, anche se crede che ci sia ancora molto da fare: “È giusto scoprire questi veli spessi. È importante, e non sempre accade, che valorino il tuo talento e che non ti dica che hai fatto qualcosa con cui andare a letto o essere una ragazza.

Leggi Anche  Raffaella Carrà: chi era, età, carriera, vita privata, marito, figli

Assicura che questo nuovo film ispirato alle sue canzoni non è biografico. “Non è la mia storia. Non ho mai lasciato un uomo piantato sull’altare perché non ho mai avuto intenzione di sposarmi”, chiarisce a proposito di una delle differenze con la protagonista del film interpretato da Ingrid García-Johnsson,che abbandona il suo ragazzo il giorno del suo matrimonio per seguire il suo sogno di essere una ballerina in televisione attraverso le canzoni più conosciute della diva. Raffaella, che in diverse interviste ha raccontato di aver dato zucche a Frank Sinatra,ora non è conosciuta come una compagna e non ha figli, ma ama la vita familiare e si gode suo nipote.

Lontano da tutto e da tutti, le persone intorno a lui sono il suo unico intrattenimento. Il 77enne non pensa alla pensione – “Non mi piace quella parola” – ma è felice per tutto quello che ha fatto in passato. “Ho avuto così tante soddisfazioni che posso dire che non potrei fare di più”, dice in perfetto spagnolo. Scherza sul fatto che il suo spagnolo non ha la perfezione di quella della Royal Academy, ma lo parla molto bene. Ha ricevuto lezioni per i programmi spagnoli ¡Hola Raffaela! o A casa con Raffaella,con la quale conquistò gli spagnoli negli anni Novanta e si innamorò di questo paese. Qui spera di tornare non appena tutto tornerà al suo corso per godersi la gente e, soprattutto, la gastronomia.  È bellissimo”, dice entusiastadi rilavocarsi presto la sua vita. La diva dell’eterna metà bionda mane e denti separati ha ancora molta miccia rimasta.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *