Sergio Marchionne storia, biografia, padre e madre

Il padre Concezio (1915-1985) nacque a Cugnoli in Abruzzo e fu un maresciallo dei Carabinieri in servizio negli anni trenta in Istria, dove prestò servizio fino al termine della seconda guerra mondiale quando la regione passò alla Jugoslavia. Qui conobbe la futura moglie, Maria Zuccon (1928-2017). Negli anni della guerra la famiglia materna fu colpita da due lutti. Successivamente i genitori di Sergio decisero di trasferirsi presso i familiari di Concezio a Chieti, dove subito dopo si sposarono e dove Sergio nacque nel 1952. Quando Sergio aveva 14 anni, la sua famiglia si spostò ancora, emigrando in Ontario, Canada, dove si era già stabilita la zia materna Anna Zuccon. Aveva anche una sorella maggiore, Luciana, docente universitaria di letteratura italiana, morta nel 1980 a 32 anni.

Marchionne era domiciliato in Svizzera a Walchwil, nel Canton Zugo, ma negli ultimi anni di vita abitava a Blonay, nel Canton Vaud. Aveva due figli, Alessio Giacomo (1989) e Jonathan Tyler (1994), nati dal primo matrimonio con l’ex moglie Orlandina. Dal 2012 era legato sentimentalmente a Manuela Battezzato, manager aziendale conosciuta alla FCA, dove si occupava del settore comunicazioni.

“È successo, purtroppo quello che temevamo, Sergio, l’uomo, l’amico, se n’è andato”, ha annunciato il presidente di FCA John Elkann in una nota. Il leader aveva subito un intervento chirurgico alcune settimane fa alla spalla, ma alcune complicazioni dopo l’operazione hanno causato il suo stato irreversibile, secondo alcuni media.

La famiglia aveva chiesto discrezione e non aveva mai comunicato lo stato di salute di Marchionne. Il suo stato di salute ha costretto FCA e Ferrari a scegliere i loro successori all’inizio di un consiglio di amministrazione urgente sabato scorso. Marchionne aveva annunciato la sua partenza da FCA nella primavera del 2019 e dalla Ferrari nel 2021.

“Penso che il modo migliore per onorare la sua memoria sia stato quello di fare tesoro dell’esempio che ha lasciato, di coltivare i valori di umanità, responsabilità e apertura mentale di cui è sempre stato promotore”, ha aggiunto Elkann, ora presidente di FCA e Ferrari.

Il nipote di Gianni Agnelli ha detto che lui e la sua famiglia saranno “sempre contenti per tutto quello che ha fatto” e ha mostrato la sua vicinanza alla moglie di Marchionne, Manuela, e ai due figli del precedente matrimonio, Alessio e Tyler.

L’ancora di salvezza di Fiat

La storia della Fiat de Marchionne inizia nel 2003, quando Umberto Agnelli lo chiama a far parte del consiglio di amministrazione della Fiat nonostantenon avesse esperienza nel settore automobilistico e provenisse dal settore assicurativo. L’anno seguente è diventato CEO in un momento in cui la società ha accumulato grandi perdite.

Con la sua solita maglia blu scuro, è riuscito in questi 14 anni a far uscire fiat dalla crisi e trasformarla in una “società solida con un futuro luminoso e luminoso”, come ha detto lo scorso giugno quando è stato annunciato il suo piano industriale fino al 2022 e 45.000 milioni di investimenti.

Foto dell'allora CEO di FIAT Chrysler Sergio Marchionne (a sinistra) e del presidente di FIAT Chrysler John Elkann
Foto dell’allora CEO di FIAT Chrysler Sergio Marchionne (a sinistra) e del presidente di FIAT Chrysler John Elkann

Questo italiano, seppur cresciuto in Canada, è stato il visionario e l’artefice della possibilità della fusione con il gruppo americano Chrysler nel 2009, che ha rilanciato il gruppo della famiglia Agnelli anche se ora con sede legale ad Amsterdam (Olanda) e la procura a Londra.

Ma i numeri dell’era marchione dicono tutto. Il fatturato è passato dai 47.000 milioni di euro del 2004 ai 141.000 milioni dello scorso anno. Da perdite per 1,5 miliardi di euro nel 2004 si è passati a un utile netto di 4,4 miliardi di euro nel 2007.

Marchionne, considerato un tipo tosto, ha avuto importanti scontri con i sindacati del settore saltando il contratto collettivo, ma anche con l’associazione dei datori di lavoro (Confindustria), da cui è uscito nel 2011 dopo diverse divergenze e che all’epoca era un fatto clamoroso.

Rilanciati brand mitici

Seppe anche rilanciare i marchi del gruppo americano come Jeep,che considerava “il fiore all’occhiello dell’azienda”, con il lancio in Europa di modelli come la nuova Wrangler e la nuova Cherokee.

In Italia, ha optato per lo stabilimento di Pomigliano (sud) dove viene prodotta la nuova Panda e reinventa modelli come la 500L e tira fuori tre nuove Lancia: Ypsilon, Voyager e Flavia.

Marchionne ha anche lasciato la presidenza Ferrari sabato, anche se aveva annunciato che avrebbe continuato fino al 2021. Raccoglie il testimone di Luca Cordero de Montezemolo nel 2014, che aveva lasciato una società che non cresceva e un team di Formula 1 in totale crisi.

Con Marchionne, Ferrari è diventata ancora una volta il fiore all’occhiello della famiglia Agnelli, il 90% delle azioni che erano in mano a banche e investitori viene acquisita e viene creata una società separata da Fiat che viene quotata in Borsa.

Ferrari ha registrato un aumento dell’utile nel primo trimestre del 2018 del 19,4% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e un fatturato di 3,4 miliardi.

Il nuovo CEO di FCA è Mike Manley,54 anni, nato a Edenbridge, nel Regno Unito, responsabile del marchio Jeep dal 2009 e responsabile delle operazioni del gruppo in Nord America dal 2015. Mentre il nuovo CEO della Ferrari sarà Louis Camilleri e il presidente, John Elkannm.

Pubblicato in News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *