Sergio Marchionne chi sono i suoi figli Alessio Giacomo e Jonathan Tyler

Sergio Marchionne era un grande un uomo innamorato della sua famiglia e soprattutto dei suoi figli Alessio Giacomo e Jonathan Tyler. Ad ogni modo, era anche uno dei più grandi Manager. I suoi figli, pare che abbiano voluto omaggiare il padre. Ma cosa conosciamo di loro della loro vita privata?

Sergio Marchionne, chi sono i suoi figli?

Riguardo la vita privata di Sergio Marchionne in realtà non abbiamo molte informazioni e dei suoi figli purtroppo ancora meno. Ha dato ai suoi figli dei nomi per rendere omaggio l’uno alle origini italiane e l’altro al Canada dove si è trasferito quando aveva soltanto 14 anni. Ad ogni modo, tutti e tre sono nati dal primo matrimonio di Sergio Marchionne con la moglie Orlandina. Alessio Giacomo è nato nel 1989 e si è laureato in economia in Canada mentre Jonathan Tyler è più piccolo di 5 anni. Come già abbiamo avuto modo di vedere su di loro non ci sono molte informazioni né tantomeno tante immagini sui social network. L’unica cosa certa è che l’ex amministratore delegato di FCA ha vissuto tutta la sua vita nella più totale privacy. I ragazzi sono stati da sempre molto vicini al loro papà e non l’hanno mai lasciato neppure nelle ultime ore della sua vita.

Leggi Anche  Orlandina: chi è l'ex moglie di Sergio Marchionne, età, carriera, vita privata

Un dirigente storico per l’automobile

Marchionne è stato un’icona nel settore automobilistico per i suoi successi. Il più grande è stato salvare fiat dal cadere nelle mani di General Motors quando si è trattato della società nel 2004. Inoltre, quella è stata la sua prima grande operazione. General Motors ha dovuto pagare 1,5 miliardi di dollari per non aver eseguito l’acquisto della Fiat. È vero che l’azienda italiana perdeva 700 milioni all’anno in quel momento. Marchionne aiutò gli americani a desistere dall’acquisto e a pagare la multa.

Leggi Anche  Orlandina: chi è l'ex moglie di Sergio Marchionne, età, carriera, vita privata

Quando Marchionne arriva alla Fiat trova una società fallita. Perde due milioni al giorno ed è tenuto a galla da un prestito sindacato delle banche nel 2002. “La prima volta che ho messo piede nel Lingotto (sede torinese della vecchia Fiat) puzzava di morte industriale. E quando ho esposto i miei obiettivi per i prossimi tre anni, la gente mi ha preso per pazzo…” Forse presentare queste linee programmatiche con il jazz in sottofondo è stato ancora più strano. Ma a lui non importava e andò avanti.

Leggi Anche  Orlandina: chi è l'ex moglie di Sergio Marchionne, età, carriera, vita privata

Ha controllato tutti gli angoli e le fessure del gruppo. “Durante il 2004 ho visitato tutte le strutture. Sono andato alla fabbrica di Mirafiori (la più grande fabbrica della Fiat). Ho visto gli spogliatoi, le docce, la caffetteria… Come farò a chiedere ad alcuni lavoratori che vivono in una struttura così depressa un prodotto di qualità?” Ma per andare avanti con quella situazione, ha dovuto imporre un piano di austerità ed essere licenziato perché la Fiat era come l’Italia in quel momento: stava facendo acqua. Il denaro passava solo di mano in mano dagli intermediari. E Marchionne ha anche descritto la situazione: “Molte volte gli uomini in blu (per gli operai nelle fabbriche) pagano quello che fanno gli uomini negli uffici”.

L’acquisto di Chrysler

Saneada Fiat, Marchionne si è concentrato su una delle sue ossessioni, la concentrazione del settore automobilistico. La crisi finanziaria è stata sua alleata e nel 2009 ha portato avanti una delle sue grandi operazioni: l’acquisto di Chrysler, in bancarotta e salvata dall’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama. L’ex presidente ha invitato diversi gruppi a salvare l’iconica Chrysler. Marchionne accettò ma con le sue condizioni.

L’ha ottenuto a un costo di Pirro. Viene raggiunto un accordo per acquistare il 20% delle azioni dellasocietà americana. Alcuni creditori della società hanno cercato di bloccare l’operazione presso la Corte Suprema. Il 10 giugno 2009, Fiat ha acquisito ufficialmente l’importo annotato. Obama è stato il principale sostenitore dell’operazione, poiché, appena arrivato alla Casa Bianca, l’auto americana è stata trovata in bancarotta. Obama ipotizza che Fiat prenderà il 20% di Chrysler con l’impegno di farla galleggiare a costo zero per l’italiano.

L’ex presidente degli Stati Uniti fissa obiettivi per Marchionne per i prossimi tre anni che, se raggiunti, darebbero a Fiat il 53,5% di Chrysler. Il resto è nelle mani dei sindacati che, dopo una dura trattativa, vendono la loro quota nel 2014, e così è nata FCA. Marchionne, l’uomo che odia i debiti, li contrae per effettuare l’acquisto ma si pone l’obiettivo di porvi fine il prima possibile.

Il passo successivo è stato quello di spostare la sede in Olanda dopo 115 anni di storia a Torino, mentre il domicilio fiscale della nuova società sarebbe stato a Londra. Inoltre, Marchionne succede a Luca Cordero di Montezemolo alla guida della Ferrari nel settembre 2014 a causa di disaccordi sia in materia sportiva che commerciale. In effetti, Marchionne non capiva perché la Ferrari non potesse superare una produzione di 7.000 auto all’anno.

Inoltre, Marchionne decide di rendere pubblica la Ferrari e di scorporarla parzialmente da FCA. La bandiera del cavallino rampante debutta a Wall Street nell’ottobre 2015 e poi lo farebbe anche sul parquet milanese. “Ferrari è un marchio di lusso come Louis Vouiton, non un produttore di auto sportive”, ha detto Marchionne all’epoca. E il mercato lo ha riconosciuto perché ferrari ha moltiplicato per tre il suo prezzo iniziale superiore a 130 dollari.

Sempre con un maglione, sempre con un sigaro in bocca

È interessante notare che l’ultimo atto di Marchionne, figlio di un Carabiniere che si è ritirato in Canada, dove il dirigente è stato cresciuto, è stato quello di consegnare una Jeep Wrangler alla polizia italiana. L’italo-canadese nella forma e nel pensiero, ha continuato dicendo che preferiva l’inglese per i negoziati, perché la lingua romanza “ha bisogno di sei parole per dire la stessa cosa della prima in due”.

Ha rifiutato i codici di abbigliamento, indossando sempre un maglione: “Li compro tutti su Amazon alle tre del mattino, quando nessuno è sul web”. “Mi trascorro nella vita sugli aeroplani”, si è giustificato più e più volte quando gli è stato chiesto dove fosse la tuta. Ciò che non ha evitato sono state le questioni scomode, quindi è stato uno dei preferiti della stampa del settore. Forse la sua formazione in filosofia ha aiutato: “All’epoca era la cosa più importante per me e mi è servita bene nel mio lavoro”.

Certo, tra chiedere e chiedere un sigaro. Era un forte fumatore e questo potrebbe essere il fattore scatenante dei suoi problemi di salute. È passato a una sigaretta elettronica senza molto successo. Ha infatti fatto parte del consiglio di amministrazione di Philip Morris, la più grande azienda produttrice di tabacco al mondo, e di cui era presidente Louis Carey Camilleri, che lo sostituirà alla guida della Ferrari.

Con la squadra di F1 del cavallino rampante si è bloccata una spina, quella di non aver vinto una Coppa del Mondo. “Questa non è la Ferrari, devi cancellare il sorriso sulla Mercedes”, ha detto l’anno scorso al GP d’Italia, in cui le due Ferrari sono finite fuori dal podio. Nel 2007 ha avuto un altro incidente con una Ferrari, ma con lui al volante, una 599 GTB Fiorna da 220.000 euro che ha lasciato inutile dopo un incidente. Era illeso.

Come antidoti, alcuni pezzi di musica classica, in particolare dalla sua amata María Callas. Anche se la donna della sua ultima vita fu Manuela Battezzato,la sua seconda moglie, che incontrò lavorando, come non poteva essere altrimenti. Fa parte del dipartimento di comunicazione del gruppo dalla fine degli anni ’90. Dall’acquisto di Chrysler, ha coordinato i rapporti tra l’ufficio Lingotto e l’ufficio di Detroit. Anche se è stata la sua prima moglie, Orlandina, a dargli figli: Alessio Giacomo (1989) e Jonathan Tyler (1994).

Soddisfatto anche dalla Juventus, di cui era un dichiarato ‘tifosi’. Tutto sommato, la ‘vecchia signora’ è di proprietà della Famiglia Agnelli attraverso l’hólding Exor,anch’essa maggioritaria in FCA, per la quale i successi sono stati celebrati due volte nella sua casa, in cui cucinava quando possibile: “Ottengo una ricca salsa bolognese”. Altri successi di un leader che, secondo se stesso, “non sopportava l’anarchia”, che lo ha portato a liberarsi dei collaboratori stretti, perché “chi governa è solo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.