Intrattenimento

Umberto Tozzi chi è? Età, carriera, figli, moglie o compagna, canzoni e vita privata

Umberto Tozzi, uno dei cantanti e compositori italiani più famosi e rinomati al mondo negli anni ’70 e ’80, è nato il 4 marzo 1952 a Torino, italia. E fin da giovanissimo fu attratto dalla musica, in particolare dal gruppo The Beatles, che lo portò a soli 16 anni ad unirsi alla sua rock band, mentre negli anni successivi avrebbe iniziato a guadagnarsi da vivere come compositore per altri e chitarrista di sessione.

“La mia cultura musicale è venuta dai Beatles, che sono stati la mia particolare scuola di vita musicale e da lì ho seguito tutto il rock degli anni ’70, con gruppi come i Pink Floyd e molti altri della scena britannica. E da quando ho iniziato come chitarrista, ho anche ascoltato chitarristi come Eric Clapton, Jim Hendrix, Jeff Beck… Ho ascoltato molta musica in inglese; non c’era niente di italiano, perché in Italia non c’è mai stato rock, anche se lì abbiamo melodie molto buone, sì. A quel tempo la musica italiana stava vivendo un grande momento. Il più grande di quel tempo per me è stato Lucio Battisti, che era diverso da tutti. Sono usato per comporre sia la chitarra che il pianoforte, ma le mie origini sono come chitarrista, e quindi ho avuto la fortuna di suonare e registrare con lui. C’è stato un tempo fantastico in cui tutta la nuova musica che è stata fatta in Italia era concentrata a Milano, e come musicista hai avuto l’opportunità di lavorare con artisti diversi”, racconta Umberto Tozzi in un’intervista al sito spagnolo www.elperiodico.com.

Tozzi nel 1977-

Nel 1974, a soli 22 anni, Umberto Tozzi, dopo aver pubblicato l’album “Strada bianca” con il gruppo I Data, raccoglie il suo primo successo locale come compositore in Italia grazie al brano “Un cuerpo, un alma”, scritto in collaborazione con Damiano Dattoli ed eseguito da Wess e Dori Ghezzi. Tuttavia, la sua carriera cambierà per sempre quando nel 1976 il cantante italiano Fausto Leali trasformò in un grande successo la ballata “lo camminerò”, una canzone scritta da Umberto Tozzi con il produttore e paroliere Giancarlo Bigazzi.

Così, Umberto Tozzi, che non si era mai immaginato come cantante, figuriamoci ballate romantiche, firmò un contratto discografico per registrare il suo primo album da solista, “Donna amante mia”, album che comprendeva anche il singolo “Io camminerò”, questa volta cantato dallo stesso compositore. Da questo album e nei suoi lavori successivi, Tozzi consoliderà un particolare stile musicale, mescolando singoli di tinture romantiche con una concezione di rock morbido e melodioso con alcuni tocchi acustici.

Tozzi anni '70

Nel 1977 Tozzi registra il suo primo grande successo internazionale, “Ti amo”, brano inserito nell’album omonimo che rimane al numero uno delle classifiche italiane per sette mesi, diventando anche un successo internazionale in tutta l’Europa continentale. “Ho composto quella canzone con il mio produttore Giancarlo Bigazzi, scomparso qualche anno fa. È stato un momento meraviglioso e ho molti ricordi. Con Giancarlo lavoriamo molto insieme facendo canzoni, sia i testi che la musica. Con ‘Ti amo’ ho avuto la certezza di aver fatto una canzone molto originale e negli anni è chiaro che è stato un titolo importante nella mia carriera. Quella canzone non aveva un motivo ispiratore specifico. A volte quando fai musica le idee vengono fuori e basta, e non sai da dove vengono o cosa succederà alla canzone, esprimi solo un’emozione. Con quella canzone alcuni mi hanno incastrato come cantante melodico italiano, che ha fatto temi romantici. Beh, ‘Ti amo’ è una canzone lenta, ma il mio stile musicale è più pop-rock che melodico, uno stile che definirei pop-rock melodico”, ha detto l’artista, che avrebbe ottenuto il suo secondo numero 1 nel 1978 con il suo secondo grande successo internazionale, il brano “Tú”, incluso nell’album omonimo.

UMBERTO TOZZI sg. 2

A quel punto Tozzi avrebbe già iniziato a brevettare uno stile musicale totalmente suo, un pop-rock morbido e melodico dove dedicava particolare attenzione alla sonorità delle parole che usava nelle sue canzoni. “Per me, il suono delle parole era molto importante. Ho sempre cercato di lavorare su questo aspetto, di far emergere un sound che fosse internazionale, non solo italiano. Questa è stata la mia differenza, la mia grande possibilità. Ho avuto la fortuna di inventare un genere musicale, questo è molto importante per un artista. L’importante nella musica è inventare qualcosa, non solo fare belle canzoni. Devi avere un genere che ti distingue”.

Tozzi occhi azzurri

Il 1979 sarebbe l’anno della consacrazione internazionale della bionda artista torinese. Quell’anno Umberto Tozzi compose, cantò e registrò il brano “Gloria”, brano pop orecchiabile, superbo ed etereo con una melodia aderente che ricordava la disco wave che travolse le classifiche d’Europa e anche dell’America Latina, dopo che Tozzi ebbe l’ispirazione di registrarlo anche in spagnolo.

Tozzi gloria 2

Per quanto riguarda il nome femminile di questa canzone, che aveva arrangiamenti scritti dal californiano Greg Mathieson supportati dalla sezione archi dell’Orchestra Filarmonica di Monaco (dove è stata registrata l’elepé “Gloria”, Umberto Tozzi ricorderà che “Gloria era semplicemente un nome di donna che non nascondeva dietro alcuna storia d’amore personale. Fino a quella data non aveva incontrato nessuna donna di nome Gloria. Poi ne ho incontrati molti”.

umberto_tozzi-gloria_s_4

La storia di quella memorabile canzone non finirà qui, perché nel 1982, quando Tozzi era già un idolo musicale in Europa e in America Latina, la cantante americana Laura Branigan registrò una versione inglese di “Gloria” (con un testo inglese senza la minima somiglianza con l’originale) sul suo album d’esordio, seguendo lo schema musicale del brano originale di Umberto Tozzi (Branigan lavorò con l’arrangiatore e tastierista della versione Tozzi, Greg Mathieson, che ha co-prodotto la sua versione con Jack White) ma indurendola con suoni sintetizzati e la sua voce potente e asciutta. Qual è stato il risultato? La canzone è stata la numero uno negli Stati Uniti, diventando un formidabile successo internazionale.

Umberto Tozzi e Laura Branigan.

La versione inglese di “Gloria” sarebbe rimasta per 36 settimane in cima alle classifiche statunitensi e le sarebbe mente guadagnata un disco di platino e una nomination ai Grammy Award per la cantante Laura Branigan nella categoria femminile di miglior cantante pop. Branigan, scomparso prematuramente nel 2004 all’età di 47 anni, registrò in seguito altre due composizioni di Tozzi, “Mama” e “Ti amo”, l’ultima delle quali raggiunse la top 5 in Canada e Australia due anni dopo “Gloria”.

In questo modo, “Gloria” avrebbe raggiunto una dimensione mondiale insolita, diventando con il passare del tempo un vero classico della musica popolare. Senza andare oltre, la canzone è apparsa in film dissimili come “Flashdance” (1983) e “The Wolf of Wall Street” (2014), confermando che non è stata toccata dal passare del tempo. Umberto Tozzi, a proposito della celebrità mondiale della sua composizione più famosa, riconoscerebbe che “non ho mai, affatto pensato che una mia canzone potesse raggiungere il numero 1 negli Stati Uniti. Ora quello che penso è che mi sarebbe piaciuto cantarla originariamente in inglese! ma è già molto fortunato averlo fatto in italiano e spagnolo. E sono state fatte dozzine di versioni”.

Tozzi anni '70 '3

Oltre all’impatto mondiale del brano “Gloria”, l’album omonimo del 1979 comprendeva anche il brano di successo e notevole “Mama Maremma”, un tema di bella melodia e morbidezza e ritmo che salì anche in cima alle classifiche di popolarità di Italia e America Latina. Il testo di questa canzone – che Umberto Tozzi registrò anche in spagnolo – ricreava la storia di un bambino di una famiglia benestante – “un piccolo gentiluomo” – che, “nell’estate del ’56′”, si innamorò segretamente della sua cameriera (“Mia madre che voleva che ti chiami zia e tra loro due era un segreto”, cantava Tozzi in parte del testo).

Tozzi anni '80 '2

All’inizio degli anni ’80 Umberto Tozzi era già una grande star della musica internazionale, soprattutto in America Latina, grazie ad un’impressionante batteria di successi (“Yo caminaré”, “Mama maremma”, “Te amo”, “Tú”, “Gloria”) che aveva registrato in spagnolo soprattutto per il mercato di lingua spagnola. Nel 1980, Umberto Tozzi si esibirà con successo con la sua band Dik-Dik al Festival Internazionale della Canzone di Viña del Mar, affascinando gli spettatori con la sua proposta melodica rock-pop e cantando in spagnolo con il suo accento italiano. A quel punto, era già considerato in Spagna e in America Latina come uno dei più importanti esponenti della ballata romantica e del pop-rock italiano.

umberto-tozzi

Nel 1980 Tozzi avrebbe ottenuto un altro successo internazionale grazie al suo singolo “Stella Stai”, che sarebbe diventato noto in America Latina nella sua versione spagnola come “Claridad”. Nei primi anni di quel decennio il musicista torinese pubblicherà il suo album “Tozzi”, il suo primo album live registrato in concerto con una band di musicisti americani.

Tozzi anni '70

Dopo un periodo di assenza dalla scena musicale, nel 1987 Umberto Tozzi vincerà il Festival di Sanremo con il brano “Si può dare di più”, cantato con Gianni Morandi ed Enrico Ruggeri. Nello stesso anno ha eseguito la canzone “Gente Di Mare” con il giovane cantante Raf all’International Eurovision Song Contest di Bruxelles, ottenendo il terzo posto nel concorso. Nel 1988, nel frattempo, avrebbe pubblicato il suo secondo album dal vivo: “The Royal Albert Hall”.

Tozzi anni '90

Negli anni ’90 Tozzi continuerà a registrare album, come gli album “Equivocando”, “Il grido” e “Aria e cielo”, che include brani ispirati come “Gli altri siamo noi”. Ha anche pubblicato una compilation di greatest hits intitolata “Le mie canzoni”.

Tra il 2000 e il 2005 Umberto Tozzi si esibirà al Festival di Sanremo eseguendo i brani “Un’altra vita” e “Le Parole” e pubblicherà un duetto con la cantante francese Lena Ka del suo brano classico “Ti amo”, intitolato “Ti amo (Rien que des mots)”, senza parlare del fatto che nel 2004 sarebbe tornato di nuovo nel nostro paese per esibirsi per la seconda volta al Festival Internazionale di il Canto di Viña del Mar. Tozzi avrebbe anche pubblicato in questo periodo un’altra compilation dei suoi più grandi successi, una serie di 2 album intitolata “The best of”, e un altro singolo, “E non volo”.

Umberto-Tozzi2 adesso

Oggi Umberto Tozzi, con quasi trenta album registrati e con più di 45 milioni di album venduti nel corso della sua carriera musicale, è ancora attivo, registrando nuovi album e suonando regolarmente in tutta Europa. L’ultima cosa che si sapeva di lui è stata la realizzazione nel 2017 del suo tour promozionale dell’album antologico ’40 Anni che ‘Ti amo’, che commemorava i suoi 40 anni di carriera musicale dall’uscita del suo album “Te amo”, oltre alla sua partecipazione all’ultima edizione del famoso Festival Italiano di Sanremo nel 2019.

Umberto Tozzi oggi.

Umberto Tozzi oggi.

Umberto Tozzi, che oggi ha 67 anni e interrogato sullo stato della musica oggi, confessa oggi che “c’è un cambio generazionale e un modo di fare musica molto diverso dal nostro. Non so se i successi di oggi sopravvivranno, se continueranno ad essere cantati tra qualche anno. Difficile dirlo, ma la musica che funziona ora in Italia non è molto personale. Quegli anni ’70 e ’80 furono un momento di grande libertà musicale. C’era una creatività di follia in quel momento. Qualcosa che ora non c’è. Ci sono grandi successi, ma non sono come quelli di allora. Sono successi che durano una stagione. Non vedo né sento cose che secondo me hanno le caratteristiche di un grande successo, che possono durare nel tempo”.

Umberto Tozzi durante la sua ultima esibizione al Festival di Sanremo 2019.

Infine, guardando indietro alla sua carriera, Umberto Tozzi confessa che “onestamente non pensavo che tutto il mio repertorio sarebbe durato così a lungo nel tempo. Quando ho iniziato a comporre ho pensato di fare canzoni, ma non che siano durate così a lungo nella storia della musica. Sono molto felice per il viaggio che ho fatto, la mia vita e la mia musica. Penso che le chiavi del mio successo siano state il talento, la fortuna e un mix di qualità tecniche basate sulla personalità vocale che mi hanno permesso di costruire un nuovo genere musicale, un vero stile musicale. A questo punto della mia vita, i tour e le esibizioni dal vivo continuano ad emozionarmi, perché conservo ancora la passione di afferrare uno strumento e farlo suonare. Ho paura di perdere quella passione. Qualche tempo fa volevo lasciare la musica, ma le esibizioni dal vivo sono qualcosa che nella vita, per chi ha fatto musica come me, manca così tanto”.


Controcopertina.com è un giornale online approvato anche da Google News. Per ricevere i nostri aggiornamenti e restare informato su questo argomento ti invitiamo a seguirci sul nostro profilo ufficiale di Google News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *