Vincenzo Vasi: chi è, età, carriera, vita privata e theremin 

Vincenzo Vasi e Valeria sturba sono personaggi di grande spessore del theremin questa sera saranno ospiti della trasmissione condotta da Stefano Bollani e sua moglie Valentina Cenni via dei matti numero zero, il programma musicale che da alcune settimane sta riscuotendo un successo enorme.

Vincenzo Vasi è un musicista molto speciale, versatile e specialmente curioso. Vincenzo è fra i più grandi esperti di uno strumento musicale molto particolare chiamato theremin, il funzionamento di tale strumento esclusivo al mondo, Infatti viene suonato senza bisogno di toccarlo, e metterà suoni provocati da un campo magnetico.

Nei primi 20 anni di vita, il theremin è passato dall’apparizione trionfale degli inizi, in cui era considerato l’innovazione definitiva della musica colta, fino a una sorta di oblio, «relegato al mero ruolo di evocatore di alieni o di mostri», come spiega Vasi, «oppure come effetto vintage di molti brani pop.

Venerato e desiderato, è l’oggetto di amori, diatribe e baraonde tra gruppi di nostalgici, innovatori, celebratori, polistrumentisti frustrati, danzatori in crisi mistica, discendenti della famiglia del creatore, virtuosi e mistificatori». Adesso, grazie agli enormi passi avanti della tecnologia del sequencing e al suo fascino visivo, non è così raro vederlo sul palco di un concerto pop o rock.

Il theremin negli anni ha avuto fama a momenti alterni. Dopo i primi anni di grande entusiasmo per il nuovo strumento elettronico, la diffusione su larga scala di altri strumenti elettronici fece perdere gran parte dell’attenzione che il theremin aveva ricevuto.

È stato usato occasionalmente tra gli altri dai Led Zeppelin, dai Beach Boys e dai Rolling Stones, ma una delle sue applicazioni principali fu quella nelle musiche da film, specialmente quelli horror e di fantascienza. Talvolta è stato addirittura usato in sostituzione della voce, in certi contesti che si prestavano, come la colonna sonora di C’era una volta in America di Ennio Morricone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *