Angela Avitabile ammazzata dal marito con 11 coltellate, il primo fendente le ha quasi staccato la testa

20

La relazione del medico legale sul femminicidio di Angela Avitabile, uccisa nella loro casa di Rimini dal marito Raffaele Fogliamanzillo.

Il 22 aprile, Angela Avitabile è stata aggredita dal marito Raffaele Fogliamanzillo, che l’ha accoltellata undici volte, procurandole due ferite potenzialmente mortali. L’aggressione è stata così violenta da averla quasi decapitata, oltre ad averle inferto una ferita al cuore e alla carotide. Una perizia ha concluso che queste erano le ferite riportate da una donna di 59 anni uccisa dal marito nella loro residenza di Rimini.

In piedi in cucina, con i nipoti che dormivano in una stanza vicina, un uomo ha pugnalato a morte la moglie 62enne in un ennesimo attacco di gelosia, ha dichiarato la polizia.

Secondo la ricostruzione del dottor Filippo Pirani, l’analisi tecnica del sostituto procuratore Luca Bertuzzi sul femminicidio, la donna ha tentato di difendersi, probabilmente con un gesto istintivo, cercando di afferrare la lama. Dopo il primo fendente alla carotide, si è presumibilmente accasciata a terra dopo essere stata colpita una seconda volta al cuore. Altre nove pugnalate hanno dimostrato la tracotanza dell’uomo.

La gelosia insensata di un uomo nei confronti della moglie, che in passato aveva provocato abusi fisici e verbali, sarebbe il movente di un recente femminicidio. Lo stato di salute mentale sarà un altro fattore chiave nel processo dell’uomo, che si trova in carcere da quando è avvenuto il femminicidio.

Fogliamanzillo era stato in cura presso il servizio di salute mentale dell’Ausl della Romagna, che gli aveva diagnosticato un disturbo d’ansia bipolare e una gelosia malsana per la moglie. Soffriva di una gelosia malsana per la moglie, che lo ha portato nei mesi scorsi a essere indagato dalla Procura per maltrattamenti in famiglia. Poiché pensava che la moglie lo tradisse e cospirasse contro di lui, la sua paranoia è cresciuta. A causa della sua crescente paranoia, è diventato diffidente nei confronti dei figli e ha sentito voci maschili inesistenti provenire dalle stanze in cui si trovava la moglie.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.