Davide Paitoni chi è, l’uomo che ha ucciso il figlio, ecco come si è ucciso in cella

23

Davide Paitoni, il padre che ha ucciso il figlio di sette anni la notte di Capodanno, si sarebbe suicidato nel carcere di San Vittore. L’uomo è stato trovato morto sotto le lenzuola e si ritiene che sia morto per mancanza d’aria.

Nonostante si trovasse in un reparto protetto del carcere milanese di San Vittore, Davide Paitoni – l’uomo accusato di aver ucciso il figlio di sette anni, di aver sparato all’ex moglie e di aver ferito un ex collega – si è suicidato. Lunedì 11 luglio, il quarantenne ha saputo che il giudice dell’udienza preliminare aveva respinto la richiesta di perizia psichiatrica avanzata dal suo avvocato.

Il compagno di cella trasferito in un altro carcere

Secondo fonti attendibili, Davide Paitoni si trovava nel reparto protetto del carcere di San Vittore. Il detenuto condivideva la cella con un altro uomo. Il compagno di cella, positivo al Covid-19, sarebbe stato trasferito proprio ieri dopo aver scoperto le sue condizioni.

Così è morto Davide Paitoni

Nessuno avrebbe capito cosa Paitoni stesse progettando. Alle 8 del mattino, l’agente di guardia al piano avrebbe confermato che la situazione era tranquilla. Secondo Fanpage.it, Paitoni, che il giorno prima era stato informato del rifiuto di una perizia psichiatrica, sarebbe stato scoperto sotto le lenzuola. La Procura sta conducendo un’indagine, ma sembra che Paitoni sia stato trovato con un cerotto sul naso, che ne avrebbe causato la morte per mancanza di ossigeno.

L’omicidio del figlio

Un uomo è stato arrestato dopo aver sgozzato il figlio di sette anni e aver nascosto il bambino in un armadio a Morazzone (Varese) lo scorso gennaio. Subito dopo il terribile gesto, si è dato alla fuga. I Carabinieri lo hanno arrestato a Viggiù, al confine con la Svizzera, e lo hanno assicurato alla giustizia. L’avvocato ha chiesto una perizia psichiatrica, ma il giudice l’ha negata, affermando che l’infanticidio è stato commesso con lucidità per le modalità con cui il bambino è stato ucciso.

Le altre accuse nei suoi confronti

L’udienza di domani sarà anche per il tentato omicidio di un collega: l’uomo era infatti agli arresti domiciliari quando ha ucciso il figlio. Subito dopo l’omicidio, si è recato a casa dei suoceri dell’ex moglie e ha tentato di uccidere anche loro.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.