Festa di sangue a Valencia, alla corsa dei tori uccise tre persone

34

Durante la tradizionale corsa dei tori che si tiene nella provincia spagnola di Valencia, almeno tre persone sono morte entro 24 ore dopo essere state incornate dagli animali. Due avevano 50 e 56 anni, mentre il terzo era un turista francese di 60 anni. In un incidente a Picassent, a sud della città di Valencia, un uomo che si trovava dietro un blocco in mezzo alla strada è stato scaraventato in aria da un toro e ha riportato una lesione cerebrale traumatica. In un altro caso, un animale ha perforato il polmone di una vittima che è poi morta per le ferite riportate. Negli otto anni, solo in questa regione, sono state circa venti le vittime di questo tipo di incidenti in occasione di questo festival che si tiene anche in diverse città della Spagna.

Tre uomini sono stati incornati durante le corse dei tori tenutisi nelle ultime due settimane, ma tutti sono morti nello stesso giorno di questa settimana, ricordando i pericoli connessi a questi eventi tradizionali, critici anche dai gruppi animalisti. Le feste di Encierro, in cui le persone corrono davanti a tori da combattimento, sono una tradizione spagnola di lunga data e molte città organizzano eventi di questo tipo ogni anno. Durante gli otto giorni del Festival di San Fermín a Pamplona, ​​diverse persone sono state incornate mentre i residenti ei turisti celebravano il ritorno della corsa dei tori dopo una pausa di due anni causati dalla pandemia di Covid-19. In quell’occasione si sono verificati anche dei morti. In quell’occasione si sono verificati anche dei decessi.

In totale, quest’anno 478 persone sono rimaste ferite durante gli eventi legati ai tori che si svolgono nelle città spagnole. Il Pacma, un gruppo animalista spagnolo, ha vietato di vietare quella che definisce una tradizione “crudele e pericolosa”. Tuttavia, il governo è riluttante ad abolirla perché la corrida generi ingenti entrate per l’economia spagnola. Uno studio condotto dall’università pubblica di Valencia ha rilevato che queste tradizioni creano più di 3.000 posti di lavoro e portano 300 milioni di euro ogni anno attraverso quasi 10.000 eventi.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.