La compagnia aerea non permette a papà e bambina di prendere il volo, quindi l’anziana dice “Ti porterò a casa con me”

91

Questa è la storia di una bambina a cui è stato negato il passaggio a bordo di un aereo con il padre. Viaggiare con bambini è difficile perché i regolamenti non prevedono eccezioni per nessuno; fortunatamente, bambina ha incontrato una donna anziana che si è fatta avanti per dare una mano e questa bambina a bordo.

Rubin Swift era felice in quei giorni. Gli era stata affidata la custodia completa del figlio neonato. Swift volò da Cleveland a Phoenix con l’intenzione di riportare il bambino a casa sano e salvo. Tuttavia, quando arrivò alla doccia biglietteria, ricevette una fredda. La compagnia aerea vietava il viaggio ai piccoli passeggeri con meno di 7 giorni di vita e Ru-Andria aveva solo 4 giorni.

Dopo molti sforzi, i Rubin Swift ottennero la custodia della figlia e ora erano bloccati a Phoenix, dove non conoscevano nessuno. Per tre giorni non poterono muoversi da lì. Potevano dormire all’aeroporto, ma con una bambina piccola non era un’opzione praticabile. Poi, all’improvviso, si ricordò di una persona che possedeva una concessionaria di camper si trova nelle vicinanze, sulla Highway 17.

Quando Rubin Swift si recò in ospedale per conoscere sua figlia, incontrò una donna anziana che faceva volontariato nel reparto maternità. Sapeva di potersi fidare di lei: si erano parlati e lei gli aveva dato il suo numero di telefono in caso di emergenza. E così ha fatto, chiamandola dall’aeroporto e spiegandole la situazione. La donna, naturalmente, si è subito offerta di aiutarli, andando da loro e ospitandoli a casa sua finché il bambino non fosse stato abbastanza grande per volare.

Quando Rubin e Ru-Andria arrivarono a casa sua, Miss Joy li accolse calorosamente. Ha dato da mangiare alla coppia, si è presa cura di loro e ha persino comprato la spesa per loro. Joy ha anche portato la coppia a fare una passeggiata ea visitare il defunto marito di Miss Joy. Durante il loro soggiorno, Rubin sviluppò una stretta amicizia con la sua ospite. Gli ha raccontato di avere quattro figli, molti nipoti e pronipoti. Quando Rubin e Ru-Andria poterono tornare finalmente a casa, la signora promise di rimanere in contatto con Miss Joy. E la signora promise la stessa cosa:

Sapevamo solo che saremmo stati sempre in contatto da quel giorno in poi. Abbiamo iniziato come estranei e siamo diventati buoni amici. Rubin mi è molto grato, ma sono anche molto grato di aver avuto l’opportunità.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.