La vera storia di Gianni Di Marzio chi è: età, causa morte, carriera, Maradona, Napoli

16

È scomparso, a 82 anni, Gianni Di Marzio. Napoletano, era stato negli anni ’70 un allenatore di grande successo, portando il Catanzaro in serie A. Nel 1977 diventò l’allenatore del Napoli, guidato alla finale di Coppa Italia.

Correva l’anno 1978 quando l’allora allenatore e scout del Napoli, Gianni Di Marzio, in visita in Sud America a caccia di talenti durante i Mondiali in Argentina, sentì un tassista che lo portò nel suo hotel di un giovanissimo giocatore dell’Argentinos Júniors che abbagliò per il suo talento: si trattava di Diego Armando Maradona, che questo venerdì festeggia i suoi sessant’anni.

Di Marzio (Napoli, 8 gennaio 1940) racconta questo giovedì in una lunga intervista a EFE di aver subito organizzato un appuntamento per incontrare Diego, di cui è stato “ipnotizzato” dopo averlo visto appena quindici minuti in campo e con il quale ha firmato quello stesso giorno, secondo l’Argentinos Juniors, un’opzione per portarlo a Napoli per 270.000 dollari.

Il clamoroso “no” del presidente del Napoli, Corrado Ferlaino, impedì a Diego di raggiungere il club del sud già nel 1978, ma non ruppe un profondo legame di amicizia con Di Marzio che continua ancora oggi. Né ha danneggiato il legame tra il ‘Pibe de Oro’ e Napoli, che finalmente ha unito i loro percorsi nel 1984.

“Nel 1978 allenavo il Napoli e andavo a vedere i Mondiali in Argentina. Durante una corsa in taxi, l’autista ha iniziato a parlarmi di calcio e mi ha detto che c’era un ragazzo che (l’allenatore argentino) César Luis Menotti non aveva incluso nella lista finale per la Coppa del Mondo, era un ragazzo di 17 anni, che secondo lui era il migliore. Ho preso nota di quel nome e ho capito che giocava per l’Argentinos Juniors”, racconta Di Marzio, che ricorda Diego con l’affetto di un padre.

La buona fortuna lo ha accompagnato. Prima di allenare il Napoli, Di Marzio aveva ottenuto grandi risultati in seconda divisione con Catanzaro e uno dei massimi dirigenti dell’Argentinos Juniors, l’italo-argentino Settimio Aloisio, era proprio un tifoso di quella squadra in Italia.

“Mi ha accompagnato a Villa Fiorito, il quartiere dove viveva Maradona, e lì ho parlato per la prima volta con lui. Gli ho detto che volevo vederlo giocare, che poteva fidarsi di me, che l’avrei portato in Italia e che ci sarebbe riuscito.

Dopo quindici minuti di partita ho chiamato Aloisio per dirgli di farlo uscire dal campo. Gli ho promesso che se l’avessi portato fuori, avremmo firmato un accordo con il Napoli nello stesso spogliatoio”.

“Siamo andati al campo, ero curioso di vederlo. Ero sugli spalti e dopo quindici minuti di gioco ho chiamato Aloisio per dirgli di farlo uscire dal campo. Gli ho promesso che se l’avessi portato fuori, avremmo firmato un accordo con il Napoli nello stesso spogliatoio. Ha giocato quindici minuti, segnato tre gol, un fallo diretto, dribbling come sa fare, qualcosa di spettacolare”, ha detto Di Marzio ancora emozionato.

“Il ragazzo è uscito dal campo e l’ho fatto firmare negli spogliatoi. Il presidente ha anche firmato, dichiarando che il giocatore Diego Armando Maradona ha firmato per il Napoli per 270.000 dollari”, ha aggiunto.

Da quel momento in poi, durante tutto il suo soggiorno in Argentina, Di Marzio ha condiviso molto tempo con Diego: “Ho capito che era una perla rara, un gioiello incredibile che aveva solo bisogno di essere forgiato. Anche quando sono tornato a Napoli gli ho mandato una maglia numero 10, oltre ad altri regali per lui e la sua famiglia”.

Tuttavia, il sogno di Di Marzio di portare Diego nella sua squadra è svanito prima del clamoroso no del presidente del club, Corrado Ferlaino.

“Il presidente Ferlaino mi ha detto ‘parli sempre di giovani, qui siamo a Napoli, devi vincere le partite, se non vinciamo ci uccidono e tu mi parli di ragazzi’. Ho proposto di lasciarlo in prestito in altri club, ma mi ha impedito di firmarlo. Ma da quel momento, Diego si è sempre comportato non bene con me, molto bene”, recensisce l’allenatore e lo scout italiano.

Alla fine Diego ha firmato per il Boca Juniors e poi è arrivato al Barcellona. Il suo primo contratto fallito per il Napoli si concretizzò finalmente nel 1984, quando aprì il palcoscenico più glorioso del club “azzurro” e divenne un idolo indimenticabile di ogni tifoso napoletano.

Di Marzio,che aveva lasciato Napoli nel 1979, continua con profondo rimorso, perché quando Diego arrivò nella città del sud Italia non aveva la protezione di cui aveva bisogno.

Ho parlato con tutti di questo fenomeno, ho detto che per me sarebbe stato un grande giocatore. Ero innamorato del giocatore”.

Ho parlato con tutti di questo fenomeno, ho detto che per me sarebbe stato un grande giocatore. Ero innamorato del giocatore. Quando è arrivato al Napolinel 1984, si è sempre comportato bene con me. Peccato perché sarei stato un protettore per lui, l’avrei isolato da tutti quelli che lo usavano, si approfittavano di lui, lo avvicinavano ai criminali che gli portavano le donne. Non era protetto né dai suoi compagni di squadra né dal club. Questo è il mio rimorso”, ha riconosciuto.

Di Marzio ha sottolineato che Diego “è sempre stato eccezionale come uomo” e che nessun giocatore che ha condiviso lo spogliatoio con lui può “parlare male di lui come persona, non solo come giocatore”.

A 42 anni dal primo giorno in cui Maradona e Di Marzio si sono incontrati, l’italiano ha voluto mandare tutto il suo amore all’attuale allenatore del Gimnasia La Plata e augurargli un buon sessantesimo compleanno.

“Per me Maradona è sempre la bambina che ho incontrato. Gli auguro di essere mentalmente libero, naturale, pulito come lo era quando l’ho incontrato. Gli auguro di essere sempre protetto dalla sua famiglia e dagli amici più cari”, ha detto.

Dal punto di vista calcistico ha dimostrato che non c’è nessun giocatore del suo livello, nemmeno il grande Pele”.

Di Marzio, intervista a EFE

Deve fidarsi dei suoi parenti e nient’altro. All’età di 60 anni ha vissuto molte cose nella sua vita e non solo a livello sportivo. Dal punto di vista calcistico ha dimostrato che non c’è nessun giocatore del suo livello, nemmeno il grande Pele. Ora deve pensare alla sua salute”, ha aggiunto.

“Ci sono persone che purtroppo non hanno vergogna, che hanno cercato di far sembrare cattivo il più grande calciatore di tutti i tempi”, ha concluso.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.