Sapete chi è Amii Stewart? Età, vero nome, carriera, malattia, marito e figli


Amy Paulette “Amii” Stewart (nata il 29 gennaio 1956) è una cantante e ballerina disco e soul americana che è diventata famosa con la sua cover n. . del genere disco. Stewart ha ottenuto più successi internazionali, tra cui “Light My Fire” (1979) e “Friends” (1985). Stewart è la sorellastra dell’attrice e cantante Miquel Brown e la zia della figlia dell’attrice e cantante di Brown, Sinitta.

Amy Stewart, la quinta di sei figli, è nata in “una famiglia numerosa, [rigorosamente cattolica, ma] amante del divertimento, in stile country … poiché mia madre era una di tredici figli”. Suo padre, Joseph Stewart II, la iscrisse a corsi di canto e ballo nel 1960, quando aveva quattro anni. Una certa Amy Stewart era già registrata presso la Screen Actors Equity Association, quindi ha cambiato l’ortografia del suo nome in Amii. Si iscrisse brevemente alla Howard University di Washington, ma presto partì per il Classical Repertory Dance Ensemble (CRDE) per studiare danza classica e danza moderna.

Nel 1975, prima di firmare un contratto con la Ariola Records, Stewart ha lavorato nella compagnia itinerante per la produzione teatrale della rivista musicale Bubbling Brown Sugar, trasferendosi in luoghi di produzione come Miami, poi Broadway a New York City e, infine, il West End di Londra. , dove ha incontrato Barry Leng, cantautore e produttore discografico per la Hansa Records.

La canzone “You Really Touched My Heart”, una composizione di Leng/Simon May e prodotta da Leng, fu la prima registrazione di Stewart, pubblicata alla fine del 1977. Seguì un album, pubblicato nel febbraio 1979, contenente cinque canzoni da Leng/May, un brano di Leng /Canzone di Morris e tre cover. L’album ha prodotto i singoli “Knock on Wood” e “Light My Fire/137 Disco Heaven”.

Il primo singolo di Stewart, una versione disco della composizione di Eddie Floyd del 1966 ” Knock on Wood “, raggiunse il numero uno nella classifica dei singoli di Billboard negli Stati Uniti nell’aprile 1979, guadagnandosi una nomination al disco di platino e ai Grammy Award. Si è anche piazzato in cima alle classifiche dei singoli in tutta Europa e ha raggiunto il numero 6 nel Regno Unito e il numero 2 in Australia. Un altro singolo, un medley di una canzone dei classici dei Doors “Light My Fire” e “137 Disco Heaven”, intitolato “Light My Fire/137 Disco Heaven” fu pubblicato nello stesso anno, classificandosi e raggiungendo la quinta posizione nella Regno Unito, #14 in Australia e #69 negli Stati Uniti.

Entro la fine del decennio, la musica da discoteca aveva, in larga misura, raggiunto i suoi limiti tecnici e il crescente sentimento anti-discoteca colpì finalmente la comunità musicale americana. Una nuova generazione di musicisti e fan, con la tendenza a idealizzare l’autenticità e la purezza, ha rifiutato la disco come artificiale, insensata e consumistica. I media, l’industria ei mercati, sempre inclini a reinventarsi, abbandonarono la disco music e cercarono febbrilmente nuove tendenze.

L’interesse generalmente contenuto dell’America per l’album Paradise Bird di Stewart, pubblicato nel settembre 1979, non fu una sorpresa. Tuttavia, il successo ei commenti dei media in Europa non sono cambiati. La scena musicale e l’industria europea erano la somma di molte parti piccole e diverse. Senza dubbio nuove idee sarebbero state adottate, ma quelle vecchie sarebbero state mantenute. Non dichiarando la disco morta, il Regno Unito, ad esempio, è rimasto con una cultura alquanto controversa [definizione necessaria], che ha alimentato il cinismo. “The rest was a mess”, dove il punk rock e Diana Ross coesistevano. Paradise Bird ha prodotto due singoli europei, “Jealousy” (#58 UK, #4 Italia, #5 Svizzera) e il doppio lato A “The Letter/Paradise Bird” (#39 UK 1980). è rimasta fiduciosa nella sua carriera. Ha detto al suo team di produzione e all’etichetta discografica di “cambiare stile lentamente, in modo da non farsi prendere dalla confusione”. La fonte di ispirazione sarebbe la sua formazione artistica nel teatro, nella danza moderna e nella musica melodica.

Dopo il suo successo in Europa, Stewart si è trasferito in Italia a metà degli anni ’80 e ha pubblicato le registrazioni “Friends” e “Together”, prodotte in collaborazione con il compositore/musicista italiano Mike Francis. “Friends” è stato un grande successo nel Regno Unito, in Italia e nelle Filippine.

Nel 2004, Stewart ha pubblicato l’album in studio Lady Day, contenente sedici registrazioni del cast del musical del 2003 Lady Day, prodotto e scritto da Stewart e dal regista teatrale Massimo Romeo Piparo. Basato sulla vita della cantante americana di jazz e blues Billie Holiday, la Stewart, interpretando lei stessa Billie Holiday, afferma: “L’idea del musical è nata dalla mia passione per la meravigliosa voce della ‘Regina dello Swing’, ma anche per la musica degli anni ’30 e ’40 e il rinascimento nero dell’epoca, di cui fu protagonista”. e più avanti: “In quel periodo di razzismo furono gettate le basi per la rinascita non solo dei neri, ma anche della world music”.

Dal 2001 Stewart lavora come ambasciatore di buona volontà per l’Unicef ​​Italia ed è stato coinvolto in numerosi progetti come “Uniti per i bambini, Uniti contro l’AIDS” (“Uniti per i bambini, uniti contro l’AIDS”). Nel 2006 ha registrato il singolo di beneficenza “Love Song” per l’UNICEF in quattro lingue diverse, lavorando ancora una volta con Ennio Morricone. L’anno successivo, ha duettato di nuovo con Mike Francis nella canzone “Nothing Can Come Between Us”. Nel 2006, Stewart e l’amico e collaboratore di lunga data Ennio Morricone hanno pubblicato il singolo di 5 tracce “Love Song”, cantato in inglese, italiano, francese, spagnolo e una versione multilingue. Tutto il ricavato del singolo è andato alla campagna Unicef”

Nel maggio 2007, Stewart ha nuovamente partecipato al Festival di Sanremo, eseguendo il duetto “Schiavo D’Amore” con Piero Mazzocchetti.

Nel 2014 partecipa alla trasmissione in prima serata Rai La Pista come leader del gruppo di ballo “Virality”. Stewart e la squadra di ballo sono diventati i vincitori assoluti della competizione. Altri famosi cantanti e concorrenti includevano Tony Hadley e Sabrina Salerno.

Stewart è stato molto influenzato dall’Italia e, vivendo a Roma dalla metà degli anni ’80, ha imparato a parlare correntemente l’italiano. L’UNICEF Italia lo introduce con tono reciprocamente cordiale, osservando: “Quella tra Amii Stewart e l’Italia è una bellissima storia d’amore”. E che lei “è stata ‘adottata’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *