Sapete chi è Matteo Mancuso il giovane chitarrista ospite di Stefano Bollani e Valentina Cenni

Matteo Mancuso è il giovane chitarrista che con la sua band si esibisce sulla Via dei matti alle 20.20 su Rai3. Il compositore, pianista e cantante italiano accoglie una casa fatta di musica, aperta ad amici e note, storie e sorrisi. Questo versatile musicista suona anche jazz, musica contemporanea e blues e persino pop-rock per gruppi inglesi che vivono in Italia. Nell’intervista rilasciata a gazzettadalba.it Mancuso rivela come è nata la sua passione per la musica: “Ho a suonare all’età di nove anni, indirizzato da mio padre Vincenzo, anch’egli musicista. Più che altro è stato per me una guida all’ascolto. Alle superiori mi sono iscritto al liceo musicale dove ho studiato chitarra classica e flauto traverso. Ora sto seguendo corsi di chitarra jazz all’università”.

Matteo Mancuso, tra i chitarristi jazz e rock emergenti più talentuosi del panorama internazionale, si esibirà dal vivo ad aprile all’estero ea maggio in tre città italiane. È stato inoltre invitato a fare il suo debutto discografico nel 2022. Dalla Sicilia, il suo nome ha fatto il giro del mondo, guadagnando più di 110.000 iscritti e oltre 10 milioni di recensioni per gli assoli caricati sul suo canale You Tube. Chitarristi del calibro di Al Di Meola, Steve Vai, Joe Bonamassa, Dweezil Zappa, Tosin Abasi e Stef Burns hanno riconosciuto le sue qualità di virtuoso della chitarra, definendolo un giovanissimo ed eccezionale “axeman”.

I suoi colleghi dicono di lui:

Interprete virtuoso e compositore eccezionale, Matteo Mancuso è stato perfettamente descritto come il momento in cui la musica classica incontra il jazz e il rock. Vincitore del titolo di “chitarrista dell’anno” ai Guitar Player Awards 2019, è stato descritto dal leggendario chitarrista Al Di Meola come un “superbo virtuoso”. Il modo di suonare di Matteo è una combinazione di velocità e sensibilità, ritmi trainanti, temi melodici e improvvisazioni che toccano l’anima.

Con il suo virtuosismo chitarristico, Mancuso è il simbolo di una nuova generazione di chitarristi elettrici. Dotato di una notevole precisione e di una velocità formidabile, attraversa diversi territori musicali con totale controllo e massima sensibilità. Mancuso ha sviluppato una tecnica personale e rivoluzionaria derivata dal fingerstyle. Riesce a suonare con facilità senza plettro, utilizzando quindi solo le dita, che gli hanno permesso di esprimersi in uno stile unico che combina la padronanza tecnica e la riproduzione in chiave sfaccettata e originale. Le sue influenze includono più Montonieri del jazz come Wes Montgomery, Charlie Parker, Django Reinhardt e John Coltrane.

BIOGRAFIA

Matteo Mancuso è un giovane chitarrista di grande talento. Ha partecipato a concorsi e festival in Italia e all’estero, con una menzione speciale al concorso internazionale “Premio Solinas” di Ragusa, dove ha vinto il primo premio. Matteo ha suonato, fin da giovanissimo, con importanti musicisti siciliani (tra cui Massimo Calabrese), ottenendo ottime recensioni.

Le sue origini sono ben definite. È nato a Messina, in Sicilia, e ha iniziato a suonare la chitarra all’età di 15 anni. Ha iniziato a studiare chitarra classica al Conservatorio di Catania mentre si esibiva con alcuni dei migliori jazzisti siciliani e stranieri. Ha continuato negli anni a condividere il palco con le star siciliane e con varie formazioni, tra cui il duo con il padre Vincenzo Mancuso, con cui esegue un repertorio che spazia da Django Reinhardt al jazz contemporaneo, e il trio “SNIPS” con cui propone arrangiamenti di standard in chiave jazzrock, con Salvatore Lima alla batteria e Riccardo Oliva al basso. Chitarrista poliedrico, spazia dalla chitarra classica, all’elettrica, sulla quale ha sviluppato una personale tecnica di esecuzione interamente con le dita, che gli consenti un linguaggio musicale molto originale.

Il suo canale YouTube è molto seguito da un vasto pubblico internazionale, e ha ricevuto plausi ed espressioni di stima da Steve Vai, Dweezil Zappa, Al Di Meola, Joe Bonamassa e Stef Burns, tra gli altri. Nel 2017, nell’ambito dell’Umbria Jazz Festival di Perugia, ha vinto una borsa di studio per il presente Berklee College di Boston. Con il gruppo “SNIPS” ha suonato, riscuotendo ampi consensi, al festival “Les Nuits De La Guitare” di Patrimonio, in Corsica, alla Musikmesse 2018 di Francoforte ea Umbria Jazz 2018 per tutta la durata del festival. Nel 2019, collaborando con Yamaha guitars, ha partecipato al NAMM 2019 e al tour in tutta la Russia per clinic semi-live per le chitarre Yamaha.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.