Sventolare la bandiera arcobaleno ai Mondiali in Qatar può costare tra 7 e 11 anni di carcere

20

Il Comitato supremo del Qatar ha stabilito che sventolare una bandiera arcobaleno durante la Coppa del Mondo può comportare una pena da sette a 11 anni di carcere.

L’intera struttura legislativa del Qatar è sotto esame con l’avvicinarsi dei Mondiali di calcio del 2022. Il Paese che ospiterà la Coppa del Mondo è stato sotto il microscopio fin dal giorno dell’assegnazione del torneo, quando si sono verificate frodi dilaganti, ma anche violazioni dei diritti civili e ciò che è accaduto in seguito con le condizioni delle migliaia di lavoratori morti per la costruzione delle strutture della Coppa del Mondo.

Il codice penale del Qatar ha suscitato un’ondata di proteste negli ultimi giorni: gli oppositori del divieto di manifestare in strada e del rischio di cinque anni di reclusione per “sensibilizzazione dell’opinione pubblica” hanno protestato contro di esso. La legge è stata rafforzata nel gennaio 2020, sollevando il timore che i tifosi del Paese vedano limitata la propria libertà di espressione durante il loro soggiorno.

Nelle ultime ore è arrivata un’altra notizia che sicuramente farà discutere la società qatariota e che vede al centro diverse questioni. Secondo il Comitato supremo del Qatar, sventolare una bandiera arcobaleno durante i Mondiali di calcio comporterà ora una pena detentiva che va dai sette agli 11 anni.

Il portavoce della Coppa del Mondo del Qatar, Nasser Al-Khater, ha dichiarato: “Chiunque esponga la bandiera durante il torneo sarà detenuto da sette a 11 anni”. Al Ansari ha sottolineato che il Qatar è un Paese musulmano e che la sua “religione, i suoi valori e la sua cultura” devono essere rispettati. Se volete esprimere il vostro sostegno alla comunità LGBTQ+”, ha detto Mansoor Al Ansari, segretario generale della Qatar Football Association, “fatelo in una società dove è accettato”.

Il 28 giugno, in occasione del 50° anniversario dei disordini di Stonewall, avvenuti in questo giorno del 1969 nel Greenwich Village di New York dopo un’irruzione della polizia in un bar gay, verrà commemorata la Giornata mondiale dell’orgoglio LGBTQIA+. I moti di Stonewall hanno avuto una profonda influenza sull’opinione pubblica.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.