Tommaso Buscetta: com’è morto, quando i funerali, la malattia, sepolto sotto falso nome

Tommaso Buscetta è il protagonista del film intitolato Il traditore che andrà in onda questa sera su Rai 1 in prima serata. Di lui sappiamo che è stato il primo pentito di mafia collaboratore di giustizia dopo Leonardo Vitale. Negli anni prima della sua morte Buscetta pare avesse tanto fatto parlare di se per via di una crociera nel Mediterraneo che pare si sia concesso dopo tanti anni di lontananza dall’Europa a seguito del trasferimento da prima in Brasile e poi negli Stati Uniti.

Tommaso Buscetta, chi è il collaboratore di giustizia più famoso di sempre

Pare che in un libro intervista di Saverio Lodato e pubblicato a circa un anno di distacco dalla comparsa di Buscetta, avvenuta nel 1999 quest’ultimo pare si sa detto piuttosto deluso dal fatto che l’Italia non fosse riuscita a distruggere Cosa Nostra. Don Masino è venuto a mancare il 2 aprile del 2000 ed aveva 71 anni quando un cancro lo portò via venne sepolto in Florida esattamente a nord Miami sotto falso nome.Tommaso Buscetta, il primo grande pentito della mafia siciliana, è morto domenica mattina negli Stati Uniti, stroncato da un tumore che lo affliggeva da tempo”. Questo quanto si leggeva nell’articolo La Repubblica che annunciava così la notizia della morte dell’ex boss della mafia.

La sua morte, i funerali, dove si trova sepolto

Come abbiamo già avuto modo di anticipare, Buscetta è morto esattamente il 2 aprile del 2000 in Florida dopo aver scoperto di avere un terribile cancro all’ultimo stadio anche se rimaste cosciente fino all’ultimo momento. I funerali si sono svolti a New York ed a questi hanno presenziato anche Luigi Ligotti ovvero legale dell’ex boss e di anche altri pentiti di mafia.

Tommaso non è sepolto però con il suo vero nome ma sotto falso nome.  La sua lapide si trova esattamente a nord Miami in Florida. Li ha vissuto gran parte del tempo e della sua vita con un nome fittizio. Anche in America Tommaso Buscetta si è trasferito sotto falso nome dopo essere diventato il collaboratore di giustizia. In tanti in questi anni si sono espressi sulla sua morte. Anche coloro che erano stati accusati pesantemente.

Le parole di Enzo Biagi

Enzo Biagi, pare che qualche anno prima della morte abbia intervistato Buscetta. Nel corso di un’intervista pare abbia detto “Sembra strano, ma ho perso un amico. Probabilmente non mi ha detto tutto, ma sono anche sicuro che non mi ha mai mentito. Adesso gli sia concessa la pace”.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.