Avete mai visto la mamma di Antonio Cannavacciuolo?


Antonino Cannavacciuolo è una figura rinomata nel mondo dello spettacolo italiano. Sua madre ha recentemente condiviso diverse storie sulla sua vita, che forse non sono molto conosciute.

Una volta arrivato al campo di calcio, racconta la donna, stava mangiando il suo panino al salame quando notò un compagno che lo osservava. Invece di limitarsi a offrire una porzione, è andato a casa a preparare un panino intero per il suo amico. Questo dimostra la sua gentilezza fin dalla giovane età.

Antonino nacque il 16 aprile 75 d.C. alle 6 del mattino. L’infermiera che lo fece nascere notò che era nato con la camicia, osservando che sarebbe stato destinato alla fortuna.

Antonino aveva una forte passione per la cucina fin da giovane. Si divertiva a sperimentare con piccole pentole e un coltello tascabile per tagliare le verdure. A casa, la madre Anna e il padre Andrea, insegnante in una scuola alberghiera, erano entrambi responsabili della cucina. Antonino seguirà poi le orme del padre e studierà nella stessa scuola alberghiera.

Antonino era un bambino entusiasta e intelligente, che amava stare sveglio fino a tardi e andare in motorino. Era sempre pronto a rispondere alle persone.

La famiglia ha vissuto un’immensa sofferenza quando il giovane si è arruolato nell’esercito ed è partito per il Nord, sapendo che c’era la possibilità che non tornasse. Alla fine è stato chiaro che non sarebbe tornato.

La partecipazione al Festival di Sanremo con Minghi è stato un momento decisivo per lui. Sua madre prova sempre una grande gioia nel vederlo in televisione. È interessante notare che il suo piatto preferito sono le linguine con calamaretti e salsa di pane di segale. È un grande motivo di orgoglio avere un figlio come lui.

Durante una puntata di Masterchef Italia, la prova in esterna si è svolta a Vico Equense, città natale dello chef. In questa occasione, si è riunito con la madre che ha preparato per lui un piatto tradizionale di pasta e fagioli con cotica all’interno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *