Come è morta Giulia Cecchettin? Colpita e poi il viaggio verso il lago di Barcis



Una Brutale Aggressione

La vicenda che ha sconvolto l’Italia riguardante la giovane Giulia Cecchettin ha preso una svolta tragica e scioccante. Le indagini ora si concentrano su Filippo Turetta, l’uomo sospettato di essere coinvolto nella sua morte. La sera stessa di un litigio al centro commerciale, sembra che l’ipotesi più plausibile sia che Turetta abbia agito in modo violento nei confronti della giovane.



Le Immagini Shocking

Un video raccapricciante, registrato sabato notte nella zona industriale di Fossò, mostra Turetta colpire Giulia con le mani nude mentre i due litigano in auto. Nel filmato, si può vedere chiaramente Giulia tentare disperatamente di fuggire, ma Turetta la insegue e la colpisce ripetutamente fino a farla crollare a terra.

Un Rapimento Inquietante

Le immagini rivelano poi la giovane Giulia sanguinante, trascinata con forza da Filippo Turetta nella sua Fiat Punto nera. La macchina scompare nella notte, lasciando dietro di sé una scia di terrore. Questi elementi sono stati sufficienti per spingere la Procura di Venezia ad iscrivere Turetta nel registro delle indagini.

La Scoperta Macabra

La notizia ancor più devastante è arrivata con il ritrovamento del cadavere di Giulia Cecchettin, una studentessa di soli 22 anni, nei pressi di Barcis (Pordenone). I vigili del fuoco hanno effettuato la scoperta in data 18 novembre, come confermato dal Procuratore di Venezia, Bruno Cherchi. Le prime indagini sembrano suggerire che Turetta abbia trasportato il corpo di Giulia nel bagagliaio della sua auto e si sia poi sbarazzato del cadavere vicino al lago.

La Mysteriosa Scomparsa della Fiat Punto

L’auto di Turetta, la Fiat Punto nera, è stata vista per l’ultima volta mercoledì in Austria, a Lienz, nel Tirolo orientale. Dopo quel momento, la vettura sembra essere sparita nel nulla. Questo fatto aggiunge ulteriori enigmi a questa tragica storia.

Crescente Preoccupazione

Già da alcuni giorni, cresceva la preoccupazione per il destino di Giulia. Le ricerche erano state concentrate lungo i fiumi e i corsi d’acqua del Nordest, indicando che gli investigatori avevano motivo di sospetto già prima del ritrovamento del cadavere. Le telecamere di videosorveglianza dello stabilimento Dior a Fossò, situato a soli 6 chilometri dalla casa dei Cecchettin, sembrano aver giocato un ruolo cruciale nelle indagini, registrando il passaggio di Turetta nelle vicinanze.

In attesa di ulteriori sviluppi nelle indagini, l’Italia rimane sconvolta da questa tragica storia, mentre la famiglia di Giulia cerca giustizia per la giovane donna che ha perso la vita in circostanze così cruente e misteriose.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *