La storia di Denise Pipitone, la bambina scomparsa nel nulla: un incubo senza fine



La mattina del 1° settembre 2004, a Mazara del Vallo, Trapani, Denise Pipitone stava giocando in strada con la cugina mentre la nonna preparava il pranzo. Improvvisamente, Denise sparì senza lasciare traccia in pieno giorno in una zona deserta.



Oggi andrà in onda il primo dei quattro episodi della serie Denise, dedicata a uno dei casi più noti della criminalità italiana. Il rapimento di Denise Pipitone è ancora un mistero e nuovi dettagli continuano a emergere ancora oggi.

Denise Pipitone: il caso

Il giorno della scomparsa, Denise stava per compiere quattro anni. Sono passati quasi vent’anni dalla sua scomparsa e non si sa ancora dove si trovi. L’indagine è stata complessa, con molti cambi di direzione e colpi di scena inaspettati.

Piera Maggio ha rivelato che il padre biologico della bambina non era suo marito, ma il suo partner extraconiugale (sposato con due figli). Questo ha complicato la già contorta situazione di false testimonianze, avvistamenti ingannevoli (anche in Russia), test del DNA, false piste e procedimenti giudiziari in corso.

La docu-serie su Nine

La miniserie in quattro puntate di Vittorio Moroni racconta la tragica storia del rapimento di Denise Pipitone, utilizzando oltre 500.000 pagine di documenti giudiziari e interviste esclusive al fratello, alla nonna e ai “due padri”. Questo caso è un esempio di come l’opinione pubblica possa prevalere sulle emozioni dei diretti interessati.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *