L’asportazione di un seno: La confessione toccante di Nina Moric dopo il suo ricovero



La famosa modella e personaggio televisivo Nina Moric apre il suo cuore in una confessione piena di dolore e rivelazioni. La sua battaglia per la vita è stata dura, ma ci offre una visione ispirante della sua resilienza.



La Rinascita di Nina Moric

Nina Moric, protagonista di una delle storie più turbolente del panorama mediatico italiano, è risorta dalle sue ceneri come una fenice. In una recente intervista con il settimanale Oggi, l’ex moglie di Fabrizio Corona e madre del giovane Carlos, ha condiviso il suo viaggio doloroso ma trasformativo. Ha detto, “Preferisco rigenerata. Perché dà l’idea di un processo. E perché rinascita sa di resurrezione, e io non sono mai morta. Anche se ci sono andata vicino”.

La Lotta di una Madre e l’Abbandono della Famiglia

Nina Moric, adesso quarantasettenne, ha vissuto una vita piena di alti e bassi, non solo sul piano professionale, ma anche personale. Dalla sua ascesa alla fama come modella al suo tumultuoso matrimonio e divorzio con Fabrizio Corona, fino all’arrivo del figlio Carlos, la sua vita è stata costellata di sfide. Tra le più pesanti, la perdita dei suoi affetti primari: “Mi hanno abbandonata tutti. Non sto distribuendo colpe. Non punto il dito. Ma è da quasi cinque anni che non più gli affetti primari. I genitori, le sorelle, la famiglia. Ed è uno stacco definitivo”, ha condiviso apertamente.

La Battaglia Contro un Grave Problema di Salute

Il capitolo più doloroso del suo racconto riguarda la sua battaglia contro un grave problema di salute. Ha detto: “A maggio ho avuto un problema al seno. Un’infezione che è finita in sepsi. Sono stata attaccata da un batterio, è spuntato come un nodulo che poi ha cominciato a espandersi. Sono andata in un ospedale milanese dove sono stati, diciamo così, negligenti. Mi hanno dato antibiotici, cose blande. Ma il male si è diffuso. Dopo un mese, il mio seno era viola, una ‘bomba’ che mi dava dolori atroci. Sono finita in codice rosso all’Humanitas”.

La Solitudine in Ospedale

Nina ha dovuto affrontare la dura realtà del suo stato di salute per venti giorni in ospedale, dove, come ha confessato, “Mi hanno asportato il seno e la protesi. Ora sono un’amazzone: sa, loro si tagliavano un seno per poter tirare meglio con l’arco. La vera ferita è che non è venuto nessuno a trovarmi, tranne un amico. E ce n’era un altro che mi chiamava dagli Stati Uniti”. L’assenza del suo amato figlio, Carlos, durante questo periodo è stata una delle sue ferite più dolorose.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *