Mamma di Elisa Claps: “Non capiscono il dolore di una madre”. Proteste per la riapertura della chiesa del delitto



 Filomena, la madre di Elisa Claps, si oppone alla riapertura della chiesa della Trinità a Potenza, luogo del ritrovamento del corpo della figlia. Le sue parole riecheggiano il dolore e la protesta.



Madre Elisa Claps

Il Duro Scontro sulla Riapertura della Chiesa della Trinità

La decisione di riaprire la chiesa della Trinità a Potenza, luogo in cui fu scoperto il corpo di Elisa Claps, ha scatenato una serie di proteste. Filomena, la madre della giovane vittima, ha espresso il suo disappunto in un’intervista rilasciata al Resto del Carlino: “In quella chiesa c’è il sangue innocente di una ragazza di 16 anni”.

Il Dolore di una Madre: le Parole di Filomena

La scelta di riprendere le celebrazioni religiose nella chiesa dove Elisa Claps è stata ritrovata senza vita ha suscitato una serie di critiche. Filomena, sostenuta dalle parole di Gildo, fratello di Elisa, ha espresso il suo dolore: “Ho chiesto che non si celebrassero i sacramenti in quella chiesa perché lì è avvenuto un omicidio, ma non riescono a capire il dolore di una madre. Io volevo arrivare a un accordo. Avrebbero potuto fare tutto quello che volevano. Un centro antiviolenza, un museo, qualcosa di bello. Ho chiesto che non si celebrassero i sacramenti perché lì dentro c’è il sangue innocente di una ragazza di 16 anni”.

La Serie Rai sulla Vicenda di Elisa Claps

La madre di Elisa Claps ha poi commentato la riapertura della chiesa della Trinità: “Non passo davanti a quella chiesa da trent’anni e ribadisco che chiunque entrerà in quella chiesa deve guardare in alto e sotto i piedi. Perché lì dentro c’è il sangue innocente di una ragazza di 16 anni”. Infine, Filomena ha espresso la sua soddisfazione per come la serie Rai dedicata alla vicenda di sua figlia ha riacceso l’interesse sul caso: “Sono stati bravissimi, hanno dimostrato un’umanità unica. L’hanno trattata come una persona di famiglia. Sono entrati in punta di piedi con una delicatezza unica. Avevo timore, non avevo mai voluto prima, per me è stata una grande sorpresa”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *