Vanessa Ballan uccisa e gli errori della Procura, verifiche sull’operato dei pm



Il caso del femminicidio di Riese Pio X, che ha visto la tragica morte di Vanessa Ballan, ha scosso l’opinione pubblica e ora solleva importanti domande sull’operato della Procura. Il procuratore capo di Treviso, Marco Martani, ha ammesso che qualcosa è andato storto e ha dichiarato: “Cercheremo di capire cosa non ha funzionato”. La situazione si è ulteriormente complicata quando è emerso che il caso era stato inizialmente valutato come “non urgente”.



Il sottosegretario Andrea Ostellari ha sollecitato l’intervento del Guardasigilli, Carlo Nordio, sottolineando che “le leggi funzionano se vengono applicate”. Ostellari ha dichiarato che è fondamentale capire se il caso sia stato sottovalutato e perché. Pertanto, è stata richiesta una relazione dettagliata dalla Procura per analizzare le procedure seguite, dalla presentazione della querela per stalking alla perquisizione e al sequestro dei cellulari di Bujar Fandaj, il presunto colpevole. Successivamente, il Guardasigilli valuterà l’invio degli ispettori.

Il vicepresidente del Senato, Gian Marco Centinaio, ha annunciato l’intenzione di avviare un’interrogazione parlamentare per fare chiarezza sulla situazione. Ha sottolineato che il Parlamento, il Paese e soprattutto la famiglia di Vanessa Ballan hanno il diritto di sapere quali criteri abbiano portato alla valutazione di “non urgenza” da parte della Procura e se le leggi vigenti siano state applicate correttamente.

La Complessità delle Indagini sulla Violenza di Genere

Il Ministro Nordio, in quanto ex pubblico ministero e procuratore aggiunto di Venezia, comprende le sfide delle indagini sulla violenza di genere. Ha evidenziato che spesso si verificano situazioni in cui le vittime ritirano le denunce a causa della riconciliazione o del cambiamento delle circostanze. Tuttavia, ha anche sottolineato che ci sono state denunce strumentali o addirittura calunniose, che hanno reso complesso il lavoro degli investigatori.

L’Importanza della Chiarezza e della Prevenzione

La politica ha sostenuto la richiesta di chiarezza da parte del sottosegretario Ostellari. È stato sottolineato che è essenziale comprendere se ci siano state valutazioni errate che hanno messo a rischio la vita di Vanessa Ballan. Le leggi per combattere i femminicidi esistono, ma è necessaria anche una rete sociale ed educativa per prevenirli. Si è evidenziata l’importanza di insegnare alle donne a riconoscere gli atteggiamenti che possono indicare un possibile aumento di violenza, oltre alla collaborazione di tutte le istituzioni per una prevenzione efficace.

La tragedia di Vanessa Ballan ha scosso le coscienze e ora solleva domande cruciali sul sistema di giustizia e sulla prevenzione della violenza di genere.



Lascia un commento