Bambina di 11 anni ritrovata sottacqua in piscina in arresto cardiaco, è in condizioni disperate



Nella giornata di oggi, lunedì 17 giugno, una bambina di undici anni è stata trovata in arresto cardiocircolatorio nella piscina del Parco Aquaneva a Inzago, Milano. L’incidente è avvenuto intorno alle 10.54, quando la piccola è stata estratta dall’acqua in condizioni critiche. I soccorritori del 118 sono stati chiamati immediatamente e, contemporaneamente, sono intervenuti anche i carabinieri e gli agenti della polizia locale. La situazione si è rivelata subito grave, richiedendo un intervento rapido e coordinato.



Intervento Tempestivo dei Soccorsi

Una volta ricevuta la segnalazione, la centrale operativa dell’Azienda regionale emergenza urgenza della Lombardia (Areu) ha inviato sul posto un’ambulanza e fatto decollare un elicottero. Gli operatori sanitari del 118 sono arrivati sul luogo dell’incidente alle 10.54 e hanno trovato la bambina in arresto cardiocircolatorio. Le manovre di rianimazione sono iniziate immediatamente e la bambina è stata trasportata d’urgenza in elicottero all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Le sue condizioni sono state giudicate molto gravi e la piccola è attualmente in fin di vita.

Indagini in Corso per Chiarire la Dinamica

Nel frattempo, i carabinieri della stazione locale e gli agenti della polizia locale stanno svolgendo tutti i rilievi necessari per ricostruire l’esatta dinamica dell’incidente e accertare eventuali responsabilità. Gli investigatori stanno ascoltando tutti i testimoni presenti al momento dell’incidente, compresi i parenti della bambina e i bagnini della piscina. Le indagini si concentrano principalmente su due ipotesi: un possibile omesso controllo o un malore improvviso. Nei prossimi giorni si potranno avere maggiori dettagli su questo tragico evento che ha lasciato sconvolti tutti i presenti.

La Comunità in LuttoL’incidente ha lasciato sconvolti tutti i presenti, e la comunità locale si è unita per sostenere la famiglia della bambina. I soccorritori e gli investigatori stanno lavorando duramente per comprendere come questo tragico evento sia potuto accadere e per aiutare la bambina a riprendere il cammino.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *