Come finisce La Baia del Silenzio: trama e spiegazione finale



La regista Paula van der Oest (The Domino Effect) ci porta un’avvincente storia di mistero e dramma con protagonisti di spicco come Claes Bang, Olga Kurylenko e Brian Cox.



Un viaggio alla ricerca della verità

L’improvvisa scomparsa di sua moglie e dei suoi figli spinge Will (Claes Bang) in una frenetica ricerca attraverso l’Europa. Il suo obiettivo è ritrovare la sua famiglia e ricostruire la sua vita. Li rintraccia in un remoto villaggio in Francia, ma il sollievo di Will si trasforma rapidamente in orrore quando scopre che suo figlio è misteriosamente morto. Devastato dal dolore, decide di seppellire segretamente il figlio nel tentativo di proteggere sua moglie. Tuttavia, nascondere la verità lo mette in pericolo di distruggere tutto ciò che gli è caro. Mentre il mistero intorno alle azioni della moglie si fa sempre più oscuro e minaccioso, Will si impegna a scoprire la verità sulla scomparsa della moglie e sulla tragica morte del figlio, a qualsiasi costo.

Un cast eccezionale

Oltre ai protagonisti Claes Bang e Olga Kurylenko, il cast include anche Assaad Bouab (Messiah), Alice Krige (Gretel e Hansel), Caroline Goodall (Hunter Killer – Caccia negli abissi), Shalisha James-Davis (Alex Rider), Duncan Duff (Ladri di cadaveri – Burke & Hare), Maroussia Frank (L’ispettore Barnaby), Gijs Scholten van Aschat (L’esorcismo di Hannah Grace), Hannah van der Westhuysen (Frankenstein) e Agni Scott (Bridget Jones’s Baby).

Genesi del film

La regista Paula Van Der Oest racconta la genesi del film: “Quando ho letto la sceneggiatura de La baia del silenzio, ho visto una storia molto avvincente, sia thriller che dramma, su persone contemporanee con temi profondamente interessanti. Si tratta di oltrepassare i confini, di famiglia e di arte. Il marito, Will (Claes Bang), scopre che in realtà non conosce sua moglie (Olga Kurylenko). Quando inizi una relazione, vuoi davvero sapere tutto dell’altra persona? Un po’ di mistero non aiuta il romanticismo? Ma è anche qui che Will sbaglia molto. In superficie, Will è un personaggio diretto fino a quando il suo mondo non cade a pezzi. Rosalind è una persona più complessa sin dall’inizio. Non è una storia ordinaria”.

Stile e ispirazioni

“La baia del silenzio” è un thriller mistery contemporaneo che richiama lo stile di Hitchcock e ammicca a classici moderni come “A Venezia… un dicembre rosso shocking” di Nic Roeg, “The Vanishing – Scomparsa” di George Sluizer e “L’amore bugiardo – Gone Girl” di David Fincher. I temi trattati rievocano anche titoli come “Manchester by the Sea” di Kenneth Lonergan e “Tenera è la notte” di F. Scott Fitzgerald.

Le sfide delle riprese

La regista Paula Van Der Oest racconta le sfide delle riprese: “Tre paesi diversi – Italia, Scozia, Inghilterra – e un programma impegnativo, con località remote tra cui spiagge e scogliere, tempi stretti e condizioni meteorologiche difficili per ottenere bellissime immagini. Abbiamo girato su strade tortuose, in tunnel e in cima a scogliere, con un caldo torrido; una bizzarra tempesta ha inondato la nostra base di produzione, inzuppando i costumi e inviando tende per il catering in volo verso il mare. Ma la città di Sestri Levante ci ha accolto a braccia aperte. Quando i nostri protagonisti stanno nell’acqua della Baia del Silenzio sembrano soli, ma la baia brulicava di turisti, eroicamente rannicchiati per noi in un angolo della spiaggia”.

Curiosità sul film e sul cast

  • La baia del silenzio è basato sull’omonimo romanzo di Lisa St Aubin De Teran. L’autrice britannica ha pubblicato 22 libri, tra cui “Slow Train to Milan”, “Keepers of the House”, “The Hacienda”, “A Valley In Italy”, “Joanna” e “Great Railway Journeys”.
  • Le sei settimane di riprese in tre paesi sono iniziate a luglio 2018 nella Baia del Silenzio, nelle Cinque Terre in Liguria, e sono proseguite a Londra e nella regione costiera del confine scozzese. I luoghi isolati contrastano con l’ambiente urbano frenetico di Londra e la bellezza assolata della Baia del Silenzio, creando una tavolozza visiva per questa storia complessa e inquietante.
  • In Scozia, il terreno costiero selvaggio ha creato l’atmosfera gotica necessaria per la storia, con lunghe riprese notturne punteggiate dalla pioggia. La sicurezza sulle spiagge rocciose era fondamentale, soprattutto visto il coinvolgimento delle gemelle di otto anni Litiana e Lilibet Biutenesava. “Sono state magnifiche. Piangevano al momento giusto o litigavano come piccole selvagge, poi scoppiavano a ridere dopo che avevo chiamato lo stop,” ha raccontato Paula Van Der Oest.
  • La regista ha collaborato con il direttore della fotografia Guido De Gennep, con cui ha realizzato cinque film. De Gennep afferma: “Abbiamo ritenuto che il film dovesse essere d’amosfera e stilizzato, facendo riferimento al cinema classico di ‘A Venezia… un dicembre rosso shocking’ e ‘Il lenzuolo viola’ di Nick Roeg e a Hitchcock e Polanski. Ho guardato i primi lavori di Vittorio Storaro, come ‘L’uccello dalle piume di cristallo’ e ‘Il conformista’. Ha un ottimo modo di utilizzare il widescreen lasciando grandi aree dello schermo scure, il che crea un’atmosfera minacciosa. Volevamo dare al film un aspetto molto vecchio, europeo, e abbiamo deciso di utilizzare lenti anamorfiche in combinazione con Alexa XT, in modo che fosse stilizzato, ma in modo sottile. Abbiamo anche usato panoramiche rallentate per aggiungere un tocco di stile anni ’70”.
  • Il compositore statunitense John Swihart ha creato la colonna sonora, mescolando strumenti organici con una base elettronica per combinare elementi romantici e thriller, supportando la narrazione del film.

L’opera prima di Caroline Goodall

L’attrice e produttrice Caroline Goodall ha affrontato la sfida di scrivere e produrre un film da 4 milioni di dollari come opera prima. “Ho avuto il privilegio di imparare dai migliori attraverso una lunga carriera globale davanti alla macchina da presa. Ogni progetto ha il suo DNA imprevedibile, indipendentemente dalle dimensioni del budget. Ho vissuto la maggior parte delle cose sul set nel corso degli anni e la prima cosa che impari è fidarti delle persone intorno a te. Fin dall’inizio sono stata benedetta da un team generoso e impegnato e, avendo chiamato in vari modi la mia casa negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Italia, sono stata in grado di trovare persone che normalmente non lavorerebbero insieme. La post-produzione si è tenuta ad Amsterdam, una città meravigliosa in cui lavorare. Il ritmo è più calmo e vai in bicicletta ovunque. Abbiamo lavorato con il miglior professionista olandese di post-produzione che ha davvero preso a cuore il film”.

“La Baia del Silenzio” è un film che intreccia suspense, mistero e dramma, creando una narrazione avvincente che esplora i confini della fiducia, dell’amore e della disperazione. Con una regia abile e un cast eccezionale, questa pellicola offre una visione unica e indimenticabile sul potere del segreto e del non detto, rendendola un’esperienza cinematografica da non perdere.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *